skip to Main Content

Come procede la luna di miele fra Cina e talebani

Cina Talebani

I talebani sperano che la Cina fornisca loro l’assistenza necessaria per rimettere l’Afghanistan in carreggiata. L’approfondimento di El Pais

Pechino – riporta El Pais – definisce la formazione del nuovo governo un “passo necessario” e annuncia una spedizione di aiuti di emergenza.

L’apparente – e cauta – luna di miele tra i talebani e la Cina continua e diventa più stretta. Un giorno dopo che la milizia ha annunciato la composizione del suo governo in Afghanistan, che includerà solo membri del gruppo e nessuna donna, Pechino ha dato la sua benedizione a quello che ha definito un “passo necessario” per porre fine a “tre settimane di anarchia” e iniziare il ripristino dell’ordine e la ricostruzione. Ha anche confermato la sua disponibilità a mantenere la comunicazione con i nuovi leader dell’Asia centrale.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha annunciato l’invio di aiuti umanitari d’emergenza all’Afghanistan, a cui la Cina invierà un carico di grano, attrezzature invernali, vaccini e medicine per un valore di circa 26 milioni di euro. I due paesi condividono una piccola frontiera, lunga circa 70 chilometri.

I contatti tra Pechino e i talebani, e con altri paesi vicini che hanno interessi in Afghanistan, sono stati intensi nelle ultime settimane da quando il ministro degli esteri cinese ha incontrato nella città di Tianjin i rappresentanti del gruppo fondamentalista a fine luglio. Wang stava parlando mercoledì durante un incontro in videoconferenza con i rappresentanti diplomatici di sei nazioni vicine: Pakistan, Cina, Turkmenistan, Uzbekistan, Tagikistan e Iran. La settimana scorsa è stato il suo vice ministro Wu Jianghao a parlare con l’allora vice direttore dell’ufficio politico dei talebani in Qatar, Abdul Salam Hanafi, ora vice primo ministro a Kabul. Un summit sulla sicurezza regionale a Dushanbe la prossima settimana affronterà la situazione afgana e potrebbe essere presenziato dallo stesso presidente cinese Xi Jinping.

Le sensazioni tra la nuova leadership afgana e la Cina sono reciproche: entrambi sperano di beneficiare della relazione, ma vogliono la prova che possono fidarsi l’uno dell’altro. Il governo di Xi Jinping ha espresso la sua volontà di collaborare con i militari e assistere nel processo di ricostruzione a seguito del ritiro degli Stati Uniti e dei suoi alleati dopo 20 anni di guerra; a lungo termine, e se il paese riuscirà a stabilizzarsi, è interessato alle ricchezze minerarie che possono esistere nel sottosuolo afghano, la cui estrazione è stata resa impossibile da una geografia complicata e da decenni di conflitto costante.

In cambio della sua assistenza, Pechino chiede garanzie che i Talebani non permetteranno che il loro territorio sia usato per possibili attacchi terroristici contro la loro regione dello Xinjiang, confinante con l’Afghanistan e sede della minoranza musulmana uigura, dove in passato sono stati compiuti attacchi che Pechino attribuisce a gruppi radicali uiguri.

“La Cina sa di dover essere più attiva, diplomaticamente e politicamente, e lo sta facendo. Sa anche che dovrà gestire la situazione in gran parte attraverso il Pakistan, il grande alleato dei talebani. E ha riserve sul significato delle assicurazioni fornite dai talebani e sulla misura in cui il Pakistan può fare pressione su di loro”, nota Andrew Small del German Marshall Fund.

Gli scambi di messaggi in questo senso continuano. Se venerdì Hanafi ha insistito con Wu che il suo gruppo “non permetterà mai a nessuno di usare il suolo afgano per minacciare gli interessi della Cina”, mercoledì Wang Yi ha chiesto che la milizia rompa con i gruppi estremisti e agisca contro di loro. “Tutte le parti dovrebbero intensificare la condivisione dell’intelligence e la cooperazione nel controllo delle frontiere per catturare ed eliminare i gruppi terroristici che si sono infiltrati dall’Afghanistan”, ha detto il ministro cinese.

Pechino, ha detto Small, “non vuole l’infiltrazione di militanti o un ambiente permissivo per loro, per qualsiasi gruppo che potrebbe causare problemi alla Cina o ai suoi vicini. E questo include un ampio spettro di formazioni, compresi i gruppi talebani pakistani”. Secondo l’opinione di questo esperto, il governo di Xi è anche più preoccupato della vulnerabilità degli “obiettivi cinesi nei paesi vicini e, in alcuni casi, della stabilità degli stessi stati vicini, come il Pakistan, che del confine comune, che è molto stretto e geograficamente molto difficile da attraversare”. Né vuole uno stato paria che operi sotto sanzioni internazionali, quindi vuole assicurarsi che emerga un governo accettabile. E, in ogni caso, “la Cina non vuole essere coinvolta in un intervento attivo, certamente non militare, ma nemmeno in altri modi”. Troppa influenza politica potrebbe renderlo un obiettivo troppo visibile.

Da parte loro, i talebani guardano a Pechino per fornire l’assistenza disperatamente necessaria per rimettere il paese in carreggiata, e il sostegno diplomatico per evitare l’isolamento che il gruppo ha sperimentato durante il suo primo periodo alla guida dell’Afghanistan tra il 1996 e il 2001. In un’intervista al quotidiano italiano La Repubblica la settimana scorsa, il portavoce del gruppo Zabihullah Mujahid ha definito Pechino “il nostro partner più importante” e “una straordinaria opportunità per noi, perché è pronto a investire e ricostruire il nostro paese”.

“Ci sono ricche miniere di rame nel paese che, grazie ai cinesi, possono essere rimesse in funzione e modernizzate. Inoltre, la Cina è il nostro biglietto per i mercati di tutto il mondo”, ha detto il portavoce.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore