skip to Main Content

Il Pentagono cambierà le campagne sui social media all’estero, ecco come e perché

Social Stati Uniti

Gli Stati Uniti non vogliono correre il rischio di comunicare e parlare di sé all’estero come Cina o Russia. Ecco da dove nasce il timore e quale strategia contano di adottare. L’articolo del New York Times

 

I funzionari della Casa Bianca hanno detto all’esercito che erano preoccupati per i loro sforzi di diffondere messaggi pro-americani sui social media, spingendo il Pentagono a ordinare una revisione delle operazioni segrete per influenzare le popolazioni all’estero. Scrive il New York Times.

La revisione fa seguito alla decisione di Twitter e Facebook, presa in estate, di chiudere gli account fuorvianti che, secondo loro, inviavano messaggi sugli interessi di politica estera degli Stati Uniti negli altri Paesi. La revisione del Pentagono e le preoccupazioni della Casa Bianca sono state riportate per la prima volta dal Washington Post.

I ricercatori della disinformazione hanno detto che le campagne si dividevano in due filoni. La maggior parte delle quali diffondeva messaggi filoamericani, tra cui meme e slogan che lodavano gli Stati Uniti. Questi programmi sono simili a come Pechino spesso diffonde la disinformazione seminando messaggi positivi sullo stile di vita in Cina.

Una campagna rivolta all’Iran, invece, ha diffuso messaggi divisivi sulla vita del Paese. Gli account coinvolti hanno diffuso opinioni sia a favore che contro il governo iraniano. Questo sforzo di disinformazione assomiglia ai metodi utilizzati dalla Russia per influenzare le elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Per anni i comandi militari statunitensi hanno promosso notizie e messaggi pro-americani per il pubblico d’oltreoceano, guadagnandosi talvolta il controllo del Congresso. Ma la decisione delle società di social media di chiudere alcuni account associati alle forze armate suggerisce che l’attività si è spinta oltre.

Twitter e Meta, la società madre di Facebook, hanno rimosso gli account che secondo loro violavano i loro termini di servizio prendendo parte a “comportamenti inautentici coordinati”.

Un rapporto di agosto dell’Osservatorio Internet dell’Università di Stanford e della società di analisi dei social media Graphika affermava che questi account spingevano messaggi pro-americani in Medio Oriente e in Asia centrale. I due gruppi hanno attribuito alcuni degli account eliminati da Facebook e Twitter alla Trans-Regional Web Initiative, un’iniziativa del Pentagono che ha più di 10 anni e che invia informazioni a sostegno degli Stati Uniti nelle aree in cui operano le forze armate statunitensi.

I post variavano molto in termini di sofisticazione. Alcuni dei lavori più raffinati erano rivolti agli utenti di Twitter e Telegram in Iran e promuovevano un’ampia varietà di opinioni. Mentre la maggior parte dei messaggi era critica nei confronti del governo iraniano, i ricercatori hanno detto che altri erano a favore, il tipo di attività che potrebbe essere potenzialmente progettata per infiammare il dibattito e seminare divisioni nel Paese. Diversi funzionari americani hanno detto che gli account sospesi erano affiliati alle forze armate statunitensi, anche se non hanno detto se gli sforzi erano destinati a diffondere informazioni in Iran.

Il programma ha evocato le campagne di propaganda che i governi autoritari hanno utilizzato per diffondere messaggi in patria e all’estero. Ma gli esperti di disinformazione dicono che non hanno avuto molto successo. I ricercatori hanno notato che la maggior parte dei post ha ricevuto solo una “manciata” di like o retweet e che solo il 19 percento degli account identificati aveva più di 1.000 follower.

Le precedenti operazioni di influenza sostenute da Stati nazionali sui social network sono state attribuite principalmente a Russia, Cina, Iran e altri avversari degli Stati Uniti.

La Russia è stata la pioniera di molte di queste tattiche di disinformazione online, utilizzando Facebook, Twitter e altri social network per diffondere messaggi divisivi. Alcuni dei primi sforzi del Paese erano volti a diffondere la propaganda pro-Cremlino nell’Europa orientale. I Paesi di tutto il mondo hanno imitato le tecniche della Russia.

Negli ultimi otto anni, Facebook ha nominato più di una dozzina di Paesi che hanno creato iniziative di disinformazione di stampo russo, tra cui Iran, Sudan e Nicaragua. L’azienda pubblica ora rapporti mensili in cui descrive le nuove campagne di disinformazione che ha sradicato.

La Cina ha anche utilizzato Facebook e Twitter per migliorare la propria immagine e sminuire le accuse di violazione dei diritti umani.

La Trans-Regional Web Initiative è nata come iniziativa del Comando per le operazioni speciali nel 2008. Nel corso del tempo, anche il Comando centrale degli Stati Uniti e altri comandi militari hanno iniziato a inviare messaggi veritieri, ma favorevoli agli Stati Uniti. Gli sforzi del Comando centrale sono iniziati con siti web che pubblicavano notizie destinate al pubblico del Nord Africa e del Medio Oriente.

Dopo un rapporto critico del Government Accountability Office, nel 2013 il Congresso ha approvato una legge di autorizzazione alla difesa che chiedeva di non finanziare l’iniziativa l’anno successivo. Lunedì i funzionari del Pentagono non hanno risposto a domande sull’iniziativa. Tuttavia, altre operazioni di informazione sono continuate sulle piattaforme dei social media.

Sulla scia del rapporto di Stanford, alcuni funzionari statunitensi, informati sul programma, hanno contestato l’inautenticità degli account, affermando che alcune pagine del profilo degli account riportavano l’affiliazione al Comando centrale.

Ma non è chiaro quanti account avessero tale indicazione o se ci fosse uno sforzo più ampio per nascondere il loro legame militare.

I funzionari della Casa Bianca temevano che la politica del Pentagono in materia di operazioni informative fosse troppo ampia e che i programmi clandestini potessero minare la credibilità degli Stati Uniti, anche se il materiale diffuso era accurato, ha dichiarato il funzionario dell’amministrazione.

Patrick Ryder, portavoce del Pentagono, ha affermato che la politica del Dipartimento della Difesa è quella di condurre operazioni informative a sostegno delle “priorità della sicurezza nazionale”.

“Queste attività devono essere intraprese nel rispetto della legge statunitense e della politica del Dipartimento della Difesa”, ha dichiarato il generale Ryder. “Siamo impegnati a far rispettare queste garanzie”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore