skip to Main Content

Il caso Tom Barrack visto dal New York Times

Caso Barrack

Un agente straniero nella cerchia interna di Trump? Il caso Barrack tra fatti, nomi e domande nell’articolo del Nyt

Una volta, sarebbe stata una notizia enorme se il presidente del comitato inaugurale dell’ex presidente fosse stato incriminato con l’accusa di agire come agente di una potenza straniera.

La presidenza di Donald Trump, tuttavia, ci ha lasciato un’inflazione di scandali. A questo punto molte delle figure di spicco della sua campagna del 2016 sono state incriminate o condannate, anche se poi sono state graziate. Il direttore finanziario della società di Trump è stato accusato di frode fiscale meno di un mese fa.

Così, quando l’investitore immobiliare miliardario Tom Barrack, uno dei più grandi raccoglitori di fondi di Trump, è stato arrestato martedì e accusato di agire come agente non registrato degli Emirati Arabi Uniti insieme ad altri reati, potrebbe essere sembrata una storia di cane che morde l’uomo. Barrack è stato descritto una volta dallo stratega di lunga data di Trump Roger Stone – un criminale, naturalmente – come il migliore amico dell’ex presidente. Se non si sapesse nient’altro di Barrack se non questo, si potrebbe immaginare che sarebbe finito in manette.

Tuttavia, l’arresto di Barrack è importante. I rapporti di Trump con gli Emirati e l’Arabia Saudita meritano di essere indagati tanto a fondo quanto i rapporti della sua amministrazione con la Russia. Finora questo non è successo – scrive il NYT.

Quando Robert Mueller, l’ex consulente speciale, ha testimoniato davanti al Congresso, Adam Schiff, presidente della commissione Intelligence della Camera, gli ha detto: “Non ci siamo preoccupati di chiedere se gli incentivi finanziari di qualche nazione del Golfo stavano influenzando la politica degli Stati Uniti, poiché è fuori dai confini del suo rapporto, e quindi dobbiamo scoprirlo”. Ma non l’abbiamo scoperto.

Un processo Barrack, se il caso va così lontano, è improbabile che risponda a tutte le domande in sospeso su come il denaro del Golfo abbia plasmato la politica di Trump. Ma potrebbe rispondere ad alcune.

Ricordiamo che la Russia non è stata l’unica nazione a mandare emissari alla Trump Tower durante la campagna presidenziale offrendo aiuto elettorale. Il rapporto bipartisan della commissione intelligence del Senato sulle interferenze elettorali russe discute un incontro alla Trump Tower dell’agosto 2016 i cui partecipanti includevano Donald Trump Jr, George Nader, allora consigliere del principe ereditario Mohammed bin Zayed, il sovrano de facto degli Emirati, e Joel Zamel, proprietario di una società di intelligence privata israeliana, Psy-Group. (Nader è attualmente in prigione per sfruttamento di minori a scopo sessuale e  pedo-pornografia.

“Zamel ha chiesto a Trump Jr. se la conduzione da parte di Psy-Group di una campagna di social media pagata da Nader avrebbe presentato un conflitto per la campagna di Trump”, ha detto il rapporto del Senato. “Secondo Zamel, Trump Jr. ha indicato che questo non avrebbe presentato un conflitto”.

Zamel ha detto al comitato del Senato che la sua azienda non ha mai effettivamente eseguito tale lavoro. “Ciononostante, come descritto di seguito, Zamel si è impegnato in un lavoro per conto di Nader, per il quale è stato pagato più di 1 milione di dollari”, ha detto il rapporto. Zamel ha affermato che il pagamento era per un’analisi postelettorale dei social media, di cui tutte le copie sono state apparentemente cancellate.

