skip to Main Content

Deficit

Ecco le ultime mosse ultratrumpiane di Biden pro industria Usa

Più diplomatico di Donald Trump ma altrettanto determinato, Joe Biden sta conducendo una vigorosa campagna "America first" per la produzione industriale. L'articolo di Le Monde.

L’Europa industriale ha il suo bel da fare di fronte alla Cina e al rullo compressore americano – scrive Le Monde. E non è detto che il regolamento sui microprocessori elaborato nel 2022 – oggetto di un accordo raggiunto martedì 18 aprile tra l’UE a 27 e il Parlamento – arrivi in tempo per strappare l’Unione Europea (UE) dalla morsa di Stati Uniti e Cina. L’obiettivo di questo piano è raggiungere il 20% del mercato mondiale, cioè raddoppiare in pochi anni, grazie a 46 miliardi di euro di fondi europei, capitali privati e un allentamento delle regole sugli aiuti di Stato.

L’ambizione è forte per un mercato globale che potrebbe valere 1.300 miliardi di dollari (1.190 miliardi di euro) entro la fine del decennio. “Padroneggiando i semiconduttori più avanzati, l’Unione Europea diventerà una potenza industriale nei mercati del futuro”, ha dichiarato il commissario per il Mercato interno Thierry Breton, che lo considera uno strumento per “riequilibrare e rendere sicure le nostre catene di approvvigionamento”. Ma i tempi sono stretti. L’UE dovrà mobilitare capitali per la ricerca e lo sviluppo di chip di ultima generazione e avviare molto rapidamente siti di produzione, come quelli dell’americana Intel in Germania o della franco-italiana STMicroelectronics a Crolles (Isère).

Dall’altra parte dell’Atlantico, l’amministrazione Biden ha raddoppiato il sostegno alle tecnologie pulite con due importanti leggi approvate nell’agosto 2022: l’Inflation Reduction Act, che fornisce 369 miliardi di dollari in crediti d’imposta, prestiti e garanzie ai produttori di batterie, pannelli solari e reti elettriche intelligenti, e il Chips and Science Act, che include un budget di 54 miliardi di dollari per i chip elettronici, componenti essenziali per l’industria automobilistica, delle energie rinnovabili, dell’intelligenza artificiale e della difesa.

La campagna “America first” di Biden

Più diplomatico del suo predecessore Donald Trump ma altrettanto determinato, Joe Biden sta conducendo una vigorosa campagna “America first” e può riprendere lo slogan “Make America great again”. Le sue politiche stanno iniziando a dare i primi frutti. In otto mesi, gli Stati Uniti hanno investito 204 miliardi di dollari (186 miliardi di euro) in semiconduttori e tecnologie a basse emissioni di carbonio, secondo un conteggio del Financial Times. Vogliono creare posti di lavoro a tutti i costi, rivitalizzare i territori abbandonati e ridurre la loro dipendenza dal Regno di Mezzo per i prodotti strategici.

Il quotidiano britannico ha esaminato gli investimenti per un valore di oltre 100 milioni annunciati tra agosto 2022 e metà aprile 2023. Ha individuato 75 progetti di grandi fabbriche che promettono di creare 82.000 posti di lavoro. Anche se non sono tutti attivati dalle recenti leggi, dovrebbero beneficiare degli aiuti. “Questo importo è quasi il doppio del capitale annunciato nel 2021 negli stessi settori, e quasi venti volte il livello del 2019″, stima il Financial Times. Quell’anno, solo quattro progetti avevano un valore superiore a 1 miliardo; oggi sono 31.

Il giornale ha individuato più di 30 investimenti per accelerare lo sviluppo del veicolo elettrico e 21 relativi ai microprocessori, un settore cruciale per Biden. Il 6 dicembre ha visitato il sito della Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC) a Phoenix (Arizona), circondato da membri dell’élite di Big Tech, tra cui il CEO di Apple Tim Cook. L’investimento del più grande produttore di microprocessori al mondo raggiungerà i 40 miliardi di dollari, un record storico per un’azienda straniera. Questa è più di una cerimonia di taglio del nastro”, ha dichiarato Brian Deese, il principale consigliere economico della Casa Bianca. Si tratta di costruire un ecosistema negli Stati Uniti” per questi componenti critici per la sicurezza nazionale.

Caccia ai sussidi

Un terzo dei 204 miliardi di dollari proviene da aziende straniere, soprattutto giapponesi, coreane e taiwanesi. Questa delocalizzazione nel Pacifico consente loro di ridurre la dipendenza dalla Cina, dove la loro presenza commerciale e industriale è minacciata da una grave crisi geopolitica, in particolare dal rischio di invasione di Taiwan da parte del potente vicino continentale. La sudcoreana LG Energy Solution investirà 5,5 miliardi in batterie in Arizona, Ford 2,4 miliardi in Michigan per produrre batterie per la cinese CATL, leader mondiale del settore, che equipaggerà i suoi veicoli. Non è escluso che anche la tecnologia cinese possa investire.

Le aziende spesso si rifiutano di rivelare gli importi degli aiuti ottenuti. Il volume totale delle sovvenzioni rese pubbliche dai loro beneficiari raggiunge a malapena i 14 miliardi, osserva il quotidiano finanziario. Il più grande aiuto conosciuto? Circa 5,5 miliardi all’azienda americana Micron per la fabbrica di chip da 20 miliardi di dollari prevista nello Stato di New York, più generoso del Texas nell’assicurarsi questa gigantesca fabbrica. La caccia alle sovvenzioni è talmente sfrenata nell’industria dei semiconduttori da sollevare la questione dell’interesse delle “gigafabbriche”: non faranno esplodere i bilanci locali?

Per il capo dell’Associazione dei produttori americani, Scott Paul, da tempo critico del lassismo dei governi successivi nei confronti della Cina, questo reshoring è “senza precedenti da diverse generazioni”. Questo movimento non impedisce ai repubblicani di essere scettici. Al Congresso hanno votato in modo schiacciante contro l’Inflation Reduction Act e il Chips and Science Act, tre quarti dei quali vanno attualmente a beneficio dei distretti del Grand Old Party.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top