Mondo

Ecco come Covid-19 cambierà le compagnie aeree

di

viaggiare gratis

Per i vettori e gli aeroporti ci vorrà un po’ di tempo per adeguarsi alla domanda debole e alle nuove misure sanitarie, ma questa non è la fine dei viaggi a basso costo, scrive il Wall Street Journal

Per i vettori e gli aeroporti ci vorrà un po’ di tempo per adeguarsi alla domanda debole e alle nuove misure sanitarie, ma questa non è la fine dei viaggi a basso costo, scrive il WSJ. Il Covid-19 potrebbe riportare l’industria aerea agli anni ’90, quando aerei più spaziosi facevano volare meno persone su meno rotte a prezzi più alti? La nostalgia dovrebbe essere tenuta sotto controllo.

Ryanair ha dichiarato che prevede di ripristinare il 40% dei voli di linea nel mese di luglio. Affronterà i problemi sanitari richiedendo ai passeggeri e all’equipaggio di sottoporsi a controlli della temperatura e di indossare mascherine. La compagnia è critica circa la rimozione dei posti centrali per aumentare la distanza sociale, un’idea lanciata sia dalla sua rivale europea easyJet che dall’American Airlines.

L’Associazione internazionale del trasporto aereo ha avvertito che il costo della perdita di un terzo della capacità dell’aereo aumenterebbe le tariffe tra il 43% e il 54%. Questo dibattito sottolinea un rischio a lungo termine che gli investitori dell’aviazione stanno ora valutando: anche se i passeggeri ritornano lentamente, i cambiamenti nelle politiche sanitarie, nelle reti e nelle preferenze dei consumatori potrebbero rendere le compagnie aeree un business fondamentalmente diverso.

L’economia dello spazio e l’aumento del “fattore di carico” del settore – la percentuale di posti a sedere venduti – fino a circa l’85%, dal 75% del 2005, è parte di ciò che ha finalmente reso redditizie molte compagnie aeree globali negli ultimi anni. Ma i passeggeri spesso si lamentano dei posti a sedere angusti e dei servizi igienici minuscoli. Covid-19 potrebbe aumentare il loro valore?

Anche se i sedili centrali rimangono al loro posto, i tempi di fermata degli aerei negli aeroporti potrebbero durare circa quattro ore quando il traffico ritornerà, dicono gli analisti, a causa dei controlli sanitari. Tuttavia, la riduzione al minimo dei tempi di attesa in pista è la chiave del modello “budget-carrier” delle rotte “da punto a punto” sperimentato da Southwest Airlines. Anche i vettori a servizio completo ne risentiranno, poiché si affidano a un traffico di alimentazione accuratamente cronometrato.

Aumentando i cosiddetti tempi minimi di collegamento a due ore – da 45 e 90 minuti per i voli nazionali e internazionali – il 18% del traffico nei 50 aeroporti più importanti del mondo non sarebbe possibile, secondo le stime dell’OAG. Oltre a ciò, alcuni analisti temono una riduzione duratura del 15% dei viaggi aziendali, perché le aziende sono diventate più propense alle videoconferenze. Poiché i passeggeri delle cabine premium sono di solito quelli che rendono un volo redditizio per le compagnie aeree tradizionali, molte rotte potrebbero essere tagliate.

Tuttavia, tali calcoli potrebbero esagerare il probabile cambiamento nell’economia dell’aviazione, che alla fine determinerà il futuro del settore. Gli attacchi terroristici dell’11 settembre hanno portato a un aumento permanente delle misure di sicurezza, ma non hanno messo un freno ai megatrend emergenti dell’aviazione, molti dei quali sono stati il risultato di cambiamenti non reversibili come jet più efficienti dal punto di vista dei consumi.

Dopo i ritardi iniziali, gli aeroporti e i vettori hanno imparato ad attuare rapidamente le nuove procedure e i passeggeri ci si sono abituati. Lo faranno di nuovo.  Le valutazioni sulla minaccia della malattia, che alcuni paesi stanno introducendo, o anche le versioni del sistema statunitense “viaggiatore certificato”, possono aiutare a ricostruire la fiducia del pubblico quando i posti vuoti al centro diventano finanziariamente impraticabili – a breve termine, importa meno, perché molti di loro sarebbero comunque vuoti.

Gli interessi dei consumatori e delle compagnie aeree sono in ultima analisi allineati: ogni singolo sondaggio conferma che il prezzo è di gran lunga il fattore schiacciante che la gente considera quando compra un biglietto. La perdita duratura di alcuni viaggi aziendali è una minaccia più seria, ma l’attività può rimbalzare più di quanto si teme.

La costruzione di relazioni interpersonali si è dimostrata da tempo resistente ai cambiamenti tecnologici. Una prova: le città sono diventate più, non meno, densamente popolate negli ultimi decenni, mentre l’attività economica si è spostata dalla produzione a settori come la finanza e la tecnologia che teoricamente richiedono meno contatti. A dispetto delle aspettative degli economisti, la perdita di economie di scala localizzate è stata compensata da un premio sullo scambio intersettoriale e sul networking personale. Covid-19 farà tornare indietro l’orologio della crescita per le compagnie aeree, ma probabilmente di anni piuttosto che di decenni.

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati