Mondo

Perché la mini tregua sui dazi tra Cina e Usa fa brindare Daimler e Bmw

di

La Cina fa il primo passo nel percorso di tregua commerciale con gli Usa e abbassa le tariffe sulle auto importate dall’America. L’articolo di Giusy Caretto


Mini tregua nella guerra commerciale tra Usa e Cina. Pechino tende la mano a Washington e riduce i dazi sulle auto importate dal 40 al 15%. Quanto avvenuto in queste ore è il frutto della cena tra i presidenti Trump e Xi del primo dicembre a Buenos Aires.

A gioire della novità sono anche (e soprattutto) le Case auto tedesche. Approfondiamo insieme.

L’INCONTRO TRA TRUMP E XI

I presidenti cinese Xi Jinping e americano Donald Trump si sono incontrati per discutere del futuro e delle relazioni tra i due Paesi al margine dei lavori del G20 tenutosi in Argentina, raggiungendo un accordo amichevole e definendo la fine (o meglio una tregua di 90 giorni, in cui seguiranno nuovi negoziato) della guerra commerciale tra Pechino e Washington, che in questi mesi ha animato i mercati.

Come ha raccontato, post incontro, in conferenza stampa il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, i colloqui sono stati “amichevoli e schietti”, con l’obiettivo di assicurare il successo delle loro relazioni in rapporto alle loro “crescenti responsabilità per la pace e la stabilità nel mondo”, avendo “più interessi comuni che differenze”.

IL PIANO SUI DAZI

Il viceministro del Commercio Wang Shouwen, invece, ha raccontato il piano sui dazi raggiunto tra Trump e Xi, affermando che tra i punti principali sono previsti la “tregua” sul rialzo Usa delle aliquote dal 10 al 25% atteso dal primo gennaio 2019 sull’import di 200 miliardi di dollari di beni “made in China”; lo stop a ulteriori dazi su nuovi prodotti; e la costituzione di team operativi al lavoro per eliminare “i restanti dazi al 25%”.

LA RIDUZIONE DEI DAZI SULLE AUTO

Tra i primi risvolti pratici della tregua c’è la riduzione delle tariffe sulle auto importate che in Cina passa dal 40% al 15%. Dunque Pechino fa solo un passo indietro su quanto deciso a luglio 2018 in risposta si ai dazi imposti da Washington su importazioni cinesi (per un totale di 250 miliardi di dollari) .

L’EUROPA GIOISCE

In realtà, ad esser contente della mossa cinese sono soprattutto le Case auto europee che producono le loro macchine negli Stati Uniti, da Daimler a Bmw, dal momento che, come si legge su La Stampa, sono loro le maggiori esportatrici dagli Usa verso la Repubblica popolare.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati