skip to Main Content

Cinesi

Perché i cinesi stanno inviando tanto denaro all’estero? Report Nyt

In Cina le famiglie stanno inviando denaro all'estero: è un segno di preoccupazione per il futuro economico e politico del Paese. Ma il deprezzamento della valuta sta aiutando le esportazioni. L'articolo del New York Times.

Quest’anno i cinesi benestanti hanno spostato centinaia di miliardi di dollari fuori dal Paese, approfittando della fine delle precauzioni imposte dal Covid, che per quasi tre anni avevano quasi completamente sigillato le frontiere cinesi.

Stanno usando i loro risparmi per acquistare appartamenti all’estero, azioni e polizze assicurative. Potendo volare di nuovo a Tokyo, Londra e New York, i viaggiatori cinesi hanno acquistato appartamenti in Giappone e versato denaro in conti negli Stati Uniti o in Europa che pagano interessi più alti rispetto alla Cina, dove i tassi sono bassi e in calo.

Il disagio della Cina dopo la pandemia

Lo spostamento di denaro verso l’estero indica in parte il disagio all’interno della Cina per la stentata ripresa dopo la pandemia e per problemi più profondi, come l’allarmante rallentamento del settore immobiliare, il principale deposito di ricchezza delle famiglie. Per alcuni è anche una reazione ai timori sulla direzione dell’economia sotto la guida del leader cinese Xi Jinping, che ha dato un giro di vite alle imprese e ha rafforzato il controllo del governo su molti aspetti della società.

In alcuni casi, i cinesi stanno improvvisando per aggirare i rigidi controlli governativi sul trasferimento di denaro all’estero. Hanno acquistato lingotti d’oro abbastanza piccoli da poter essere sparsi in modo discreto nel bagaglio a mano, così come grandi pile di valuta estera.

Anche gli immobili sono un’opzione. I cinesi sono diventati i principali acquirenti di appartamenti a Tokyo che costano 3 milioni di dollari o più, e spesso pagano con valigie di contanti, ha dichiarato Zhao Jie, amministratore delegato di Shenjumiaosuan, un servizio di annunci immobiliari online a Tokyo. “È davvero un lavoro duro contare questo tipo di contanti”.

Prima della pandemia, ha detto, gli acquirenti cinesi di solito compravano monolocali a Tokyo per 330.000 dollari o meno per affittarli. Ora stanno acquistando unità molto più grandi e ottengono visti di investimento per trasferire le loro famiglie.

Complessivamente, si stima che quest’anno siano usciti dalla Cina circa 50 miliardi di dollari al mese, soprattutto da parte delle famiglie cinesi e delle aziende del settore privato.

I cinesi che inviano denaro all’estero sono un pericolo l’economia?

Secondo gli esperti, il ritmo con cui il denaro lascia la Cina probabilmente non rappresenta un rischio imminente per l’economia del Paese da 17.000 miliardi di dollari, in gran parte perché le esportazioni di molti dei principali prodotti manifatturieri del Paese sono forti e restituiscono un flusso costante di denaro.

Tuttavia, una tendenza più generalizzata da parte delle famiglie ad inviare i propri risparmi all’estero potrebbe essere motivo di allarme. Negli ultimi decenni, deflussi di denaro su larga scala hanno scatenato crisi finanziarie in America Latina, nel Sud-est asiatico e persino nella stessa Cina, alla fine del 2015 e all’inizio del 2016.

Finora il governo cinese ha dichiarato di ritenere la situazione sotto controllo. La fuoriuscita di denaro dalla Cina ha indebolito la valuta, il renminbi, rispetto al dollaro e ad altre valute. La debolezza del renminbi ha contribuito a sostenere le esportazioni della Cina, che sostengono decine di milioni di posti di lavoro cinesi.

Il flusso di denaro in uscita dalla Cina “è molto gestibile”, ha dichiarato Wang Dan, capo economista per la Cina presso la sede di Shanghai della Hang Seng Bank.

I responsabili politici cinesi fanno ancora affidamento su alcuni dei limiti al prelievo di denaro dal Paese imposti per arginare la crisi valutaria di otto anni fa. Altre restrizioni imposte allora, come il controllo delle esportazioni e delle importazioni per individuare schemi mascherati per i trasferimenti internazionali di denaro, sono state lasciate decadere e non sono state reintrodotte quest’anno, anche se i flussi di denaro sono ripresi.

Il movimento di denaro in uscita dalla Cina ha più o meno eguagliato il denaro portato in entrata dalle grandi eccedenze commerciali del Paese. Con grande disappunto di molti altri Paesi, soprattutto in Europa, la Cina sta esportando un numero crescente di pannelli solari, auto elettriche e altri prodotti avanzati, anche se ha sostituito un maggior numero di importazioni con la produzione interna.

La svalutazione dello yuan

All’inizio di quest’anno il renminbi si è svalutato fino a raggiungere il livello più basso degli ultimi 16 anni. Si è aggirato intorno a 7,3 per il dollaro per gran parte degli ultimi due mesi, prima di risalire leggermente nell’ultima settimana.

L’ondata di denaro in uscita dalla Cina, avvenuta otto anni fa, è stata causata da un crollo del mercato azionario e da un tentativo malriuscito di svalutare la valuta in modo controllato. La banca centrale cinese ha dovuto spendere fino a 100 miliardi di dollari al mese delle sue riserve di denaro straniero per sostenere il renminbi.

Secondo i dati della banca centrale, invece, la Cina sembra aver speso circa 15 miliardi di dollari al mese dalla metà dell’estate per stabilizzare la propria valuta. “Non c’è nulla che suggerisca che si tratti di una situazione disordinata”, ha dichiarato Brad Setser, specialista di finanza internazionale presso il Council on Foreign Relations. “L’entità della pressione è ancora molto più ridotta rispetto al 2015 o al 2016”.

I deflussi del 2015 e del 2016 riflettevano gli sforzi delle grandi aziende statali per spostare grandi somme di denaro all’estero. Oggi il governo detiene un controllo politico più stretto su queste società, e non c’è stato alcun segno di una simile corsa all’uscita da parte loro.

Al contrario, le aziende private e le famiglie cinesi hanno spostato il denaro all’estero. Ma gran parte della ricchezza delle persone è legata a beni immobili, che non possono essere venduti facilmente.

Allo stesso tempo, a Shanghai, Shenzhen e in altre città, le attività illegali di cambio di denaro, che erano solite convertire il renminbi in dollari e in altre valute straniere, sono state chiuse da raid della polizia otto anni fa. Le autorità di regolamentazione hanno chiuso quasi tutti i tour del gioco d’azzardo a Macao, un territorio cinese amministrato separatamente. Questi viaggi permettevano ai ricchi cinesi di acquistare le fiches dei casinò con i renminbi, giocarne una parte al baccarat o alla roulette e poi convertire il resto in dollari.

Pechino ha anche vietato la maggior parte degli investimenti all’estero in hotel, torri di uffici e altri beni di scarso valore geopolitico. L’architetto delle limitazioni agli investimenti esteri, Pan Gongsheng, è stato promosso a luglio a governatore della banca centrale, la People’s Bank of China.

I trucchi

Ma famiglie e aziende continuano a inviare denaro all’estero.

In un recente pomeriggio, le filiali della Bank of China e della China Merchants Bank nel continente vendevano lingotti d’oro a un prezzo superiore del 7% rispetto alle banche affiliate nell’adiacente Hong Kong. Questa differenza di prezzo indica che all’interno della Cina la domanda di oro, che può essere facilmente trasferito fuori dal Paese, è elevata.

Un altro trucco utilizzato dai cittadini della Cina continentale per far uscire il denaro dalla Cina è quello di aprire conti bancari a Hong Kong e poi trasferire il denaro per acquistare prodotti assicurativi che assomigliano a certificati di deposito bancari. Secondo l’Autorità assicurativa di Hong Kong, i premi per le nuove polizze assicurative vendute ai cittadini continentali in visita a Hong Kong sono stati superiori del 21,3% nella prima metà di quest’anno rispetto alla prima metà del 2019, dopo essere quasi scomparsi durante la pandemia.

In una filiale della Bank of China nella penisola di Kowloon, a Hong Kong, i cittadini della Cina continentale aspettavano alle 7:30 per aprire i conti, 90 minuti prima dell’apertura della banca. Alle 8 del mattino la fila era così lunga che chi arrivava più tardi era fortunato se riusciva a raggiungere la testa della fila prima della fine della giornata lavorativa, ha dichiarato Valerius Luo, un agente assicurativo di Hong Kong.

Le famiglie stanno investendo da 30.000 a 50.000 dollari in valuta statunitense in prodotti assicurativi, un numero di volte superiore rispetto al passato, alla ricerca di luoghi sicuri in cui parcheggiare i propri risparmi, ha dichiarato Luo. “Ci sono ancora persone con un capitale potente”, ha detto, “e vogliono un pacchetto di investimenti che preservi il valore”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top