Se le accuse nell’atto d’accusa di Barrack sono vere, significa che mentre un consigliere degli Emirati offriva aiuto elettorale alla campagna di Trump, un agente emiratino stava anche plasmando la politica estera di Trump, inserendo persino la lingua preferita del paese in uno dei discorsi del candidato. I procuratori dicono che Barrack ha detto ad una figura di alto livello che chiamano “Emirati Official 2” che aveva collaborato alla campagna di Trump. (È stato Barrack a raccomandare Paul Manafort, poi condannato per molteplici reati, a Trump). Quando un funzionario emiratino ha chiesto a Barrack se aveva informazioni su alti incaricati di Trump, Barrack ha presumibilmente risposto, “lo faccio” e ha detto che avrebbero dovuto parlare per telefono. Si dice che si sia recato negli Emirati per fare una strategia con la sua leadership su ciò che volevano dall’amministrazione durante i suoi primi 100 giorni, i primi sei mesi, il primo anno e il primo mandato.

Nei primi mesi dell’amministrazione Trump, i procuratori dicono che un altro presunto agente emiratino di nome Rashid Sultan Rashid Al Malik Alshahhi – anche lui incriminato martedì – ha mandato un messaggio a Barrack: “Il nostro popolo vuole che tu aiuti. Speravano che tu potessi gestire ufficialmente le agende”. Secondo l’accusa, Barrack ha risposto: “Lo farò! Più tardi, Barrack avrebbe chiamato Alshahhi “l’arma segreta per far avviare il piano di Abu Dhabi” da Trump.

All’epoca, diversi paesi arabi, compresi gli Emirati, stavano bloccando il Qatar. Anche se il Pentagono e il Dipartimento di Stato hanno tentato di rimanere neutrali nella crisi, Trump ha inviato tweet che sembravano sostenere il blocco e persino prenderne il merito.

Durante la sua presidenza, Trump non avrebbe potuto essere un alleato più accomodante con gli Emirati e con l’Arabia Saudita, il cui principe ereditario, Mohammed bin Salman, era un protégé del principe Mohammed bin Zayed. Il primo viaggio all’estero di Trump è stato in Arabia Saudita. Ha strappato l’accordo con l’Iran, odiato dai leader arabi del Golfo. Dei 10 veti presidenziali di Trump, cinque riguardavano questioni che preoccupavano gli Emirati e l’Arabia Saudita. Più significativamente, ha scavalcato il tentativo del Congresso di porre fine al coinvolgimento militare americano nello Yemen, dove l’Arabia Saudita e gli Emirati combattevano su un lato di una brutale guerra civile. Secondo il libro “Rage” di Bob Woodward, Trump si è vantato di aver “salvato” il principe ereditario saudita dopo che l’omicidio del dissidente saudita Jamal Khashoggi ha suscitato una vasta indignazione.

Non c’è motivo di attribuire tutta la sollecitudine di Trump a Barrack. Trump ama e ammira i dittatori vistosi e ha i suoi interessi finanziari negli Emirati. Barrack ha presentato Jared Kushner ad alcuni dei suoi soci del Golfo, ma Kushner aveva le sue ragioni per perseguire alleanze con loro, in particolare la sua spinta per ottenere più paesi musulmani a normalizzare le relazioni con Israele. Tuttavia, se un membro della cerchia ristretta di Trump risulta essere stato un agente emiratino, questo è un grosso problema. È un promemoria di tutto ciò che ancora non sappiamo su ciò che è andato nella politica estera della presidenza più corrotta della storia americana.

Nel giugno 2018, il Times ha riferito che la società di Barrack “ha raccolto più di 7 miliardi di dollari in investimenti da quando il signor Trump ha ottenuto la nomina”, circa un quarto dagli Emirati o dall’Arabia Saudita. Barrack si è dimesso dal suo ruolo esecutivo in quella società a marzo, ma proprio la settimana scorsa ha detto a Bloomberg Television che gli emiratini sarebbero stati tra i suoi investitori in una nuova impresa che coinvolge “mega resort” e “l’industria dell’ospitalità relativamente al benessere, relativamente alla salute.” Gli americani meritano di sapere se Barrack ha essenzialmente venduto ai suoi investitori l’influenza sulla politica estera degli Stati Uniti. Il mercato dello scandalo Trump può essere saturo, ma quando si tratta del ruolo del denaro straniero nell’ultima amministrazione, non mancano i misteri.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore