skip to Main Content
ads

Ecco perché rischiamo (letteralmente) di morire di caldo

Emergenza Energetica

L’India spesso sperimenta ondate di calore durante i mesi estivi, ma quest’anno le temperature hanno iniziato a salire a marzo e aprile, e secondo gli esperti questo fenomeno “sta testando i limiti della sopravvivenza umana”. L’articolo della CNN

 

Le temperature in alcune parti dell’India e del Pakistan hanno raggiunto livelli record, mettendo a rischio la vita di milioni di persone mentre gli effetti della crisi climatica si fanno sentire in tutto il subcontinente.

Secondo il Dipartimento meteorologico indiano (IMD), la temperatura massima media per l’India nordoccidentale e centrale in aprile è stata la più alta da quando le registrazioni sono iniziate 122 anni fa, raggiungendo rispettivamente 35,9 e 37,78 gradi Celsius.

Il mese scorso, a New Delhi ci sono stati sette giorni consecutivi sopra i 40 gradi, tre gradi sopra la temperatura media del mese di aprile, secondo i meteorologi della CNN. In alcuni Stati, il calore ha fatto chiudere le scuole, danneggiato i raccolti e messo sotto pressione le forniture di energia, mentre i funzionari hanno avvertito i residenti di rimanere in casa e idratarsi.

Secondo i dati condivisi con la CNN dal Dipartimento meteorologico del Pakistan (PMD), l’ondata di calore è stata avvertita anche dal vicino Pakistan, dove venerdì le città di Jacobabad e Sibi nella provincia sud-orientale del Sindh hanno registrato picchi di 47 gradi Celsius. Secondo il PMD, questa è stata la temperatura più alta registrata in qualsiasi città dell’emisfero settentrionale in quel giorno.

“Questa è la prima volta in decenni che il Pakistan sta vivendo quello che molti chiamano un “anno senza primavera”, ha detto il ministro del cambiamento climatico del Pakistan, Sherry Rehman.

Le temperature in India dovrebbero diminuire questa settimana, ha detto l’IMD, ma gli esperti ritengono che la crisi climatica causerà ondate di calore più frequenti e più lunghe, colpendo più di un miliardo di persone nei due paesi.

L’India è tra i paesi che rischiano di essere più colpiti dagli impatti della crisi climatica, secondo il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC).

“Questa ondata di calore è sicuramente senza precedenti”, ha detto il dottor Chandni Singh, principale autore dell’IPCC e ricercatore senior presso l’Istituto indiano per gli insediamenti umani. “Abbiamo visto un cambiamento nella sua intensità, nel suo tempo di arrivo e nella durata. Questo è ciò che gli esperti del clima avevano previsto e avrà impatti a cascata sulla salute”.

LE PERDITE NEI RACCOLTI

L’India spesso sperimenta ondate di calore durante i mesi estivi di maggio e giugno, ma quest’anno le temperature hanno iniziato a salire a marzo e aprile.

Nello Stato settentrionale del Punjab, conosciuto come “il paniere dell’India”, questo sta causando stress da calore, non solo per milioni di lavoratori agricoli, ma per i campi di grano su cui fanno affidamento per nutrire le loro famiglie e vendere in tutto il paese.

Gurvinder Singh, direttore dell’agricoltura del Punjab, ha detto che un aumento medio fino a 7 gradi Celsius in aprile ha ridotto le rese del grano. “A causa dell’ondata di calore abbiamo avuto una perdita di più di 5 quintali (500 chilogrammi) per ettaro della nostra resa di aprile”, ha detto Singh alla CNN lunedì.

Per Chandni Singh i lavoratori agricoli sono più esposti a soffrire per il caldo opprimente: “Le persone che lavorano all’aperto – gli agricoltori, quelli che lavorano nell’edilizia, i lavoratori manuali – soffriranno di più. Hanno meno opzioni per rinfrescarsi e non possono stare lontani dal calore”, ha detto.

SCUOLE CHIUSE E CORRENTE INTERROTTA

In alcune parti dell’India, la domanda di elettricità ha portato a una carenza di carbone, lasciando milioni di persone senza elettricità fino a nove ore al giorno.

La scorsa settimana, le scorte di carbone in tre delle cinque centrali elettriche su cui Delhi si basa per fornire la sua energia hanno raggiunto livelli criticamente bassi, scendendo sotto il 25%, secondo il Ministero dell’Energia di Delhi.

L’India ha cancellato più di 650 treni passeggeri fino alla fine di maggio per liberare i binari per più treni merci, mentre il paese si affanna a ricostituire le scorte di carbone nelle centrali elettriche, ha detto alla CNN un alto funzionario del ministero delle ferrovie del paese.

Le ferrovie indiane sono un fornitore chiave di carbone alle centrali elettriche di tutto il paese.

Alcuni Stati indiani, tra cui il Bengala occidentale e Odisha, hanno annunciato la chiusura delle scuole per affrontare l’aumento delle temperature.

“I bambini che devono andare a scuola, molti di loro stanno perdendo sangue dal naso, non possono tollerare questa ondata di calore”, ha detto la scorsa settimana il primo ministro del Bengala occidentale Mamata Banerjee ai giornalisti.

Negli ultimi anni, sia il governo federale che quello statale hanno attuato una serie di misure per mitigare gli effetti delle ondate di calore, compresa la chiusura delle scuole e l’emissione di avvisi sanitari per il pubblico. Ma secondo Chandni Singh, si dovrebbe fare di più per prepararsi alle future ondate di calore: “Non abbiamo un piano d’azione per il calore e ci sono lacune nella pianificazione. Ci si può adattare solo fino a un certo punto. Questa ondata di calore sta testando i limiti della sopravvivenza umana”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore