skip to Main Content

Come Milano, Barcellona, Londra e Bruxelles (e non solo) puntano sulle biciclette

Città Bicicletta
Le città di tutta Europa stanno scommettendo sulla bicicletta per guidare la ripresa dal coronavirus. L’approfondimento del Guardian

Quando la pandemia di coronavirus ha portato alle chiusure un anno fa, centinaia di città hanno riconfigurato le loro strade per rendere più facile camminare e andare in bicicletta per aiutare il distanziamento sociale e ridurre l’inquinamento atmosferico. Ora, con la fine delle chiusure in vista, le misure si sono dimostrate così efficaci che le città di tutta Europa stanno scommettendo sulla bicicletta per guidare la ripresa.

Secondo la Federazione Europea dei Ciclisti (ECF), le città del continente hanno speso 1 miliardo di euro in misure di ciclabilità legate al Covid nel 2020, creando almeno 600 miglia (1.000 km) di piste ciclabili, misure di moderazione del traffico e strade senza auto – scrive The Guardian.

Inoltre, non sono stati solo i “soliti sospetti” Danimarca e Paesi Bassi ad agire, ma anche luoghi con infrastrutture inadeguate. La pandemia ha rivelato una domanda latente di infrastrutture per ciclisti e pedoni e ha offerto la possibilità di “costruire meglio”, come amano dire i politici. Ora molte città sono impegnate ad accelerare i piani esistenti per fare proprio questo.

Aleksander Buczyński dell’ECF ha detto: “Penso che in larga misura la pandemia abbia solo accelerato alcuni processi … Le città che hanno fatto buone piste ciclabili provvisorie sono state generalmente accettate positivamente dagli abitanti, se non uniformemente”.

A Barcellona durante la pandemia, l’uso del trasporto pubblico è diminuito del 50% e l’uso dell’auto privata solo del 10%.

Una prima serie di 13 miglia di piste ciclabili pop-up è stata installata nell’estate 2020 per tappare i buchi nella rete ciclabile e incoraggiare le persone che evitano il trasporto pubblico a pedalare, e altre quattro miglia sono state aggiunte. L’uso della bicicletta è ora salito al 10% sopra i livelli pre-pandemici.

I funzionari di Barcellona stanno accelerando la costruzione di 100 miglia di piste ciclabili nuove o migliorate, portando la rete a 190 miglia entro il 2024. Questo prepara anche il terreno per il programma Superblocks, di cui le piste ciclabili sono un elemento essenziale e parte degli obiettivi per ridurre l’uso dell’auto del 25% entro il 2024.

Il programma Strade Aperte di Milano è stato lanciato nell’aprile 2020 con una proposta di 22 miglia di nuove piste ciclabili protette e aree pedonali prioritarie. La pista ciclabile su Corso Buenos Aires è ora la più trafficata della città, usata da ben 10.000 ciclisti al giorno, un aumento del 122% in pochi mesi. Milano ha ora esteso Strade Aperte a 42 miglia e punta a 62 miglia entro questa estate.

A Parigi, le strade una volta dominate dalle auto sono piene di cicli. Dalla primavera del 2020, si stima che il ciclismo sia cresciuto del 70%, e 31 miglia di piste temporanee installate all’inizio della crisi stanno per essere rese permanenti, con altre aggiunte. La percentuale di donne in bicicletta è cresciuta, e un recente sondaggio ha rilevato che il 62% dei residenti vuole che le corsie siano rese permanenti.

Dopo la rielezione dello scorso anno, il sindaco, Anne Hidalgo, sta accelerando ulteriormente i piani di piste ciclabili. Secondo l’ECF, Parigi ha consegnato 100 miglia delle 200 miglia previste di nuovi percorsi.

Lisbona è in procinto di quasi raddoppiare la sua rete ciclabile di 65 miglia a 124 miglia quest’anno, iniziando con corsie pop-up per creare nuovi percorsi protetti. In comune con Barcellona, questo fa parte di piani a lungo termine per aumentare gli spostamenti a piedi e in bicicletta, affrontare l’inquinamento atmosferico e ridurre l’impatto delle ondate di calore, con misure di accompagnamento per aumentare l’ombra delle strade. Anche l’espansione delle zone a 30km/h, le zone pedonali, i parcheggi per biciclette e il verde fanno parte del quadro. In un anno, l’uso della bicicletta è cresciuto del 25% e anche la percentuale di donne in bicicletta è aumentata.

In un sondaggio condotto in 21 città europee, il 64% degli intervistati ha detto di non voler tornare ai livelli di inquinamento atmosferico pre-Covid, che sono illegalmente alti in molte città. Tre quarti erano disposti a ridistribuire lo spazio pubblico dalle auto agli spostamenti attivi per raggiungere questo obiettivo, mentre il 21% ha detto di aver pianificato di andare di più in bicicletta dopo il blocco, e il 35% di camminare di più.

Londra ha installato o iniziato a lavorare su 62 miglia di piste ciclabili dall’inizio della pandemia, e i dati di Transport for London di gennaio mostrano che il ciclismo è aumentato del 22% nella zona esterna di Londra dal 2019. Quasi la metà di tutti i viaggi a Londra sono stati fatti in bicicletta e a piedi da aprile a giugno 2020, in aumento rispetto al 29% prima della pandemia.

Bruxelles ha sperimentato 37 miglia di piste ciclabili pop-up nel 2020, aumentando i “ciclisti attivi” dell’87%, e il Belgio sta ora cercando di estendere i suoi piani di autostrada ciclabile tra le città. Il governo fiammingo ha alzato la posta nel marzo 2021, annunciando un pacchetto di 150 milioni di euro per il ciclismo, portando la spesa pro capite a 22 euro (19 sterline) all’anno – per confronto, il Regno Unito spende circa 7 sterline a persona.

In tutta Europa il cicloturismo ha avuto un boom, anche perché le restrizioni di viaggio hanno limitato ulteriori uscite, e come parte della sua ripresa l’Italia prevede di investire in 630 miglia di nuove piste ciclabili urbane e metropolitane per il trasporto e il tempo libero, e 1.000 miglia di piste ciclabili turistiche.

Cracovia ha installato una manciata di piste ciclabili che hanno raddoppiato i livelli di ciclismo la scorsa estate, con molte persone che sono passate dal trasporto pubblico alla bicicletta. La città ha ora sviluppato un piano quinquennale per espandere ulteriormente la rete ciclabile.

“La gente dice che le città olandesi o danesi hanno impiegato 30 o 50 anni per costruire le loro infrastrutture ciclabili, ma noi non abbiamo questo tempo”, ha detto Buczyński. “Abbiamo l’emergenza climatica, che non possiamo affrontare in 50 anni. Abbiamo bisogno di cambiare il sistema dei trasporti abbastanza rapidamente, e sarà molto difficile senza rendere la bicicletta un’opzione praticabile per tutti”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore