Mondo

Ecco come Macron ha raggelato e incoraggiato i francesi nella guerra al Coronavirus

di

Macron coronavirus in Francia

Che cosa ha annunciato Macron in Francia per fare la guerra al Coronavirus. L’articolo di Enrico Martial

 

In Francia, il fine settimana è stato un rito di passaggio: prime restrizioni, chiusura degli esercizi commerciali, degli impianti di sci, dei teatri. Domenica si è votato per il primo turno delle elezioni comunali, mentre ulteriori misure venivano adottate, limitando il numero dei treni a lunga percorrenza, richiamando i funzionari a prendere i loro strumenti di lavoro per continuare da casa il lunedì, lasciando aperti solo i negozi di generi alimentari, le farmacie, i negozi per animali. Lunedì mattina correvano ancora le polemiche sulle elezioni comunale e fake news, mentre Jean Rottner, il presidente della Regione del Grand Est che è anche un medico urgentista, prendeva atto della saturazione dell’ospedale di Mulhouse e chiedeva aiuto a Parigi, con mezzi e soluzioni.

Il campo ospedaliero militare da allestire a Mulhouse che è stato annunciato da Macron, ieri sera alle 20, in un discorso a reti unificate, ha dato il senso della gravità della situazione. Ha fatto da pilastro a misure drastiche assai difficili da proporre in Francia, analoghe a quelle applicate a Wuhan e in Italia.

Il discorso ha utilizzato i tasti della sensibilità nazionale francese, come è avvenuto per quella italiana, per l’unità, la solidarietà, l’impegno individuale come fattore dell’impegno collettivo. La storia è in parte diversa, e quindi ha evocato anche l’idea della guerra contro il virus, che genera di per sé in Francia il senso dello sforzo collettivo. Ha chiesto pazienza e saggezza, in un clima sociale e culturale in alcuni ambiti più instabile di quello italiano.

Ha inquadrato la narrativa nei fatti, ha rimproverato i comportamenti della domenica, con le passeggiate lungo la Senna, come siamo stati richiamati noi, all’epoca dell’adozione delle analoghe misure, per gli aperitivi sui Navigli e le code a sciare. L’ha incardinata in Europa, come fa in ogni discorso, in questo caso annunciando la decisione comune di chiudere le frontiere dell’Unione e dello spazio Schengen.

Ha elencato le misure che saranno dettagliate dal governo di Edouard Philippe, ha spiegato che il secondo turno delle elezioni comunali è rimandato, che tutto cambierà, che le riforme sono rimandate, compresa quella delle pensioni. Ci sono 300 miliardi di garanzia per le imprese, è pronto un pacchetto di misure che sarà varato nei prossimi giorni per le piccole imprese, i professionisti le famiglie. E’ il nostro stesso schema, anche se alcuni mezzi potranno essere diversi.

Il discorso, in Francia, ha fatto percepire con chiarezza il punto di svolta, come è stato per noi. Si sta a casa, anche in Francia.

Si guarderanno i numeri crescere, in uno sforzo collettivo per contenerli, e per farli scendere.

Non c’è altra soluzione per il momento, in tutta Europa.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati