Advertisement skip to Main Content

Biden

La corsa presidenziale di Biden preoccupa più i democratici che i repubblicani

Scommettere sulla rielezione di Joe Biden nel 2024 solo perché Donald Trump è il repubblicano più facile da battere potrebbe rivelarsi giusto ma è un azzardo e i democratici Usa sembrano accorgersene solo adesso. Ecco tutti i motivi per cui l'attuale presidente degli Stati Uniti dovrebbe farsi da parte e lasciare il posto a qualcun altro. L'articolo del Wall Street Journal

 

Questa è la stagione del malcontento democratico, mentre il partito e i suoi sodali mediatici si preoccupano della bassa posizione del presidente Biden nei sondaggi. Le domande da porsi sono: perché ci hanno messo tanto tempo e cosa hanno intenzione di fare?

L’ultimo allarme arriva a seguito dei sondaggi che mostrano come il gradimento di Biden sia pari al 42% o giù di lì. Nonostante la Casa Bianca faccia il tifo per la Bidenomics, gli elettori danno a Biden poco credito. È a pari merito con Donald Trump in un confronto per il 2024, il che dimostra quanto Biden sia debole per un presidente in carica con un’economia in crescita – scrive il WSJ.

PERCHÉ NESSUN DEMOCRATICO SFIDA BIDEN?

Il delirio del partito è sotto gli occhi di tutti. James Carville e Jim Messina, veterani di campagne democratiche vincenti, rimproverano i “pivelli” del partito. Ma alcuni media dicono che Biden dovrebbe annunciare che non si candiderà per un secondo mandato. Potrebbe lasciare l’incarico come un eroe democratico che ha salvato il Paese da un secondo mandato di Trump, affermare di aver compiuto molti progressi e lasciare che il partito nomini qualcuno della prossima generazione.

Eppure nessun democratico di spessore è stato disposto a dirlo pubblicamente, tanto meno a sfidare Biden alle primarie. Per mesi abbiamo chiesto ai democratici che frequentiamo perché nessuno sfida Biden, data la sua impopolarità. La loro risposta si riduce alla fiducia che Trump sarà il candidato repubblicano, che è il repubblicano più facile da battere, che Biden ci è già riuscito una volta e che una sfida alle primarie sarebbe più divisiva di quanto valga.

TUTTI I MOTIVI PER CUI INVECE ANDREBBE SFIDATO

Forse questo si rivelerà giusto, ma è un azzardo. Considerate le evidenti responsabilità politiche di Biden:

La sua età e il suo declino. La stampa ha cercato di coprire Biden, ma gli elettori si fidano dei propri occhi. Circa il 73% degli elettori registrati nell’ultimo sondaggio del Wall Street Journal afferma che Biden è troppo vecchio per candidarsi alla presidenza. Biden compie 81 anni tra due mesi e l’invecchiamento può accelerare in qualsiasi momento. La Casa Bianca tenterà di ripetere una versione del Rose Garden della strategia della cantina di Wilmington per il 2020, ma potrebbe non funzionare.

La vicepresidente Kamala Harris. Biden l’ha scelta come compagna di corsa nel 2020 per soddisfare le richieste di politica identitaria del suo partito. Ma la scelta si è ritorta contro di lei, che ha dimostrato di non essere in grado di fare il Comandante in Capo ed è spesso imbarazzante nelle interviste. Tutti sanno che un voto per Biden nel 2024 è probabilmente un voto per la presidente Harris, e i repubblicani lo sottolineeranno fino al giorno delle elezioni se lei rimarrà in lizza.

Hunter Biden e gli affari di famiglia. I repubblicani della Camera hanno già rivelato abbastanza dettagli per confermare l’uso del nome Biden da parte del figlio del presidente – “il marchio”, come ha detto il socio d’affari Devon Archer – per arricchire la famiglia. La stampa può dire che non ci sono prove che Joe Biden abbia ricevuto un assegno, ma i democratici non sanno cosa resta da scoprire.

Trump sarà implacabile nel perseguire politicamente tutto questo, e il pericolo per i democratici è che l’influenza della famiglia Biden finisca per neutralizzare le incriminazioni di Trump come un peso. È quello che ha fatto a Hillary Clinton nel 2016.

L’economia. L’economia si è ripresa quest’anno e la crescita del terzo trimestre è stata forte, ma si prevede un rallentamento nei prossimi mesi. Nonostante il calo dell’inflazione, i redditi reali sono ancora lontani dal recuperare gli aumenti dei prezzi degli ultimi 30 mesi. Se la disoccupazione dovesse salire al 5% o al 6%, i democratici subirebbero un danno politico e non avrebbero molta capacità di contrastarlo.

I migranti. Il problema dei migranti che si sta diffondendo. C’è mai stata una ferita politica più grande autoinflitta del rifiuto dell’amministrazione Biden di scoraggiare e fermare l’ondata di migranti al confine tra Stati Uniti e Messico? Biden si rifiuta di sfidare la sua base progressista sulla legge sull’asilo, e il danno si è diffuso in lungo e in largo. I funzionari democratici eletti chiedono aiuto. L’ex sindaco di New York, Michael Bloomberg, un sostenitore di Biden, sta avvertendo i democratici che questo danneggerà il partito nel 2024 se non agiranno.

***
Ci sono altri potenziali pericoli, non ultimo quello degli avversari all’estero. Russia, Cina e Iran potrebbero cercare di sfruttare le divisioni dell’anno elettorale americano. Ma ci sono già abbastanza rischi politici per giustificare l’allarme dei democratici.

I democratici potrebbero avere ragione a pensare che Trump sarà di nuovo la loro salvezza, come lo è stato in ogni elezione dal 2016. Ma se dovessero rimanere con il ticket Biden-Harris e il giorno dopo le elezioni si svegliassero scoprendo che Trump ha ripetuto il miracolo del 2016, non date la colpa ai repubblicani. I democratici avranno dato un contributo altrettanto decisivo.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top