Mondo

Forze armate per controllare le norme anti Covid? Fatti e polemiche

di

mascherina

Chi e come contesta l’intenzione del governo di ricorrere alle Forze armate per controllare il rispetto delle prossime norme anti Covid che saranno previste dal Dpcm in cantiere a Palazzo Chigi

Verso un ampliamento delle misure anti Covid.

E’ quanto sarà stabilito dal Dpcm in cantiere nel governo.

In primis sarà previsto l’obbligo delle mascherine anche all’aperto.

Una misura ritenuta necessaria per impedire contatti troppo stretti all’uscita delle scuole, ma anche fuori dai locali pubblici dove le persone si accalcano e spesso dimenticano di mantenere la distanza.

Il divieto di assembramento rimane in vigore, così come la volontà di intensificare i controlli utilizzando la polizia locale ma anche i soldati impegnati nell’operazione «Strade sicure», ha scritto oggi il Corriere della Sera.

Proprio su queste prime indiscrezioni, c’è chi contesta il ricorso alle forme armate.

“Siamo curiosi di leggere il provvedimento sul controllo del rispetto delle norme relativo alla pandemia esteso ai militari dell’operazione ‘Strade Sicure’ e all’utilizzo delle Forze armate attraverso un dpcm, che ovviamente non prevede alcuna discussione in Parlamento ma possiamo già sottolineare come il governo Conte si ricordi dei nostri militari ogni qualvolta si trovi in difficoltà, come già successo per i rifiuti di Reggio Calabria e il trasporto del mobilio scolastico”.

Lo dichiarano i deputati e senatori di Fdi in commissione Difesa: Deidda, Ferro, Galantino, Rauti e Petrenga. “Ci auguriamo che includa norme che tutelino l’operato dei nostri militari nell’espletamento delle funzioni assegnate e non si ritrovino da soli a dover affrontare processi mediatici dopo alcuni interventi – continuano gli esponenti di Fdi – il governo, inoltre, dovrebbe ricordarsi di convocare le rappresentanze per discutere dei prossimi provvedimenti economici, previsto tra l’altro dalla legge, e non sarebbe male vedere l’adeguato e concreto riconoscimento al loro operato non solo con dichiarazioni di facciata ma attraverso fondi e provvedimenti per migliorare le condizioni di lavoro e la loro vita”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati