skip to Main Content
ads

Perché Australia, Usa e Cina si contendono le isole del Pacifico

Cina Nave

Il tour nel Pacifico del ministro degli Esteri della Cina racconta la grande competizione internazionale per l’influenza sulle isole del Pacifico. L’approfondimento di El Pais

Il ministro degli Esteri cinese – leggiamo su El Pais – compie un tour di 10 giorni in otto Paesi per proporre un accordo di partenariato commerciale e di sicurezza.

Figi. Kiribati. Isole Salomone. Tonga. Nomi che evocano piccoli paradisi tropicali, portabandiera olimpici a torso nudo o sanguinose battaglie della Seconda Guerra Mondiale. Ma anche isole in una posizione strategica chiave per fornire l’accesso al Pacifico meridionale (o bloccare corsie marine vitali), a breve distanza dall’Australia, per decenni il grande protettore regionale. Questi territori sono ora teatro di un intenso duello per il controllo tra le grandi potenze: da una parte, Australia e Stati Uniti. Dall’altro, la Cina sta arrivando in forze, inviando alti funzionari governativi e promettendo investimenti, accordi di sicurezza e costruzione di infrastrutture.

I campanelli d’allarme hanno iniziato a suonare a Canberra e negli Stati Uniti dopo la firma a sorpresa, il mese scorso, di un patto di cooperazione tra la Cina e le minuscole Isole Salomone, 687.000 abitanti. L’accordo riguardava il commercio, la pesca e soprattutto la sicurezza, consentendo l’invio di forze di sicurezza cinesi per mantenere l’ordine sociale, proteggere le vite e la proprietà privata su richiesta del governo nazionale. Le navi militari cinesi potranno effettuare visite e “rifornimenti logistici”. Sebbene negato da entrambi i governi firmatari, sia Canberra che Washington temono che il patto possa aprire la strada a una futura base militare cinese nell’area, a meno di 2.000 chilometri dal territorio australiano.

La crescente attività diplomatica ed economica della Cina nell’area non si è fermata qui. Giovedì il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha iniziato a Honiara, la capitale delle Salomone, un tour di 10 giorni in otto Paesi insulari del Pacifico: Salomone, Figi, Kiribati, Samoa, Tonga, Vanuatu, Papua Nuova Guinea e Timor Est. Al suo arrivo, secondo un comunicato del Ministero degli Esteri di Pechino, ha espresso la speranza che le relazioni con Honiara servano da esempio per le altre isole del Pacifico.

Un partner “sincero”, dice Pechino

Pechino si descrive a queste nazioni come un partner “sincero e affidabile”, facendo leva sul disincanto che alcuni di questi governi possono provare per il trattamento sprezzante o addirittura ignaro che ritengono di aver ricevuto per decenni dall’Australia, la grande potenza regionale, e dagli Stati Uniti.

Nel corso di questo tour, durante il quale Wang incontrerà i ministri degli Esteri del Pacifico alle Fiji la prossima settimana, il ministro cinese offrirà un piano di cooperazione, il China-Pacific Island Nations Joint Development Vision, inviato la scorsa settimana a una dozzina di governi e la cui esistenza è stata riportata dalla Reuters.

Con questa iniziativa, simile nel linguaggio al patto per le Isole Salomone, la Cina intende rafforzare i suoi legami con la regione, offrendo milioni di euro in assistenza e la prospettiva di un accordo di libero scambio che darebbe ai prodotti delle isole del Pacifico accesso al gigantesco mercato cinese. Pechino offre anche formazione per la polizia locale e cooperazione per la sicurezza informatica. In cambio, chiede l’accesso alle risorse naturali dell’area e la possibilità di progettare mappe marine altamente dettagliate in queste acque.

L’intenso corteggiamento della Cina verso le isole finora saldamente ancorate nell’orbita australiana ha fatto temere ad Australia e Stati Uniti uno spostamento dell’allineamento geopolitico di queste nazioni, che oltre alla loro posizione strategica portano voti che possono rivelarsi decisivi nelle istituzioni internazionali. “Sappiamo che la Cina vede [la sua proposta di Development Vision] come la prima di molte altre”, ha dichiarato il nuovo primo ministro australiano, Anthony Albanese. “Sta cercando di espandere la propria influenza nella regione del mondo in cui l’Australia è stata il primo partner per la sicurezza dalla Seconda Guerra Mondiale”, ha aggiunto.

Dopo il suo insediamento, lunedì, Albanese si è impegnato a moltiplicare l’attenzione per queste nazioni insulari. A cominciare dall’assistenza al cambiamento climatico, una delle principali preoccupazioni di questi Stati in prima linea per i gas serra, che il suo predecessore, il conservatore Scott Morrison, ha trascurato durante il suo mandato. Canberra ha anche annunciato un piano di aiuti allo sviluppo per 500 milioni di dollari australiani (330 milioni di euro). Uno dei suoi primi atti come capo del governo è stato quello di inviare il suo ministro degli Esteri, Jenny Wong, alle Figi per incontrare il primo ministro del Paese, Frank Bainimarama, prima dell’arrivo del rappresentante cinese.

Gli Stati Uniti non sono rimasti indietro. A febbraio, Washington ha annunciato la riapertura di un’ambasciata statunitense nelle Salomone dopo 29 anni di assenza. In aprile, l’inviato della Casa Bianca per l’Indo-Pacifico, Kurt Campbell, si è recato nell’area.

Questo mese la corsa ha preso ancora più velocità. Oltre alla vittoria dei laburisti alle elezioni australiane, ha contribuito il tour del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden in Asia. Al vertice di martedì a Tokyo del Quad, l’alleanza informale tra Stati Uniti, Australia, Giappone e India, i quattro leader hanno dedicato parte delle loro discussioni alla crescente influenza della Cina nel Pacifico meridionale. Hanno annunciato la creazione di un’iniziativa, l’Indo-Pacific Maritime Domain Awareness Partnership, che includerà le isole dell’area e risponderà ai disastri umanitari, oltre a combattere la pesca illegale.

Questa settimana, mentre sono in corso intense campagne diplomatiche cinesi e australiane, Campbell ha parlato in videoconferenza con Bainimarama di accordi di rafforzamento economico e di sicurezza. Nel frattempo, secondo il Financial Times, Pechino sta preparando un nuovo accordo bilaterale con Kiribati, anche se Kiribati ha smentito. Il ministro Wang visiterà Tarawa, la sua capitale, per quattro ore venerdì.

I Paesi di quest’area erano tradizionalmente alleati diplomatici di Taiwan – e quindi non avevano legami formali con Pechino – fino a quando, dopo la vittoria del presidente Tsai Ing Wen nel 2016, il governo di Xi Jinping ha iniziato a corteggiare i partner di Taipei affinché rompessero i legami con l’isola autogovernata e li costruissero con la Cina.

Tra accuse di corruzione e tangenti, le Salomone hanno fatto questo passo nel 2019, solo quattro mesi dopo l’arrivo al potere di Manaseh Sogavare.

Il rapporto con le isole è diventato un elemento ancora più importante per Pechino nella sua rivalità strategica con gli Stati Uniti e i suoi alleati, dopo che a settembre Washington ha annunciato la formazione di Aukus, l’alleanza militare nel Pacifico che forma con l’Australia e il Regno Unito per rispondere all’ascesa della Cina.

“Gli Stati Uniti stanno cercando di domare l’ascesa della Cina con la loro strategia per l’Indo-Pacifico, ma le impronte cinesi sono ormai onnipresenti nella regione, a dimostrazione del fatto che la strategia di addomesticamento non sta funzionando”, ha riportato giovedì il Global Times, quotidiano di proprietà del Partito Comunista.

Nel frattempo, le isole si lasciano amare. In un tweet di giovedì, Bainimarama ha scritto: “Mi viene chiesto quale sia l’agenda delle Figi. A tutti i tavoli, ciò che conta di più sono le nostre persone e il nostro pianeta, oltre al rispetto del diritto internazionale”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore