skip to Main Content

Green Deal Ue

Il Green Deal perde pezzi in Europa. Report Le Monde

Molti capi di Stato e di governo dell'UE hanno chiesto una "pausa normativa" nell'attuazione del Green Deal, di cui temono le conseguenze economiche e sociali. L'articolo di Le Monde.

Negli ultimi due anni, gli europei hanno intrapreso una maratona legislativa per attuare il Green Deal e mettersi in condizione di rispettare l’Accordo di Parigi. In tempi record, hanno adottato trentadue atti legislativi – dalla fine dei motori a combustione interna nel 2035 all’introduzione di una tassa sul carbonio alle frontiere – che dovrebbero consentire loro di ridurre le emissioni di CO2 del 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 e di avviarsi verso la neutralità del carbonio entro il 2050. Per rispettare la loro tabella di marcia, hanno ancora una quarantina di testi da finalizzare e si preoccupano più dell’ambiente che della lotta al riscaldamento globale.

Naturalmente, alcuni Paesi dell’Europa centrale e orientale con economie ad alto contenuto di carbonio, come la Polonia e l’Ungheria, hanno ripetutamente espresso la loro riluttanza, sostenendo di non poter fare quanto i loro partner occidentali. Fino a poco tempo fa, tuttavia, il Patto Verde Europeo continuava a fare buoni progressi. Nelle ultime settimane, tuttavia, questi progressi sono sembrati più esitanti e il loro ritmo è stato messo in discussione.

Emmanuel Macron, nonostante sia stato il primo dei leader della stragrande maggioranza degli Stati membri dell’Unione europea (UE) ad aver recepito le implicazioni di una politica climatica proattiva, è passato all’attacco l’11 maggio, chiedendo una “pausa normativa”. In seguito, un altro liberale, il primo ministro belga Alexander De Croo, ha proposto di “premere il pulsante di pausa” sulle questioni legate alla biodiversità.

A destra, i capi di Stato e di governo europei – Nikos Christodoulides (Cipro), Krisjanis Karins (Lettonia), Ulf Kristersson (Svezia), Kyriakos Mitsotakis (Grecia), Karl Nehammer (Austria), Petteri Orpo (Finlandia), Andrej Plenkovic (Croazia) e Leo Varadkar (Irlanda) – hanno seguito l’esempio: Il 29 giugno, tutti hanno approvato una dichiarazione del Partito Popolare Europeo (PPE) che chiede “una pausa normativa” sul Patto Verde e chiede di “tenere conto delle nuove realtà economiche e sociali dopo l’attacco della Russia” all’Ucraina nel febbraio 2022.

Competitività economica

“Siamo nella parte difficile dell’attuazione del Green Deal. C’è una questione di accettabilità sociale per alcune fasce della popolazione”, spiega un diplomatico europeo. In effetti, i leader temono di dover affrontare anche loro una rivolta come quella dei “gilet gialli”, che ha traumatizzato l’Eliseo nell’inverno 2018-2019. Hanno in mente i movimenti di rivolta degli agricoltori nei Paesi Bassi che hanno seguito, nel 2022, il piano di riduzione delle emissioni di azoto e l’affermazione, alle elezioni regionali di marzo, di un nuovo partito anti-Green Deal, il Farmer-Citizen Movement, che ha stravolto il panorama politico locale. E sono preoccupati per l’ascesa nei sondaggi dell’AfD, il partito tedesco di estrema destra che ha fatto della lotta contro il divieto delle caldaie a gas e a gasolio il suo cavallo di battaglia.

Tassi d’interesse in aumento, ritorno dell’inflazione e rallentamento dell’attività economica: il nuovo contesto economico è meno favorevole al perseguimento del Green Deal, che riguarda la vita quotidiana di cittadini e imprese e richiede investimenti. Tanto più che i prossimi testi – trentasette sono attualmente in fase di negoziazione tra gli Stati membri e il Parlamento europeo e sei devono ancora essere presentati dalla Commissione – riguardano spesso gli agricoltori. E in questi tempi di aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, l’argomento è di grande attualità. Ma non è tutto. I 27 Stati membri sono preoccupati per la competitività dell’economia europea, in un momento in cui la Cina e gli Stati Uniti sovvenzionano massicciamente le loro industrie verdi e l’aumento del costo del credito pesa sulla redditività di molti progetti.

Infine, la legislazione sul Green Deal, adottata in fretta e furia, complica la vita alle imprese. “Tutti questi testi sono stati redatti senza studi d’impatto”, lamenta un diplomatico europeo. Inoltre, per alcuni aspetti, avvantaggiano più i Paesi terzi che l’industria europea, come dimostra il caso dell’auto elettrica, le cui batterie provengono principalmente dalla Cina. “La competitività è diventata la principale preoccupazione dei leader. Se avessimo discusso il Green Deal oggi, non ci sarebbe stato”, confida un altro diplomatico europeo.

La situazione a Bruxelles è cambiata

In questo contesto, la situazione a Bruxelles è cambiata, soprattutto perché l’emblematico Commissario per il Green Deal, Frans Timmermans, ha lasciato il suo posto per guidare una lista socialdemocratica e verde alle elezioni parlamentari olandesi del 22 novembre. Alcune proposte legislative che erano state programmate prima delle elezioni europee – che si terranno dal 6 al 9 giugno 2024 – come la revisione del regolamento REACH sulle sostanze chimiche, un testo sul benessere degli animali e un altro sui sistemi alimentari sostenibili, non sono ancora nell’agenda dell’esecutivo comunitario.

Nel suo discorso sullo Stato dell’Unione del 13 settembre, la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha annunciato “una nuova fase del Green Deal”, più in sintonia con i cittadini e le imprese, assecondando così la destra, da cui proviene e di cui avrà bisogno se vorrà candidarsi per un secondo mandato dopo le elezioni europee. Si è inoltre astenuta dal menzionare l’obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 dell’UE-27 entro il 2040, mentre finora si era concentrata sull’obiettivo del 2030.

Al Parlamento europeo, il PPE, che è il gruppo politico più numeroso, negli ultimi mesi ha unito le forze con l’estrema destra per minare la transizione verde: il progetto di legge sul ripristino della natura è stato così sventrato. Anche gli Stati membri hanno tirato il freno: l’UE-27 ha appena escluso standard antinquinamento più severi per le automobili, sostenendo che l’industria automobilistica deve concentrarsi sul passaggio all’elettricità entro il 2035.

Trasporti e alloggi al centro delle ribellioni europee

Le tensioni a livello europeo sono presenti in molti Paesi. Anche nei Paesi guidati dai socialdemocratici – i più attivi in questo settore – si manifestano tensioni, se non addirittura sfide.

In Germania, Olaf Scholz, che ha fatto campagna per la protezione del clima nel 2021, ha sempre più difficoltà a conciliare il suo dichiarato volontarismo con la politica del suo governo. L’ultimo esempio: il 25 settembre, adducendo difficoltà nel settore edilizio, Berlino ha rinunciato a imporre un nuovo standard di efficienza energetica per gli edifici. Questo era incluso nell’accordo di coalizione firmato nel 2021 dal Cancelliere socialdemocratico (SPD), dai suoi partner ecologisti e dai liberali della FDP.

In Spagna, il governo del socialista Pedro Sanchez sta affrontando una ribellione da parte di diverse città che sono passate alla destra dopo le elezioni comunali del 28 maggio. Ora rifiutano le zone a basse emissioni che dovrebbero essere introdotte nel 2024. A Majadahonda, un sobborgo elegante di Madrid, il consiglio comunale ha votato contro la misura, criticando la “religione climatica dell’Occidente”.

I trasporti e gli alloggi sono al centro delle preoccupazioni dei governi europei, scottati dal precedente dei “gilet gialli” in Francia. “Amo l’automobile”, ha detto Emmanuel Macron il 24 settembre, riferendosi a un'”ecologia alla francese” che non è “né la negazione” dell’estrema destra “né la cura” ricercata dagli apostoli della decrescita.

Anche se, per raggiungere gli obiettivi fissati dagli europei, “entro il 2030, dobbiamo andare al doppio della velocità” rispetto agli ultimi anni in termini di riduzione delle emissioni di gas serra, il Presidente francese si rifiuta, ad esempio, di limitare la velocità delle autostrade a 110 km/h o di vietare le caldaie a gas. Il 26 settembre, il suo ministro delle Finanze, Bruno Le Maire, si è persino detto “molto favorevole” a rivedere il calendario della legge che vieta l’affitto di edifici ad alta efficienza energetica, prima di fare marcia indietro. Il dibattito è appena iniziato.

A Stoccolma, la coalizione di destra ed estrema destra ha alleggerito le tasse sugli idrocarburi e i vincoli sulla percentuale di biocarburanti nella benzina e nel diesel. Di conseguenza, le emissioni di CO2 della Svezia sono destinate ad aumentare per il secondo anno consecutivo, per la prima volta in vent’anni, e il Paese non sarà in grado di rispettare gli impegni europei.

Al di fuori dell’UE, anche il Regno Unito, che si era proposto come pioniere del cambiamento climatico in Europa, ha invertito alcune misure emblematiche. Il 20 settembre, il primo ministro conservatore Rishi Sunak ha annunciato di voler posticipare di diversi anni il passaggio all’elettricità per le nuove auto e il divieto di utilizzare caldaie a gas e a gasolio, mettendo così a rischio l’obiettivo di raggiungere la neutralità di carbonio entro il 2050.

Considerazioni elettorali ad alto rischio

Promettendo ai suoi concittadini una transizione energetica “indolore”, il britannico spera di ribaltare i sondaggi, che danno i laburisti vincenti alle elezioni del 2024. È chiaro che i periodi elettorali non sempre aiutano la causa climatica, soprattutto perché i Verdi non sono al meglio in Europa.

Nei Paesi Bassi, la transizione ecologica ed energetica è uno dei temi principali della campagna legislativa. Di fronte alla sinistra, guidata da Frans Timmermans, il Movimento contadino-cittadino sostiene il ritiro del Regno dalle politiche ambientali dell’UE, mettendo i partiti di destra – i liberali e i cristiano-democratici – sotto pressione per irrigidire la loro posizione.

In Polonia, l’avvicinarsi delle elezioni legislative del 15 ottobre, che si preannunciano molto combattute per il governo nazionale conservatore, sta mettendo sotto pressione il Green Deal. Quest’estate, Varsavia ha intrapreso una crociata contro queste misure climatiche portando sei leggi del Green Deal davanti alla Corte di Giustizia Europea, in particolare quelle riguardanti la fine del motore a combustione interna e la riforma del mercato del carbonio.

Anche in Germania, i recenti insuccessi di Berlino sono legati al contesto politico. Da un lato, il liberale FDP, in calo nei sondaggi, sta esercitando pressioni in questa direzione. Dall’altro, a poche settimane dalle elezioni regionali in Assia e Baviera – l’8 ottobre – sia i conservatori (CDU-CSU) che l’AfD denunciano una politica ambientale che sarebbe sinonimo di vincoli e costi. Con l’estrema destra in vantaggio sulla SPD del cancelliere Olaf Scholz nei sondaggi di opinione, il governo tedesco preferisce giocare d’anticipo su un terreno sempre più divisivo. Ha proposto una revisione della legge sulla protezione del clima, sottoposta in prima lettura al Bundestag il 22 settembre, che prevede un obiettivo generale di riduzione delle emissioni di CO2 e obbliga Berlino a intervenire solo se questo obiettivo non viene raggiunto per due anni consecutivi, mentre dal 2019 in poi gli obiettivi saranno fissati ogni anno settore per settore, con l’obbligo per ogni ministero di rispettarli.

Nuovi governi di estrema destra e contrari al Green Deal

È un dato di fatto che dove la destra è al governo, la causa climatica è in ritirata. In Italia, Giorgia Meloni, eletta nell’ottobre 2022, sta combattendo una transizione verde che potrebbe minacciare alcuni settori agricoli e industriali. Appena insediata, ha sostituito il Ministero della Transizione Ecologica istituito dal suo predecessore, Mario Draghi, con un Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica. La Presidente del Consiglio ha anche chiesto alla Commissione di rivedere gli aiuti a cui Roma ha diritto nell’ambito del piano di rilancio europeo: vuole che questi fondi servano a finanziare gli investimenti nella rete di gasdotti del suo Paese e preferisce rinunciare ai 6 miliardi di euro che erano stati stanziati per l’efficienza energetica dei comuni e per la protezione dai rischi di calamità naturali. Giorgia Meloni vuole che l’Italia diventi un hub del gas tra Africa ed Europa, in un momento in cui Mosca ha chiuso il rubinetto del gas russo.

Anche in Svezia, l’arrivo al potere della destra e dell’estrema destra nel settembre 2022 ha cambiato la situazione. I Democratici di Svezia (estrema destra) hanno fatto una campagna sulla protezione del potere d’acquisto delle famiglie, con una linea di forza condivisa dalla destra: la transizione ecologica non deve incidere sulla vita quotidiana delle persone. Ritengono inoltre che il loro Paese abbia fatto molto per combattere il cambiamento climatico e che ora spetti ad altri raccogliere il testimone.

Svezia, Regno Unito e Germania si sono già allontanati dai loro obiettivi nella lotta al riscaldamento globale. Altri, tra cui la Francia, sono tentati di seguirne l’esempio. Sullo sfondo della campagna per le elezioni europee del giugno 2024, gli europei sanno che il destino del Green Deal sarà deciso nelle prossime settimane.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top