Advertisement
skip to Main Content

Come Biden farà guerra al coronavirus

Biden Coronavirus

Le prime decisioni di Biden contro il coronavirus e la squadra anti pandemia decisa dal neo presidente americano 

Mentre il presidente Joe Biden ha trascorso la sua prima giornata intera in carica con azioni esecutive volte a contenere il coronavirus, la sua amministrazione si è data da fare per risolvere una domanda chiave senza risposta: quanto vaccino è effettivamente disponibile? – scrive Politico.

I conti contrastanti sui totali delle forniture hanno tormentato i funzionari sanitari federali e statali, complicando il piano di risposta alla pandemia della nuova amministrazione e gettando nuovi dubbi su quanto tempo ci vorrà a Biden per portare il virus sotto controllo.

Secondo i dati del Centers for Disease Control, finora è stata somministrata solo la metà dei quasi 38 milioni di vaccini Covid-19 distribuiti dal governo federale. Questo indica che c’è un eccesso di dosi inutilizzate in tutto il paese.

Ma gli Stati avvertono che stanno esaurendo i vaccini, con poca percezione di quando ne arriveranno altri.
I funzionari federali stanno cercando di capire dove sta la realtà – uno sforzo urgente che va contro la promessa di Biden di somministrare 100 milioni di vaccini nei suoi primi 100 giorni di mandato.

Biden ha fatto della fine della pandemia il fulcro della sua prima presidenza, facendo voto di uno sforzo federale a tutto campo per invertire la tendenza della crisi nei prossimi mesi.

Ma anche mentre firmava una raffica di direttive che gettavano le basi per questa risposta, i funzionari della Casa Bianca hanno cercato di abbattere le aspettative – incolpando l’amministrazione Trump per aver lasciato una situazione che insistevano fosse molto peggio del previsto, nonostante mesi di riunioni di transizione e di pianificazione.

“Quello che stiamo ereditando dall’amministrazione Trump è molto peggio di quanto avremmo potuto immaginare”, ha detto ai giornalisti mercoledì sera Jeff Zients, coordinatore di Covid-19 di Biden, ai giornalisti. “Non abbiamo la visibilità che speriamo di avere in termini di forniture e assegnazioni”.

I funzionari di Biden si sono lamentati durante la transizione che i loro sforzi per raccogliere informazioni sulla risposta del coronavirus sono stati a volte stigmatizzati dagli incaricati politici dell’amministrazione Trump. Gli assistenti di Biden per settimane non sono stati in grado di accedere a Tiberius, il database del governo centrale usato per monitorare le distribuzioni di vaccini, secondo un funzionario della transizione. Gli è stato anche negato l’accesso ad alcune riunioni permanenti relative alla risposta del governo fino a pochi giorni prima del giuramento di Biden.

Diversi funzionari statali giovedì hanno indicato le carenze di fornitura come il principale ostacolo ai loro sforzi di distribuzione, aggiungendo che le direttive sia dell’amministrazione uscente che di quella entrante, secondo le quali gli Stati dovrebbero ampliare le loro linee guida di idoneità, hanno finito per esaurire le riserve.

“Quello che si vede ora è che l’offerta è molto limitata”, ha detto Chrissie Juliano, direttore esecutivo della Big Cities Coalition, che rappresenta i dipartimenti sanitari metropolitani. “Suggerire di permettere a tutti gli over 65 di ottenere un vaccino nella speranza che spingesse l’offerta,, non è fattibile”.

I funzionari della sanità hanno anche avuto problemi di dati che hanno ostacolato la capacità degli Stati di aggiornare il governo sulle forniture quotidiane di vaccini.

Questi problemi potrebbero richiedere settimane per essere risolti, hanno detto i funzionari statali e federali, e rappresentano il tipo di sforzo complesso che potrebbe impantanare rapidamente la risposta dell’amministrazione Biden.

Giovedì, Biden ha lanciato una strategia nazionale di 200 pagine per limitare il coronavirus, parte di uno sforzo per mostrare una netta rottura con l’amministrazione Trump, che si è sottratta alla responsabilità della distribuzione dei vaccini e ha creato un sistema patchwork in tutto il paese.

Il presidente ha firmato 10 ordini esecutivi che vanno dall’invocare il Defense Production Act per accelerare la produzione di forniture di vaccini alla direzione del Dipartimento dell’Istruzione per dare alle scuole una guida sulla riapertura sicura.

Gli esperti sanitari hanno applaudito i passi rapidi e il piano dettagliato, ma hanno anche riconosciuto che ci saranno ritardi nel mettere tutto in moto. Anche se i piani sono in corso da mesi, sarà difficile farli eseguire rapidamente da grandi agenzie governative, soprattutto senza una leadership permanente.

Una parte fondamentale del piano del presidente per aumentare le vaccinazioni è rappresentata dai siti di distribuzione sostenuti a livello federale, con l’obiettivo di creare 100 siti entro la fine di febbraio. Ma i funzionari statali hanno avvertito che se l’offerta non aumentasse, il piano non farebbe che interrompere ulteriormente gli sforzi già in corso per tenere il passo con l’aumento della domanda.

Il governo federale ha ulteriormente allarmato alcuni funzionari statali giovedì, quando il Centers for Disease Control ha indicato che avrebbe iniziato a contare le fiale di vaccino della Pfizer come l’equivalente di sei dosi – invece che cinque, secondo una e-mail dell’agenzia ottenuta dalla Politico.

Quelle fiale richiedono siringhe specifiche per estrarre tutte e sei le dosi, e quel tipo di siringa è talmente richiesto che l’amministrazione Biden ha detto giovedì che potrebbe usare la legge sulla produzione della difesa per aumentare la sua produzione.

I funzionari Biden si scontreranno probabilmente anche con i rigidi limiti della fornitura totale di vaccini della nazione per i prossimi mesi. Pfizer e Moderna hanno promesso 200 milioni di dosi totali entro la fine di marzo – abbastanza per coprire l’impegno iniziale di Biden, ma lontano da quanto necessario per ottenere l’immunità del gregge.

E mentre giovedì Biden ha espresso la sua volontà di utilizzare l’ADP per accelerare la produzione, l’aumento della scorta di materiali e forniture non avrà alcun impatto immediato sulla risposta.

“Non è una bacchetta magica”, ha detto un ex funzionario dell’amministrazione Trump. “Devono spiegare cosa ne faranno”.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore