skip to Main Content

La paranoia della Cina per la verità ufficiale su Wuhan

Cina Wuhan

Che cosa ha scritto Le Monde sulle mosse delle autorità della Cina su Wuhan

Almeno una mezza dozzina di persone sono state arrestate, scrive Le Monde. Questa ondata di repressione rivela la paranoia di Pechino nei confronti di qualsiasi versione non conforme alla verità ufficiale su Covid-19.

Ne avevano fatto la loro passione: l’archiviazione su un sistema ospitato all’estero, la piattaforma americana GitHub, i contenuti – articoli di stampa o di social network – che scomparivano dal web cinese ad ogni incursione censoria. Le autorità non sembravano preoccuparsi delle loro attività fino a quando l’epidemia di Covid-19 a Wuhan non ha ampliato il loro sito con centinaia di pagine di documenti. In aprile, Chen Mei e Cai Wei, due ventisettenni cinesi, sono stati arrestati a Pechino e tenuti in isolamento per 55 giorni prima di essere formalmente accusati. Sono in attesa del processo, che è imminente, con l’accusa di “opposizione e disordini”, un reato che vale fino a quattro anni di reclusione, che viene regolarmente utilizzato per punire gli attivisti.

Assieme a questi due storici in erba, sono stati arrestati almeno una mezza dozzina di cittadini giornalisti che si erano mobilitati per documentare il confinamento di Wuhan dal 23 gennaio. Come Chen Qiushi, che all’inizio dell’epidemia pubblicava i suoi rapporti negli ospedali di Wuhan su YouTube e che è stato tenuto in isolamento per quasi 300 giorni. O Zhang Zhan, un avvocato di Shanghai, anch’egli andato a Wuhan per filmare i suoi abitanti, che è stato arrestato a maggio e che presto sarà processato per “opposizione e disordini”. Ha respinto le accuse a suo carico e ha fatto più volte lo sciopero della fame.

PARANOIA DELLE AUTORITÀ

Questa ondata di repressione rivela la paranoia delle autorità cinesi e la loro accresciuta vigilanza contro qualsiasi versione non conforme alla verità ufficiale sul Covid-19 a Wuhan. Dimostra anche quanto si sia ridotto il margine di manovra in Cina per un’intera generazione di giovani idealisti che ancora credevano di potersi impegnare in missioni civili.

Chen Mei era uno di loro. Tecnico informatico in un’associazione per bambini ipoacusici e autistici di Pechino, aveva chiamato Terminus2049 il sito creato nel 2018 con il suo compagno Cai Wei, in omaggio al pianeta Terminus, sul quale, nei romanzi di fantascienza dello scrittore americano Isaac Asimov, uno scienziato conserva la conoscenza dell’umanità in via di estinzione. Tra gli articoli di stampa, ma anche libri vietati in Cina, un documentario sul massacro di Tienanmen, il contenuto di un sito di notizie di Hong Kong e un forum dove gli abbonati potevano scambiarsi in forma anonima collegandosi a una VPN, lo strumento che permette l’accesso a siti stranieri.

Quando la trasmissione da uomo a uomo del virus è stata ufficialmente confermata a Wuhan il 20 gennaio, la rete cinese è esplosa con speculazioni, dubbi e rabbia. In un forum di discussione riservato agli intellettuali, è stato ampiamente diffuso un saggio che spiega che i cinesi stanno ora pagando il prezzo di non aver difeso la libertà di stampa per 50 anni. Lo Youth Daily, un giornale ufficiale progressista, pubblica una delle prime interviste dell’informatore Li Wenliang, l’oculista che poi è morto a causa di Covid-19. Sul servizio di messaggistica WeChat ci sono tutti i tipi di forum aperti. I residenti di Wuhan stanno indagando: uno di loro invia a WeChat le immagini di otto morti in un ospedale che sostiene di non avere alcun caso. Tutti questi contenuti, anche quelli della stampa ufficiale, saranno completamente eliminati dal web dai censori, come a lavare via ogni traccia dell’effervescenza che sta poi agitando la società cinese.

Questi documenti sono archiviati su Terminus2049 e rimangono lì per la consultazione. Oggi, hanno fatto guadagnare a Chen Mei e alla sua compagna l’accusa di “diffondere informazioni false che hanno un effetto negativo sulla società”, spiega il fratello maggiore del giovane archivista, Chen Kun, 33 anni. Ex attivista della comunità, ha lasciato la Cina per l’Indonesia all’inizio dell’epidemia, alla fine di gennaio, e poi è venuto a studiare in Francia, dove Le Monde lo ha incontrato. Da allora, ha cercato di tracciare i fili dell’indagine che ha portato suo fratello in prigione. In particolare, aveva aderito a un’iniziativa collettiva per cercare di determinare il numero reale dei morti di Covid-19. “Il governo cinese vuole che la gente ricordi solo una cosa, la sua vittoria sull’epidemia, dice Chen Kun. Se la gente lo mette in dubbio, può rivelare alcuni problemi della società, e loro non vogliono questo.”

“INFORMAZIONI SENSIBILI”

La sua stessa partenza dalla Cina, crede Chen Kun, ha alimentato i sospetti della polizia su suo fratello: un suo conoscente gli ha detto di essere stato interrogato, poche settimane prima del suo arresto, sul fatto che qualcuno vicino a Chen Mei all’estero potrebbe aver ricevuto “informazioni sensibili”. In realtà, Chen Kun non era a conoscenza della società di archiviazione del fratello minore. L’informazione in questione, ha sottolineato, non era un segreto di Stato. Ha lasciato la Cina con la moglie e la figlia come misura precauzionale: “Sapevamo che l’obiettivo di sradicare la pandemia a tutti i costi avrebbe portato a molte azioni che avrebbero ignorato i diritti umani. Che chiunque fosse contagiato si sarebbe trovato completamente alla mercé del governo locale”, dice.

L’ex attivista e sua moglie erano già stati duramente colpiti dalla prima svolta autoritaria di Xi Jinping sei anni prima. Un’ondata di repressione contro gli ambienti associativi ha poi fatto guadagnare loro diversi mesi di “sorveglianza in un luogo designato”, lo stesso prolungato regime di detenzione in isolamento, equivalente alla tortura, che Chen Mei ha subito. Per Chen Kun, arrestato il 6 ottobre 2014, la detenzione ha avuto luogo in una base militare vicino a Pechino. È stato interrogato per tre mesi e due guardie lo hanno tenuto di guardia nella sua cella giorno e notte. “È cento volte peggio di una prigione. Immaginare un giorno di tornare a casa era diventato un sogno stravagante. Mi era rimasto solo un desiderio, quello di chiacchierare con un altro essere umano”, dice. Sua moglie, che era stata arrestata qualche giorno prima, vi ha trascorso ottanta giorni.

La sequenza di circostanze che li ha portati a questa situazione è grottesca. Chen Kun era allora direttore del Liren College, laboratori educativi legati ad una ONG, Liren (in cinese, “in piedi”), che gestisce librerie per i bambini poveri delle zone rurali. La coppia fa parte di un’intera rete di attivisti, volontari e imprenditori che lavorano ai margini dell’impegno politico, impegnandosi nell’azione dei cittadini. La moglie di Chen Kun, Ling Lisha, fotocopia un giorno di settembre documenti relativi al “movimento ombrello”, l’occupazione dei quartieri di Hong Kong da parte dei manifestanti, in una farmacia vicino a un’università di Pechino. La fotocopiatrice è collegata alla polizia segreta e la ricevuta, rilasciata a nome di una delle associazioni, sarà usata come pretesto per l’arresto di un noto attivista per i diritti umani, Guo Yushan, il cui assistente è Chen Kun. Il signor Guo sconterà un anno di carcere, mentre il suo stesso avvocato è condannato a dieci anni. La maggior parte delle associazioni saranno smantellate. Al suo rilascio, la coppia ha un figlio, si trasferisce al Sud e allestisce un asilo nido, rassegnandosi, dicono, a un lavoro “normale”.

Diverse ondate successive di repressione hanno poi prosciugato il terreno fertile da cui, all’inizio del decennio 2010, erano emerse queste buone volontà, determinate a far avanzare la Cina verso lo stato di diritto. Nel 2015, 300 avvocati sono stati arrestati e circa dieci di loro hanno ricevuto pesanti condanne. Tanto che il periodo in cui tutti si mobilitavano su Internet quando un attivista era detenuto, coinvolgendo avvocati indipendenti, aiutando le famiglie, è in gran parte finito. “Ho scelto un avvocato indipendente per mio fratello. Ma è stato costretto a ricorrere a difensori pubblici. Questi avvocati si rifiutano di parlare con me. La procedura è una scatola nera. Ripetono quello che la polizia dice – che mio fratello ha commesso un crimine – invece di difenderlo. L’obiettivo è quello di impedire ai veri avvocati di fare il loro lavoro”, dice Chen Kun. Ma è riuscito a convincere i primi due avvocati ufficiali a ritirarsi, minacciando di informare i loro clienti internazionali, le grandi aziende, del loro inganno. Una prima vittoria simbolica, anche se altri due sono stati nominati per sostituirli.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore