skip to Main Content
ads

Come la Nato risponderà all’aggressione della Russia. Parola della Nato

Nato Cina

Che cosa ha detto l’ammiraglio Rob Bauer, presidente del Comitato militare della Nato, la massima autorità militare dell’alleanza, al Financial Times

 

Carri armati britannici Challenger 2 si aggirano nella campagna polacca. Truppe d’élite delle forze speciali francesi sorvegliano la costa rumena del Mar Nero. Batterie di missili statunitensi scrutano i cieli della Slovacchia. Un F-35 norvegese vola per intercettare un aereo russo non identificato che appare al largo della costa della Finlandia, sottolinea il Financial Times.

Mentre infuria la battaglia in Ucraina, gli alleati della NATO lungo il fianco orientale dell’alleanza hanno intrapreso il più significativo – e rapido – dispiegamento militare nella storia dell’Europa moderna: uno stato di allerta e di prontezza a corto di guerra, ma anche lontano dalla pace.

L’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin ha riportato l’Europa e la Nato a uno scenario che pensava di aver consegnato al passato.

In cerca di rilevanza dopo l’ignominiosa ritirata dall’Afghanistan e lacerata dalle divisioni tra gli alleati europei con visioni molto diverse del suo ruolo futuro, l’alleanza aveva previsto il 2022 per un rinnovamento al fine di seguire il perno degli Stati Uniti verso l’Asia e la minaccia della Cina.

Nel giro di poche settimane, ha invece forgiato un livello di unità senza precedenti in risposta al suo avversario originale: Mosca.

Oggi, l’Europa orientale è più militarizzata che in qualsiasi momento dall’apice della guerra fredda. Ancora una volta, superpotenze armate di armi nucleari si affrontano nell’ampia distesa tra il Baltico e il Mar Nero.

Allo stesso tempo, gli accordi per il controllo delle armi dell’era della guerra fredda, come il trattato INF che vietava i missili da crociera con una portata di 500-5.500 km, e l’accordo Open Skies, che permetteva alla Russia e ai membri della Nato di condurre voli di ricognizione sui siti militari dell’altro, sono stati cancellati. Lo stesso vale per i canali di comunicazione e deconflizione tra Mosca e le capitali occidentali.

Il risultato è un continente con più armi e soldati in stato di massima allerta di quanto non abbia visto per decenni, ma senza i guardrail che fornivano rassicurazioni durante la guerra fredda: L’Europa è probabilmente meno sicura oggi che in qualsiasi momento dal 1945.

Questo ha sollevato la questione se il rafforzamento militare della NATO abbia reso l’Europa più protetta o se abbia semplicemente intensificato una situazione già fragile.

Il presidente russo lo vede solo come il passo più recente in una postura sempre più minacciosa che ha giustificato il suo attacco a Kiev.

Negli ultimi giorni, ha intensificato la sua retorica riguardo a un possibile attacco ai membri della Nato – una mossa che quasi certamente farebbe scattare l’articolo 5, il patto di mutua difesa dell’alleanza, e molto probabilmente precipiterebbe una guerra mondiale. Ha accusato l’alleanza sia di intimidazione che di combattere una guerra per procura contro di lui in Ucraina attraverso miliardi di dollari in forniture di armi.

“Abbiamo tutte le armi di cui abbiamo bisogno per questo”, ha detto la scorsa settimana di una potenziale risposta, riferendosi al più moderno sistema missilistico nucleare della Russia. “Nessun altro può vantarsi di queste armi e noi non ce ne vanteremo. Ma le useremo”.

La Nato sostiene di avere poca scelta se non quella di espandere la sua presenza in Europa orientale.

“È più sicuro? Beh, non farlo non ci renderà più sicuri”, dice l’ammiraglio Rob Bauer, presidente del Comitato militare della Nato, la massima autorità militare dell’alleanza. “Non essere forti e credibili è più pericoloso che essere forti e credibili”, aggiunge. “Il fattore deterrenza è molto importante”.

LA RISPOSTA DELLA NATO ALL’INVASIONE

In meno di quindici giorni dopo l’invasione di Putin, la Nato ha demolito decenni di pensiero convenzionale del gruppo dell’alleanza sulla sua posizione militare in Europa, e il rischio di inimicarsi Mosca – anche se Putin ha giurato di vendicarsi contro qualsiasi minaccia alla sicurezza della Russia e ha fatto ripetute minacce di schierare armi nucleari.

Quarantamila truppe in Europa orientale sono sotto il comando diretto della Nato – 10 volte il numero del giorno prima dell’invasione di Putin. Otto paesi ora ospitano gruppi di battaglia della Nato – il doppio del numero precedente. E una forza di risposta rapida, formata da un massimo di 10.000 truppe, è stata attivata in nome della difesa collettiva per la prima volta nella storia dell’alleanza.

“È scattato un interruttore quando i russi hanno attaccato l’Ucraina. La morte e la distruzione, e il modo in cui le operazioni sono state condotte”, dice Bauer.

“Abbiamo avuto il dilemma prima dell’invasione, dove la gente diceva: no, dobbiamo continuare il dialogo, dobbiamo stare attenti alla postura militare, e non dobbiamo spingere [Putin] all’azione a causa delle cose che facciamo”, dice Bauer. “[Ma] qualsiasi cosa facciamo, lui farà quello che vuole fare: questo è il problema”.

La risposta della NATO all’invasione dell’Ucraina è stata in realtà preparata per quattro anni, una serie di misure di emergenza preparate in anticipo che erano state concepite dai capi della difesa dell’alleanza esattamente per questo scenario.

Dopo la fine della guerra fredda, una Nato svogliata cercava uno scopo mentre le minacce dirette ai suoi membri sembravano svanire. L’alleanza ha lasciato la sua geografia per intervenire nei conflitti in Bosnia, Kosovo e Afghanistan. La Nato divenne un’alleanza “sulle guerre di scelta”, dice Bauer. “E lo abbiamo fatto per 20 anni”.

La prima invasione della Russia in Ucraina, per annettere la Crimea nel 2014, ha svegliato l’alleanza da quel torpore.

“Quello che la Crimea ci ha insegnato è che non siamo noi a decidere la tempistica [del conflitto] ma l’avversario, il nemico”, dice Bauer. “Questo ha portato a una discussione: tutto ciò che abbiamo in termini di strategia e piani si adatta effettivamente a questo cambiamento? E la risposta fondamentalmente era no”.

Una serie di accordi interni, a cui sono stati dati titoli dal suono serio e acronimi in gergo, sono stati redatti, discussi e approvati tra il 2018 e il 2021, compresa la prima nuova strategia militare della Nato in cinque decenni e un ripensamento completo di ciò che richiederebbe scoraggiare un’invasione da parte delle forze armate russe modernizzate.

Di conseguenza, quando i leader dei 30 paesi della NATO si sono riuniti per un vertice di emergenza virtuale il 25 febbraio, dovevano solo accordarsi su quali dei cinque piani di risposta fossero necessari. Erano d’accordo su tutti e cinque.

“Mentre tutto questo veniva redatto sembrava piuttosto noioso e astratto. E poi li abbiamo tirati fuori alla fine dell’anno scorso, ed ecco fatto: un massiccio aumento della presenza di forze sul fianco orientale”, dice l’alto funzionario della Nato.

I funzionari dell’Alleanza dicono che parte dell’aumento militare è stato realizzato semplicemente equipaggiando completamente le missioni che prima erano a corto di personale. Le pattuglie aeree che richiedevano otto jet, prima venivano intraprese solo da tre.

“Prima c’erano delle lacune, ma ora la copertura è totale”, aggiunge l’alto funzionario. “Tutto questo semplicemente non sarebbe stato possibile qualche anno fa”.

Il cambiamento più innovativo dell’alleanza, la maggior parte dei funzionari della NATO concordano, è di tipo concettuale. I paesi non si sentono più vincolati dall’atto costitutivo Nato-Russia, un documento del 1997 firmato dall’alleanza e da Mosca che, tra le altre cose, richiedeva una riduzione della forza militare e l’evitamento di nuovi schieramenti vicino alle rispettive geografie.

“L’atto Nato-Russia è ancora lì. Ma niente di quello che dobbiamo fare sarà ostacolato dal suo contenuto”, dice Bauer. Privatamente, molti funzionari degli Stati membri dicono di considerarlo morto. “Per ora, l’opinione generale a livello politico è che non eliminiamo [l’accordo], ma nulla in esso ci impedirà di fare ciò che dobbiamo fare”, aggiunge Bauer.

PERICOLO ESCALATION

Dall’altra parte delle barricate, vedono le cose in modo diverso. E lo fanno da tempo.

“La Nato ha messo le sue forze in prima linea ai nostri confini”, ha detto Putin in un discorso alla conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2007, ora vista come un momento storico nelle sue relazioni con l’Occidente, e i riti funebri per la partnership tra Mosca e la Nato. “Abbiamo il diritto di chiedere: contro chi è intesa questa espansione?”.

L’inveire di Putin contro ciò che vede come l’inesorabile espansione della Nato verso est è stato un battito costante nei suoi oltre 22 anni di governo della Russia.

Dalla riunificazione della Germania e dal crollo dell’URSS, 12 paesi si sono uniti all’alleanza. Tre – gli Stati baltici – erano ex repubbliche sovietiche. Altri sette erano precedentemente membri dell’alleanza militare del Patto di Varsavia guidata da Mosca. Il fianco orientale della Nato è 1.100 km più vicino al Cremlino rispetto al confine della Germania Ovest nel 1989.

“La sicurezza e la difesa europee si sono evolute più negli ultimi sei giorni che negli ultimi due decenni”, ha detto Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, il 1° marzo, mentre la portata della nuova realtà del continente si faceva strada.

Alla caduta del muro di Berlino, gli Stati Uniti avevano 200.000 truppe nella Germania Ovest.

Oggi, gli Stati del fianco orientale della NATO, dai Baltici nel nord, fino alla Bulgaria sul Mar Nero, vantano attualmente circa 330.000 truppe: eserciti nazionali sostenuti da rinforzi dall’Europa occidentale, dagli Stati Uniti e dal Canada. Oltre alle forze di terra, ben 130 aerei della Nato sono in stato di massima allerta, e circa 150 navi da guerra pattugliano i mari.

“Precedentemente impensabile” è il modo in cui un alto funzionario dell’alleanza descrive il cambiamento nella presenza della Nato nell’Europa orientale.

I comandanti della Nato giustificano il rafforzamento militare come una misura di sicurezza necessaria per rafforzare la loro capacità di difendere l’alleanza dalla portata della guerra russa vista contro l’Ucraina – e un aumento della deterrenza che si consuma con il livello di rischio percepito da Putin.

Quando ha annunciato l’invasione dell’Ucraina a febbraio, Putin è tornato ripetutamente sul tema dell’espansione della Nato come giustificazione.

“Minacce fondamentali che anno dopo anno, passo dopo passo, vengono brutalmente e senza tante cerimonie create da politici irresponsabili dell’ovest nei confronti del nostro paese: Intendo l’espansione del blocco Nato verso est, portando le sue infrastrutture militari più vicine ai confini russi”, ha detto Putin.

Bauer respinge tale retorica come “sciocchezze”.

“Stiamo rispondendo alle azioni di Putin. Non lo stiamo facendo perché vogliamo mostrare una postura di escalation”, dice. “Sta attaccando l’Ucraina. È in Bielorussia. Ha attaccato la Georgia. Non abbiamo attaccato la Russia, nemmeno una volta. Stiamo rispondendo alle sue azioni”.

Il distretto militare occidentale della Russia, che copre i territori confinanti con la Finlandia, il Baltico, la Bielorussia e l’Ucraina, più l’exclave di Kaliningrad, vanta le forze armate più grandi e meglio equipaggiate del paese. Più di 300.000 truppe forniscono l’intero spettro della guerra, da divisioni di carri armati, forze speciali e lanciamissili terrestri, accanto a basi navali e aeree.

Come risultato delle mosse del Cremlino negli ultimi anni per approfondire il suo controllo sull’alleato Bielorussia – dove le forze armate russe hanno schierato decine di migliaia di truppe quest’inverno – la Nato e la maggiore presenza militare della Russia sono ora più vicine l’una all’altra, indipendentemente dal risultato finale dell’invasione di Putin in Ucraina.

La NATO è stata ferma nel rifiutare qualsiasi intervento diretto in Ucraina, pur sottolineando il suo voto di difendere “ogni centimetro” del territorio dell’alleanza da possibili ricadute. Ma è difficile ignorare la realtà che i mezzi per evitare l’escalation – più truppe e più kit – aumentano anche il rischio che avvenga.

“Naturalmente, finché la guerra continua, ci sarà un rischio di escalation oltre l’Ucraina”, ha detto il mese scorso il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg. “Ed è proprio su questo che la Nato è concentrata, per prevenire questa escalation aumentando la presenza nella parte orientale dell’alleanza”.

“Il pericolo di flashpoint, di escalation è ovviamente più alto”, ha detto un alto funzionario della difesa di un grande membro della Nato. “Queste cose che sono arrivate nel giro di pochi mesi impiegheranno anni o decenni per scomparire di nuovo. Le cose cominciano a diventare la norma molto rapidamente”.

Il funzionario ha aggiunto: “E questo avviene in un periodo di tempo in cui Putin sta solo invecchiando, pensa sempre più alla sua eredità e, molto probabilmente, diventa sempre meno prevedibile e sempre meno stabile nei suoi pensieri e azioni”.

AFFARI IN SOSPESO

Sembra sempre più probabile che la frontiera Nato-Russia sia destinata a diventare più affollata, più tesa, e presto. La Finlandia e la Svezia, paesi che in precedenza hanno scelto un partenariato non vincolante con la NATO piuttosto che l’adesione, stanno discutendo di cambiare quella politica di lunga data, mentre l’opinione pubblica oscilla a favore della difesa collettiva alla luce dell’invasione dell’Ucraina da parte di Putin.

L’adesione della Finlandia aggiungerebbe più di 1.300 km al confine Nato-Russia, più del doppio della sua lunghezza attuale. Aggiungendo la Bielorussia come procuratore della Russia, le due potenze militari si troverebbero a confinare lungo circa 3.750 km.

Mosca ha avvertito che una mossa della Finlandia o della Svezia per unirsi alla Nato richiederebbe una risposta militare, e metterebbe fine allo “status non nucleare del Mar Baltico”.

Come tale, la Nato dice che il suo potenziamento a est è lungi dall’essere finito. Al vertice dell’alleanza a Madrid questo giugno, ci si aspetta che firmi i piani per continuare a rinforzare il fianco.

Bauer dice che i possibili passi futuri includono sistemi di comando e controllo più rigidi, sistemi integrati di difesa aerea e missilistica, e schieramenti di truppe più grandi degli attuali gruppi di battaglia. Questo sarebbe supportato da notevoli riserve di munizioni, mediche e di difesa missilistica per dare “la capacità di sostenere le operazioni per un tempo più lungo e anche la capacità di rinforzare le unità più grandi se è necessario”.

“Indipendentemente dal fatto che questa guerra [in Ucraina] finisca tra settimane, mesi o anni, avrà effetti a lungo termine sulla nostra sicurezza, sul modo in cui la Nato deve rispondere e garantire la continua difesa collettiva e la sicurezza”, ha detto Stoltenberg.

Bauer dice che la Nato rimane impegnata negli sforzi di de-escalation, ma che la Russia ha “tagliato” tutti i canali. Ha tentato di stabilire delle telefonate con il suo omologo – Valery Gerasimov, capo dello stato maggiore russo – prima e dopo l’inizio dell’invasione, solo per essere respinto.

E mentre la capacità di combattimento – e il prestigio reputazionale – delle forze armate russe ha preso una batosta da più di due mesi di guerra in Ucraina, dove una rapida cattura pianificata di Kiev è fallita in un pantano di fallimenti logistici e strategici e carenze operative, Bauer dice che la Nato non deve riposare tranquillamente.

“I russi hanno creduto alle loro stesse sciocchezze [sull’Ucraina]. Spero che non lo facciano, ma si dovrebbe supporre che si preparino adeguatamente [per attaccare la Nato]”, dice Bauer.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore