skip to Main Content

La Cina lancerà la sua “operazione speciale militare” a Taiwan? Report Ft

Taiwan Cina

Cresce la tensione tra Stati Uniti e Cina su Taiwan. Ecco gli ultimi sviluppi nell’articolo del Financial Times

 

Il ministro della Difesa cinese ha iniziato il suo discorso alla conferenza sulla sicurezza Shangri-La Dialogue affermando in modo impreciso che la Cina non ha mai iniziato una guerra contro un altro Paese. Scrive il Financial Times.

Pochi minuti dopo, il generale Wei Fenghe ha avvertito la platea di funzionari ed esperti di sicurezza dei Paesi dell’Indo-Pacifico che l’Esercito Popolare di Liberazione (PLA) avrebbe “schiacciato” qualsiasi tentativo di Taiwan di perseguire l’indipendenza.

“Gli Stati Uniti hanno combattuto una guerra civile per la loro unità. La Cina non vuole mai una guerra civile di questo tipo. Schiacceremo risolutamente qualsiasi tentativo di perseguire l’indipendenza di Taiwan”, ha detto Wei domenica al pubblico, un riferimento bizzarro dal momento che la disputa tra Pechino e Taipei ha origine nella guerra civile cinese che ha portato il partito comunista al potere nel 1949.

I commenti del generale a tre stelle sono arrivati un giorno dopo il suo primo incontro con il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin, che ha fatto seguito a quasi nessun contatto tra le forze armate da quando Joe Biden è entrato in carica.

Wei e Austin hanno partecipato al forum in un momento in cui le relazioni sino-statunitensi sono nel loro stato peggiore da quando le nazioni hanno normalizzato i legami nel 1979, e con l’ansia di una possibile azione militare cinese contro Taiwan.

Queste tensioni si sono manifestate per due giorni a Singapore, quando entrambe le parti hanno espresso preoccupazione per le attività della controparte. Austin ha accusato l’esercito cinese di condurre pericolose manovre aeree e marittime, mentre Wei ha descritto gli Stati Uniti come un egemone arrogante che sta formando blocchi anti-Cina con la scusa del multilateralismo.

“Sebbene l’incontro tra Wei e Austin sembrasse finalizzato a porre dei paletti per Taiwan, il botta e risposta pubblico dimostra che la strada verso qualsiasi tipo di stabilità è ancora lunga”, ha dichiarato Natasha Kassam, esperta di Taiwan presso il think tank Lowy Institute.

Alcuni dei ministri dell’Indo-Pacifico presenti al forum hanno adottato un approccio più morbido, sollevando le preoccupazioni sul comportamento cinese in modo meno diretto. Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha sottolineato l’importanza della pace e della stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan, ma nel suo discorso è stato attento a non essere troppo critico nei confronti della Cina.

“Le parole pronunciate sul palco sono moderate”, ha dichiarato il tenente generale He Lei, vice presidente dell’Accademia cinese delle scienze militari. “Ma quando si tratta di dichiarazioni su questioni relative alla Cina, non siamo d’accordo. Non siamo d’accordo con il frequente puntare il dito”.

Diversi funzionari dell’Indo-Pacifico hanno detto in privato che la Cina sta intraprendendo manovre pericolose contro i Paesi della regione invece che contro gli Stati Uniti, che un tempo erano il suo obiettivo principale.

Richard Marles, ministro della Difesa australiano, ha dichiarato che l’incontro con Wei – il primo incontro di alto livello sulla sicurezza tra i due Paesi in tre anni – è stato un “primo passo critico”. Ha detto di aver espresso preoccupazione per un recente incidente in cui un caccia cinese ha condotto una manovra pericolosa vicino a un aereo spia australiano che volava vicino alla Cina.

Mentre alcuni funzionari cinesi hanno negato che ci sia stato un incidente che ha coinvolto l’aereo australiano P-8, il generale He ha detto che “le potenze esterne non hanno il diritto di sorvolare le nostre acque territoriali”.

Washington ribatte che i voli di sorveglianza degli Stati Uniti e dei suoi alleati si svolgono nello spazio aereo internazionale. Un funzionario statunitense ha dichiarato che negli ultimi mesi gli ufficiali della PLA hanno detto agli americani che lo Stretto di Taiwan non è acque internazionali – una posizione non riconosciuta dalla Cina e che Pechino non ha sostenuto in passato.

Il generale He ha detto che la Cina è in una posizione più forte per respingere le missioni di sorveglianza aerea nelle sue vicinanze. “L’esercito statunitense ha effettuato sorvoli simili molte volte in passato, ma le nostre capacità non erano ancora sufficienti per rispondere. Ora lo sono”, ha detto.

Nel suo discorso, Wei ha anche cercato di dipingere la Cina come una potenza benigna che vuole assicurarsi che i suoi vicini non subiscano le prepotenze degli Stati Uniti. Ma un diplomatico di un altro grande Paese asiatico ha affermato che Pechino non ha fatto nulla per affrontare i molteplici problemi di sicurezza della regione.

“Il tono di Wei può essere stato relativamente moderato. Ma non è solo un generale e non è solo il ministro della Difesa… Lo vedo soprattutto come un diplomatico”, ha affermato il funzionario, secondo il quale Wei sta cercando di nascondere l’attività sempre più aggressiva della PLA.

Un funzionario statunitense ha dichiarato che Austin ha espresso preoccupazione per il comportamento provocatorio della Cina nei confronti di Taiwan. In un segno di possibile allentamento delle tensioni, un funzionario cinese ha definito i colloqui “costruttivi”.

Ma meno di 24 ore dopo, Wei si è scagliato contro gli Stati Uniti dopo che Austin ha dichiarato al forum sulla sicurezza che c’è stato “un costante aumento delle attività militari provocatorie e destabilizzanti” vicino a Taiwan.

“Chiediamo agli Stati Uniti di smettere di denigrare e contenere la Cina”, ha detto Wei in un discorso che conteneva un chiaro avvertimento a Washington: “Se qualcuno impone una guerra alla Cina, il PLA non si tirerà indietro”.

Meia Nouwens, esperta militare cinese presso l’IISS, il think-tank che gestisce lo Shangri-La Dialogue, ha affermato che Wei non ha raggiunto il suo obiettivo, che sembrava essere quello di ottenere il difficile equilibrio di contrastare gli Stati Uniti con una forte retorica, ritraendo al contempo la Cina come una forza stabilizzante nella regione.

“Non credo che il pubblico regionale sia stato convinto dalla rappresentazione della Cina come benigna”, ha detto Nouwens. “Molte delle domande che gli sono state rivolte hanno evidenziato la preoccupazione e la mancanza di trasparenza di quelli che sono stati due anni intensi di sviluppi all’interno del PLA e delle sue capacità, nonché delle attività regionali”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore