Mondo

Cosa succederà all’economia dell’America Latina dopo la pandemia

di

coronavirus america centro-sud

Fatti e previsioni di Eric Parrado, capo economista della Banca Interamericana di Sviluppo (BID), intervistato da El Pais, sull’America Latina

Il capo economista della BID vede una ripresa a forma di U nella zona, più lenta che nel resto del mondo, dopo un “triplo colpo” all’economia nel 2020.
Il cileno Eric Parrado (Antofagasta, 1970) si è trovato di fronte a un’enorme patata bollente sotto forma di pandemia globale solo un anno dopo aver ottenuto il posto di capo economista della Banca Interamericana di Sviluppo (BID). Parla con EL PAÍS, per videochiamata e per quasi un’ora, in una delle settimane più complesse dell’istituzione con sede a Washington: il governo di Donald Trump si batterà affinché un americano presieda la Banca, contravvenendo ad una storica norma non scritta. Anche nel peggiore momento sanitario nel subcontinente dall’inizio della crisi del coronavirus, con l’America Latina diventata già l’ultimo epicentro della malattia.
Domanda. È così pessimista come suggeriscono le ultime proiezioni?
Risposta. Una delle poche cose che abbiamo è che questa è una crisi senza precedenti: ce ne sono pochissime che le somigliano. Forse, in termini di impatto, la Grande Depressione degli anni ’30, ma con la differenza che allora furono tre anni di forte calo del PIL e qui sembra che sarà solo uno. Le previsioni stanno diventando più pessimistiche perché abbiamo cominciato ad avere informazioni sul settore reale, con forti cali nei consumi e disoccupazione. Nella regione vediamo tassi di -14% e -15% in termini mensili. E questo significa più povertà, più indebitamento e più disuguaglianza.
D. C’è il rischio che la ripresa sia a forma di V nei paesi ricchi, ma a forma di U, per i meno ricchi come l’ America Latina?
R. È un rischio, siamo preoccupati. Molti Paesi del Sud America hanno un’importante dipendenza dalla Cina che, sebbene si stia riprendendo relativamente bene, troverà un mondo indebolito. Comunque, il nostro problema non è nuovo: la pandemia ci ha colti di sorpresa, crescendo già nel 2019 meno del necessario per il nostro sviluppo. La crescita molto forte nel 2021 sembra sempre più lontana: la ripresa della regione richiederà chiaramente più tempo. La nostra previsione centrale rimane un calo del PIL tra -8% e -10% quest’anno e una ripresa solo a partire dalla seconda metà del 2021. In altre parole, più una U che una V.
D. Quando la zona recupererà il livello del PIL pre-pandemico?
R. Ci vorrà molto tempo, perché l’impatto è molto forte e devi crescere più forte di quanto sei calato: se sei calato del 9%, con un recupero del 9% non raggiungerai lo stesso livello… Devi crescere molto di più per poter raggiungere il livello di tendenza. Sarà molto dispendioso.
D. Di quanto tempo stiamo parlando?
R. Tre o quattro anni. E ancora di più per tornare ai precedenti livelli di reddito pro capite, che è uno dei principali indicatori di sviluppo.
D. Tutti i motori si sono arrestati improvvisamente, cosa guiderà il futuro recupero?
R. L’America Latina sta subendo un triplice arresto improvviso: dalla mobilità delle persone, dalle restrizioni di viaggio e dal turismo, che colpisce soprattutto i Caraibi e alcuni Paesi sudamericani; dal commercio, con esportazioni e importazioni in forte calo; e dai flussi finanziari, con un calo degli investimenti diretti esteri che può raggiungere il 50% e un forte calo delle rimesse di circa il 30%. Questo improvviso triplo stop è la grande differenza con il mondo sviluppato e quasi tutti quelli emergenti. Per questo motivo vediamo sempre più peggiorare le previsioni di crescita. Il colpo, però, non sarà lo stesso in tutti i casi: i Paesi che hanno fatto il lavoro, con prudenza fiscale e banche centrali indipendenti, hanno potuto fare uno sforzo in più per affrontare la crisi. Lì il recupero sarà molto più veloce.
D. All’inizio della crisi l’attenzione economica era rivolta all’Asia, con la Cina in prima linea. Poi è stata l’Europa, soprattutto l’Italia e la Spagna. Ora l’attenzione si concentra sull’America Latina.
R. Siamo entrati in questa pandemia con una preesistente, bassa produttività e crisi sociale in alcuni Paesi. Nel 2019 volavamo già con uno dei motori danneggiato e in questo 2020 l’altro motore si è danneggiato. Ora la cosa complicata è cercare di far planare questo aereo, salvare i suoi passeggeri atterrando in un luogo sicuro. Anche prima della crisi sanitaria, abbiamo avuto difficoltà a colmare il divario del reddito pro capite rispetto agli Stati Uniti, mentre l’Asia emergente l’ha rapidamente colmato negli ultimi 30 anni. La pandemia è un campanello d’allarme: non dobbiamo essere così graduali nelle nostre riforme per aumentare la produttività.
D. Quali?
R. Un grande sforzo deve essere fatto nelle infrastrutture e nella transizione digitale, nell’educazione e nella salute. E cercare di avere istituzioni che pensino a lungo termine, che proiettino le esigenze di ogni Paese e non dipendano dal ciclo politico. Dobbiamo tornare non a una nuova normalità, ma a una migliore normalità: la normalità pre-pandemica non è ciò che vogliamo. Questo è il cambiamento di enfasi che i governi devono fare. Se abbiamo una visione a lungo termine, avremo anche paesi più stabili, e non la storia che si ripete in America Latina: un governo viene a fare una riforma e il successivo fa la contro-riforma della riforma. Cicli politici così brevi hanno l’incentivo a far progredire i problemi.
D. Ormai è chiaro che il coronavirus sarà anche un catalizzatore di disuguaglianza. E l’America Latina rimane la zona con più disuguaglianza nel mondo.
R. L’impatto è stato enorme in termini di distribuzione del reddito: l’80% dei latinoamericani a basso reddito ha subito la perdita di almeno un posto di lavoro da parte di un parente stretto dall’inizio della pandemia, rispetto al 20% delle persone ad alto reddito. Abbiamo cercato di fare sforzi di spesa sociale, ma non hanno funzionato. Se si guarda al Gini [l’indice di dispersione del reddito più usato dagli economisti] prima e dopo i trasferimenti e le tasse, siamo come il mondo sviluppato, ma quando riscuotiamo le tasse e implementiamo programmi sociali, difficilmente varia. E questo significa solo una cosa: che le politiche non funzionano, che non sono ben mirate e che è necessario un ulteriore grado di efficienza nella spesa pubblica.
D. E c’è anche il fattore informalità. Il caso del Perù sembra chiaro: più persone in quella situazione significa anche un duro colpo per una crisi economica come questa.
R. Così com’è. La media nella zona è ancora superiore al 50%, e il colpo è molto più forte per i segmenti informali, più difficili da raggiungere con i trasferimenti. Questa pandemia è un chiaro campanello d’allarme.
D. Si aspetta un 2021 caldo per le piazze, come nel 2019?
R. Da questa crisi ne usciremo più poveri, più indebitati e con un maggiore problema di distribuzione del reddito. I governi devono iniziare a pianificare la loro risposta in modo che la ripresa sia molto più inclusiva, che è ciò che ha causato le proteste in alcuni paesi sudamericani. Abbiamo bisogno di una rete di protezione sociale molto più ampia e dobbiamo garantire che i trasferimenti non si disperdano verso i segmenti a più alto reddito: che raggiungano i settori più poveri. E l’istruzione, la salute e le pensioni che sono uguali, che sono uguali per tutti. La ricerca di un nuovo accordo è urgente.
(Estratto dalla rassegna stampa estera di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati