Mondo

Come gli Stati gestiscono i casi di contagio da Covid-19

di

contagi asintomatici fase 2 mascherine misure coronavirus densità abitativa covid-19 tamponi mascherine tracciamento

L’approfondimento del quotidiano francese Le Monde su come gli Stati si muovono sui contagi da Covid-19


Oggi è fissato a quattordici giorni, il periodo di isolamento richiesto ai pazienti di Covid-19 in Francia potrebbe presto essere ridotto. In altre parti del mondo si stanno adottando altre strategie per identificare e accompagnare questi potenziali portatori del virus.

Smetteremo presto di parlare di “quattordici”? Durante il consiglio della difesa, previsto per venerdì 11 settembre, scrive Le Monde, il governo dovrà decidere se il periodo di isolamento per i pazienti e i casi di contatto con Covid-19 potrà essere “ridotto da quattordici a sette giorni”, su richiesta del ministro della Sanità, Olivier Véran, in conformità con il parere del consiglio scientifico emesso la settimana scorsa.

Questo periodo di quattordici giorni era originariamente una raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Ma la Francia, come altri paesi, sta ora adattando il suo protocollo sanitario per perfezionare la sua strategia di lotta contro il coronavirus.

RIGOROSO ISOLAMENTO O BREVE ISOLAMENTO, STRATEGIE DIVERSE

Anche se la Francia ora vuole distaccarsi dai quattordici dimezzandoli, altri paesi l’hanno preceduta. Il Regno Unito e gli Stati Uniti, ad esempio, raccomandano entrambi un periodo di confinamento più breve di dieci giorni dopo la comparsa dei primi sintomi.

Se da un lato è essenziale per prevenire il diffondersi dell’epidemia, dall’altro l’isolamento di un individuo ha gravi conseguenze pratiche ed economiche, sia che si tratti di un lavoratore dipendente mandato a casa, di un lavoratore autonomo che deve sospendere la sua attività o di un bambino che deve essere accudito dai suoi genitori. Accorciare la durata dell’isolamento può quindi limitare il suo impatto sull’economia.

In contrasto con questa strategia, il Vietnam è un’eccezione, avendo optato per una politica molto più restrittiva. Sebbene l’isolamento sia facoltativo nella maggior parte dei paesi, ha scelto di imporlo. La persona diagnosticata positiva per Covid-19 viene messa in quarantena in strutture istituite dal governo, così come i casi di contatto, mentre i contatti dei casi di contatto devono essere confinati nelle loro case.

Benoît de Tréglodé, dell’Istituto di ricerca strategica della Scuola militare e specialista in Vietnam, racconta al quotidiano Les Echos che questo monitoraggio “va di pari passo con una politica di denuncia pubblica dei colpevoli e, se necessario, di immediata reclusione” consentita in questo Paese dal regime autoritario.

I DIPENDENTI DEL DIPARTIMENTO SANITARIO LOCALE SI SONO MOBILITATI

I dipendenti dei servizi sanitari locali sono spesso incaricati di comunicare agli interessati questa famosa quindicina di giorni. Ma questa strategia ha più o meno successo a seconda del paese.

In Francia, sono i dipendenti del sistema di assicurazione sanitaria che notificano e accompagnano i casi di contatto. I team sono composti da personale medico e amministrativo dedicato ai rapporti con gli assicurati e i loro membri sono soggetti al segreto medico. È loro compito notificare i casi di contatto per telefono, informarli della procedura da seguire e rispondere alle loro domande.

Negli Stati Uniti il metodo, simile a quello adottato dalla Francia, sta incontrando problemi di coordinamento tra città, Stati e a livello federale. Secondo un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa Reuters, i dipendenti dell’agenzia sanitaria hanno potuto raggiungere solo una frazione dei loro obiettivi, mentre gli altri non hanno risposto alla chiamata. La Reuters rivela che in Alabama, uno stato duramente colpito dalla crisi sanitaria, i funzionari sanitari locali si sono ridotti ad istruire i positivi della Covid-19 ad avvisare chiunque entrasse in contatto con loro.

La Spagna, di fronte al colossale compito di monitoraggio, ha deciso di ricorrere all’esercito per aiutare i servizi sanitari locali. Per il momento, le comunità autonome sono state lente a dare il via libera alla cooperazione tra le autorità locali e l’esercito, il che ostacolava l’azione dei militari.

Altri paesi sembrano andare meglio. Il sito web della Northeastern University di Boston (Stati Uniti), che raccoglie articoli di stampa sulle soluzioni messe in atto in ogni Paese per combattere la diffusione del coronavirus, elogia gli sforzi e i risultati di alcuni, che hanno acquisito una migliore comprensione di come gestire l’epidemia nonostante la mancanza di risorse:

“In tutto il mondo, in paesi come l’Etiopia, il Ruanda e Cuba, gli operatori sanitari della comunità stanno cercando e identificando i casi di contagio e forniscono loro informazioni sul Covid-19”. (…) Alcuni paesi dell’Asia e dell’Africa hanno avuto più successo nella lotta contro la Covid-19 rispetto agli Stati Uniti o all’Europa perché hanno più esperienza nella lotta contro altre epidemie, come la SARS, il MERS, l’Ebola o la Zika.”

APPLICAZIONI PER INDIVIDUARE E ISOLARE LE PERSONE A RISCHIO

Oltre a mobilitare gli operatori dei servizi sanitari, alcuni paesi hanno anche optato per applicazioni mobili per cercare di individuare i malati di Covid-19 e di allertare i casi di contatto. Mentre l’applicazione StopCovid in Francia non ha avuto molto successo (2,3 milioni di download dal suo lancio), altri strumenti di questo tipo sono stati adottati all’estero. Il suo omologo italiano Immuni, ad esempio, è stato scaricato più di 5 milioni di volte. La Corona-Warn-App, sviluppata in Germania, è stata installata da 18 milioni di persone. Rispetto alla popolazione di ciascuno di questi paesi, queste cifre mostrano una più ampia adozione del dispositivo tra i nostri vicini.

Queste applicazioni funzionano più o meno allo stesso modo, utilizzando il Bluetooth – non la geolocalizzazione – per stabilire se una persona è stata in contatto con un paziente. La scelta di scaricare o meno l’applicazione è lasciata alla discrezione dei cittadini, tranne che in India, che per prima cosa ha cercato di rendere obbligatorio il download di un’applicazione di tracciamento, Aarogya Setu, obbligatoria per tutti i dipendenti del settore pubblico e privato, prima di consigliarla solo dal 18 maggio. L’applicazione è stata scaricata circa 150 milioni di volte, ma la sua efficacia rimane discutibile, dato che solo il 35% degli indiani possiede uno smartphone.

CODICI QR PER FERMARE LA DIFFUSIONE DEL VIRUS

Anche la Cina utilizza un’applicazione, ma utilizza QR codificati a colori. Classifica le persone in tre gruppi: rosso per i casi sospetti e confermati, giallo per i casi di contatto e verde per le persone sane. L’assegnazione di una persona ad una categoria cambia nel tempo a seconda di chi entra in contatto con essa, dei luoghi che visita o della fine del periodo di quarantena obbligatorio. Gli utenti sono invitati a inserire i loro sintomi (tosse, febbre, dolori, ecc.) in un deposito centrale che viene utilizzato per tracciare la diffusione della malattia nella popolazione. Versioni simili sono state impiegate anche in Russia e in Corea del Sud.

Anche la Svizzera utilizza i codici QR, ma non per lo stesso scopo. A Ginevra, le autorità richiedono la raccolta di dati personali in bar, ristoranti, discoteche ed eventi privati. I baristi e gli organizzatori di eventi privati sono quindi obbligati a chiedere ai loro clienti o partecipanti i loro dati di contatto (cognomi, nomi e numeri di telefono) in modo da poterli raggiungere in caso di diagnosi positiva di Covid-19. I ristoratori, dal canto loro, sono tenuti a segnalare un contatto per tavolo o gruppo. Le informazioni vengono registrate su carta o attraverso un’applicazione che fornisce un codice QR personalizzato con le informazioni di ogni utente.

DAI TEST DI MASSA ALLA RICERCA DI PERSONE ASINTOMATICHE

Infine, le autorità stanno adottando approcci diversi allo screening. Ad esempio, gli Stati Uniti non incoraggiano più i casi di contatto asintomatico da testare, come indicato sul sito web dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC). L’OMS, interrogata su questo tema in una conferenza stampa del 27 agosto, ha tuttavia ribadito la necessità di testare tutti i casi di contatto, asintomatici o meno. Donald Trump aveva già parlato più volte dei test di screening, troppo numerosi secondo lui, che davano una cattiva immagine della gestione della crisi sanitaria da parte del governo americano.

All’altra estremità dello spettro ci sono i paesi e le località che hanno deciso di testare massicciamente tutta la loro popolazione, che ci siano o meno casi di contatto. È stato il caso di Wuhan, in Cina, l’epicentro dell’epidemia dello scorso inverno: 9,9 milioni dei suoi 11 milioni di abitanti hanno dovuto essere sottoposti a test. Per raggiungere questo obiettivo, la capacità giornaliera di test è stata aumentata da 300.000 a 1 milione, anche grazie all’utilizzo di test “in pooling”: campioni di più persone sono stati messi in pool e testati insieme in un’unica provetta. Se uno dei campioni risultava positivo, i singoli campioni delle persone di quel gruppo potevano essere analizzati per trovare quello positivo.

A settembre, Hong Kong ha anche lanciato un’iniziativa di test universale gratuita di una settimana per testare almeno 5 dei suoi 7,5 milioni di persone. Gli attivisti pro-democrazia hanno incoraggiato la gente a boicottare il programma, citando metodi di prova imprecisi e i timori sull’influenza di Pechino.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati