Mondo

Elezioni Baviera, rischio terremoto per Merkel e Ue

di

L’analisi a cura di Sartoria Politica con scenari sulle elezioni in Baviera

La Baviera, patria di Joseph Ratzinger e di Horst Seehofer, è espressione della Germania più legata alle sue tradizioni e nello stesso tempo è avanguardia economica e tecnologica: “la Silicon Valley d’Europa”.

Alla vigilia del voto, la Baviera dovrà sopportare un vero e proprio terremoto politico con ripercussioni anche in Europa e per la stessa Merkel, in previsione delle prossime elezioni europee in programma il prossimo anno.

La CSU, incontrastato dominus della scena politica bavarese dal 1946, abituata a conquistare la maggioranza assoluta e il primo ministro – un caso unico nella politica tedesca e non solo – nelle previsioni dovrebbe subire una perdita di voti enorme:

• la CSU dovrebbe dal 47,7 per cento delle elezioni regionali del 2013 al 34 per cento di domenica;

• la SPD confermerebbe la profonda crisi dei partiti socialdemocratici e sarebbe un partito dimezzato, circa all’11 per cento, rispetto il 20,6 per cento delle scorse elezioni;

• la Grüne raddoppierebbe i suoi voti, dall’8,6 del 2013 al 18% attuale;

• guadagnerebbero qualcosa FDP (6%) e la Linke (dal 2,1 al 4%, ma sotto la soglia di sbarramento del 5%)

Per la prima volta la destra nazionalista di AfD farebbe il suo ingresso nel Parlamento del Land della Baviera con un 12 per cento. Guadagnano inoltre i civici di Freie Wähler, i primi a scalfire il monopolio dei sociali, dal 9% del 2013 all’10% attuale.

LA QUESTIONE IMMIGRAZIONE E AFD

Il problema più sentito nelle regioni tedesche è il tema della sicurezza. La issue principale è la percezione dell’immigrazione e in generale di “zukunftsängste” (paure/preoccupazioni per il futuro/spaesamento), soprattutto legati al tema della globalizzazione, della digitalizzazione e della situazione immobiliare che in Baviera, nonostante la ricchezza diffusa, è proibitiva.

Secondo la Zeit, l’elettore tipico della Alternative fur Deutschland ha più di 30 anni, appartiene al ceto medio, ed è di un livello culturale almeno sufficiente. Il 38% guadagna da 1.800 a 3 mila euro netti, e il 25% supera i tremila euro, sempre al netto. Il 44% ha un diploma professionale, e un buon terzo almeno la maturità. I partiti tradizionali, come la CSU e la SPD, sono stati puniti soprattutto per la loro incapacità di affrontare in maniera concreta il tema migrazioni: l’80% è preoccupato dalla presenza di troppi profughi, soprattutto musulmani, che non sembrano disposti a farsi integrare, e a rispettare i principi sociali di chi li accoglie. AfD, non a caso, è maggiormente seducente nelle regioni più ricche della Germania, come appunto la Baviera e la Sassonia.

GLI SCENARI

In estate, sembrava inevitabile una coalizione a due, oggi non basterebbe: serve un’alleanza a tre, e i bavaresi temono di ritrovarsi con un governo paralizzato dai continui compromessi. I voti dei cristiano-sociali si stanno redistribuendo altrove. L’alleanza con l’AfD è stata esclusa da entrambi (anche per impossibilità numerica), mentre si parla con insistenza di una coalizione con i Verdi. La CSU nonostante la prosperità della regione rischia di perdere la maggioranza e di subire una sconfitta storica. La CSU governa con la maggioranza assoluta in Baviera dal 1958, con una sola eccezione nel 2008 e comunque non è mai scesa sotto il 43% dei consensi. Teoricamente, stavolta, potrebbe addirittura uscire dalle urne anche una maggioranza contro la CSU. Comunque vada, l’impatto sulla Grosse Koalition sarà grande: potrebbe uscirne irrimediabilmente indebolita o paradossalmente rafforzata.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati