skip to Main Content

Come Pechino influenza gli influencer. Report Nyt

Europa Cina

La Cina sta usando gli influencer e i creatori di contenuti come strumenti di propaganda. L’articolo del New York Times

Milioni di persone hanno guardato le puntate di Lee e Oli Barrett su YouTube dalla Cina. Il duo padre e figlio visita hotel in luoghi esotici, girano per villaggi fuori mano, assaggiano prelibatezze in mercati affollati e si sottopongono a tradizionali pulizie delle orecchie. Scrive il The New York Times.

I Barrett fanno parte di un raccolto di nuove personalità dei social media che dipingono ritratti allegri della vita da stranieri in Cina – e rispondono anche alle critiche sul governo autoritario di Pechino, sulle sue politiche verso le minoranze etniche e sulla sua gestione del coronavirus.

I video hanno un’atmosfera casuale e casalinga. Ma dall’altra parte della telecamera c’è spesso un grande apparato di organizzatori governativi, media controllati dallo stato e altri amplificatori ufficiali – tutti parte dei tentativi sempre più ampi del governo cinese di diffondere messaggi pro-Pechino in tutto il pianeta.

I media statali e i governi locali hanno organizzato e finanziato i viaggi degli influencer pro-Pechino, secondo i documenti del governo e gli stessi creatori. Hanno pagato o offerto di pagare i creatori. Hanno generato traffico lucrativo per gli influencer condividendo i video con milioni di seguaci su YouTube, Twitter e Facebook.

Con l’appoggio dei media ufficiali, i creatori possono visitare e filmare in parti della Cina dove le autorità hanno ostacolato i reportage dei giornalisti stranieri.

La maggior parte degli YouTuber ha vissuto in Cina per anni e dicono che il loro obiettivo è quello di contrastare la percezione sempre più negativa che l’Occidente ha del paese. Sono loro a decidere cosa va nei loro video, dicono, non il partito comunista.

Ma anche se i creatori non si vedono come strumenti di propaganda, Pechino li sta usando in questo modo. Diplomatici e rappresentanti cinesi hanno mostrato i loro video alle conferenze stampa e promosso le loro creazioni sui social media. Insieme, sei dei più popolari di questi influencer hanno ottenuto più di 130 milioni di visualizzazioni su YouTube e più di 1,1 milioni di abbonati.

Le voci straniere simpatizzanti fanno parte degli sforzi sempre più ambiziosi di Pechino per plasmare la conversazione mondiale sulla Cina. Il partito comunista ha radunato diplomatici e organi di stampa statali per portare le sue narrazioni e soffocare le critiche, spesso con l’aiuto di eserciti di account ombra che amplificano i loro post.

In effetti, Pechino sta usando piattaforme come Twitter e YouTube, che il governo blocca all’interno della Cina per prevenire la diffusione incontrollata delle informazioni, come megafoni di propaganda per il mondo intero.

“La Cina è il nuovo super-abusatore che è arrivato sui social media globali”, ha detto Eric Liu, un ex moderatore di contenuti per i social media cinesi. “L’obiettivo non è quello di vincere, ma di provocare il caos e il sospetto fino a quando non ci sarà una reale verità”.

Lo Stato dietro la telecamera

Raz Gal-Or ha iniziato a fare video divertenti quando era uno studente universitario a Pechino. Ora, il giovane israeliano porta con sé i suoi milioni di abbonati mentre intervista sia la gente comune che i colleghi espatriati sulla loro vita in Cina.

In un video di questa primavera, Gal-Or visita i campi di cotone nello Xinjiang per contrastare le accuse di lavoro forzato nella regione.

“È assolutamente normale qui”, dichiara dopo aver gustato dei kebab con alcuni lavoratori. “Le persone sono gentili, fanno il loro lavoro, vivono la loro vita”.

I suoi video non menzionano i documenti governativi interni, le testimonianze di prima mano e le visite dei giornalisti che indicano che le autorità cinesi hanno tenuto centinaia di migliaia di musulmani dello Xinjiang nei campi di rieducazione.

Non menzionano nemmeno i legami d’affari suoi e della sua famiglia con lo stato cinese.

Il presidente della compagnia video del signor Gal-Or, YChina, è suo padre, Amir, un investitore il cui fondo è sostenuto dalla China Development Bank, gestita dal governo, secondo il sito web del fondo.

YChina ha avuto come clienti due punti vendita di notizie di proprietà statale, secondo il sito web di Innonation, una società fondata da Amir Gal-Or. Innonation gestisce spazi condivisi e ospita l’ufficio di YChina a Pechino.

In alcune e-mail con il New York Times, Raz Gal-Or ha detto che YChina non aveva “contratti commerciali” con agenzie di stampa statali e che il sito web di Innonation era “impreciso”. Ha detto che nessuna entità ufficiale lo ha pagato o guidato nello Xinjiang.

Ha affermato che la sua serie di video sullo Xinjiang riguardava “la vita, il benessere e i sogni delle persone”.

“Coloro che la percepiscono come politica, sono sicuro che hanno la loro agenda”, ha aggiunto.

Fare un lavoro

Altri creatori riconoscono di aver accettato sostegno finanziario da entità statali, anche se dicono che questo non li rende portavoce di Pechino.

Kirk Apesland, un canadese che vive in Cina, chiama il suo canale Gweilo 60. (“Gweilo” è lo slang cantonese per straniero). Egli rifiuta le notizie sulla repressione nello Xinjiang e cita le sue esperienze felici per contestare l’idea che il popolo cinese sia oppresso.

Dopo che il Times ha contattato il signor Apesland, ha pubblicato un video intitolato “New York Times vs Gweilo 60”. In esso, riconosce che accetta hotel gratuiti e pagamenti dalle autorità cittadine e provinciali. Lo paragona all’essere un promotore del turismo locale.

“Ci sono commissioni per quello che faccio? Naturalmente”, dice. “Sto facendo un lavoro. Trasmetto i video a centinaia di migliaia di persone”.

Lee Barrett fa un riconoscimento simile in uno dei suoi video. “Pagano il viaggio, pagano l’alloggio, pagano il cibo”, dice. “Tuttavia, non ci dicono in nessun modo quello che dobbiamo dire”.

Oli Barrett non ha risposto a una richiesta di commento.

Secondo un documento presentato in un nuovo rapporto dell’Australian Strategic Policy Institute, il regolatore di internet della Cina ha pagato circa 30.000 dollari a una società di media come parte di una campagna chiamata “Un appuntamento con la Cina”, che ha usato “celebrità straniere di internet” per promuovere il successo del governo nell’alleviare la povertà.

L’istituto di ricerca, che è finanziato dai governi australiano e americano e da aziende tra cui appaltatori militari, ha pubblicato diversi rapporti sulle politiche coercitive della Cina nello Xinjiang.

Quando gli YouTubers viaggiano a spese dello stato, gli organizzatori ufficiali modellano ciò che vedono e fanno. Non molto tempo fa, Lee Barrett, un influencer di nome Matt Galat e due autori del Messico hanno tenuto una discussione in livestream su un viaggio che hanno fatto a Xi’an con l’emittente statale China Radio International.

Gli organizzatori hanno chiesto a Mr. Galat di fare un discorso lodando un posto che doveva ancora vedere, ha detto durante la discussione. Ha rifiutato.

Durante un’altra parte del viaggio, il signor Galat era frustrato perché una visita a una montagna sacra è stata tagliata dal programma.

“Hanno dovuto inserire altre visite di propaganda”, ha detto.

Il signor Galat ha poi rimosso il contenuto della discussione dal suo canale. Ha rifiutato di dire il perché.

Come vincere i like e influenzare le persone

Non è chiaro quanto reddito i creatori possano generare da questo lavoro. Ma oltre al denaro, gli enti governativi cinesi hanno anche fornito qualcosa che può essere altrettanto prezioso per una personalità dei social media: il traffico digitale.

YouTube utilizza le entrate pubblicitarie per pagare gli influencer in base a quante persone stanno guardando. Quegli occhi possono anche aiutare gli influencer a concludere accordi di sponsorizzazione con grandi marchi, come hanno fatto diversi YouTuber pro-Cina.

Il signor Gal-Or ha pubblicato il suo video sulle piantagioni di cotone dello Xinjiang su YouTube l’8 aprile, poco dopo che Nike, H&M e altri marchi sono finiti sotto tiro in Cina per aver espresso preoccupazione per i rapporti sul lavoro forzato.

In pochi giorni, il suo video è stato ripubblicato con sottotitoli in italiano dalla pagina Facebook dell’ambasciata cinese in Italia, che ha quasi 180.000 seguaci.

Nelle settimane successive, il video, insieme ad altri filmati del signor Gal-Or nello Xinjiang, è stato condiviso su Facebook e Twitter da almeno 35 account gestiti da ambasciate cinesi e da agenzie di stampa ufficiali. In totale, gli account hanno circa 400 milioni di seguaci.

Gli algoritmi di YouTube e Google favoriscono i video che sono ampiamente condivisi sui social media.

“I paesi dittatoriali possono accentrare la loro comprensione dell’algoritmo e usarlo per aumentare tutti i loro canali”, ha detto Guillaume Chaslot, un ex ingegnere di Google che ha contribuito a sviluppare il motore di segnalazione di YouTube.

Su Twitter, il video del signor Gal-Or è stato condiviso da molti account con personaggi digitali sospettosamente scarni, secondo Darren Linvill, che studia la disinformazione sui social media alla Clemson University. Questo, ha detto, è un segno caratteristico di un’operazione coordinata.

Dei 534 account che hanno twittato il video da aprile alla fine di giugno, due quinti avevano 10 o meno seguaci, ha scoperto il professor Linvill. Uno su nove aveva zero seguaci. Per nove account, il video del signor Gal-Or è stato il loro primo tweet.

Tale attività ha aggiunto ulteriori impronte digitali al signor Gal-Or e ad altri creatori.

Joshua Lam e Libby Lange, ricercatori laureati alla Yale University, hanno analizzato un campione di quasi 290.000 tweet che hanno menzionato lo Xinjiang nella prima metà del 2021. Hanno scoperto che sei dei 10 video di YouTube più comunemente condivisi nei tweet erano degli influencer pro-Cina.

Trasparenza per gli influencer

YouTube ha detto al Times di non aver trovato prove che questi creatori fossero “legati a operazioni di influenza coordinate”. Il sito, che fa parte di Google, abbatte regolarmente i canali che trova a promuovere messaggi in modo ripetitivo o coordinato.

Ma YouTube richiede anche ai canali di rivelare le sponsorizzazioni o altre relazioni commerciali in modo che gli spettatori possano essere informati. Dopo che il Times ha chiesto dei pagamenti e dei viaggi gratuiti dai media statali cinesi, YouTube ha detto che avrebbe ricordato ai creatori i loro obblighi.

YouTube cerca anche di promuovere la trasparenza etichettando i canali gestiti da organizzazioni di notizie finanziate dal governo. Ma la piattaforma non classifica i canali personali dei loro dipendenti, ha detto.

Questo permette ad alcuni YouTubers di nascondere il fatto che lavorano per i media statali cinesi.

Li Jingjing porta i suoi abbonati nelle barriere coralline del Mar Cinese meridionale e discute gli sforzi dell’Occidente per contenere la Cina. Il suo canale non menziona che lavora per China Global Television Network.

Il canale di Stuart Wiggin, The China Traveler, non indica che lavora per People’s Daily. Eppure era così che il signor Wiggin, che è britannico, è stato identificato da un altro giornale di stato, China Daily, nella sua gestione della campagna “Date With China”.

Nei suoi video dallo Xinjiang, il signor Wiggin si entusiasma per la cucina e intervista la gente del posto su come la loro vita è migliorata. Argomenti come i campi di rieducazione non vengono menzionati.

La signora Li e il signor Wiggin non hanno risposto alle richieste di commento.

Nessun rimpianto

Il signor Galat era tra i più popolari YouTubers pro-Pechino quando ha lasciato la Cina quest’anno per portare il suo canale in nuovi luoghi. Ora sta documentando i suoi viaggi attraverso gli Stati Uniti.

In un’intervista, il signor Galat ha detto di non avere rimpianti per i suoi video dalla Cina.

Prima della pandemia, il signor Galat, un nativo di Detroit che vive a Ningbo, aveva costruito un seguito su YouTube con i suoi video di viaggio felici e spensierati.

Quando la Cina è emersa dal peggio dell’epidemia, ha iniziato a ricevere inviti di viaggio dai governi locali e dalle emittenti statali.

A quel tempo, la Cina stava cercando di deviare le critiche occidentali sulla sua risposta alla pandemia. Il signor Galat ha detto che anche lui era infastidito da quelle critiche.

I suoi video su YouTube hanno iniziato a diventare politici. Ha riflettuto sul fatto che il virus potrebbe essere venuto dagli Stati Uniti. Ha ospitato una discussione sulla campagna occidentale contro Huawei, il gigante tecnologico cinese.

“Alla gente piace avere sentimenti drammatici e aggressivi verso le cose, e molti di quei contenuti erano più popolari di, diciamo, i miei normali video di viaggio”, ha detto.

Quest’anno, il canale del signor Galat aveva più di 100.000 abbonati. Ha riconosciuto che il supporto dei media statali cinesi ha aiutato il suo canale a crescere. Man mano che i suoi viaggi con i media statali sono diventati più lunghi, gli outlets lo hanno pagato per il suo tempo, ha detto. Ha rifiutato di dire quanto.

Quest’estate, è andato nello Xinjiang in un viaggio programmato dalla CGTN, l’emittente statale.

“Solo un pensiero per quelli che vogliono paragonare la Cina alla Germania nazista”, dice in un video in un museo sulla cultura degli Uiguri, uno dei gruppi minoritari dello Xinjiang. “Pensate che prima della guerra c’erano forse dei musei in Germania che abbracciavano la cultura ebraica?

Le visualizzazioni dei video YouTube del signor Galat sono diminuite da quando ha lasciato la Cina. Questo non lo preoccupa, ha detto. In futuro, il suo canale probabilmente non sarà così politico.

“Non sono completamente a mio agio”, ha dichiarato, “ad essere un punto di riferimento politico per grandi questioni”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore