Advertisement skip to Main Content

Via Della Seta

La Via della Seta cinese sta cadendo a pezzi? Report Ft

La Belt and Road Initiative, il grande progetto infrastrutturale cinese, sta esplodendo a causa delle tante cancellazioni di debiti. L'articolo del Financial Times.

La Cina ha ampliato in modo significativo i prestiti di salvataggio mentre la sua Belt and Road Initiative esplode dopo una serie di cancellazioni di debiti, progetti scandalosi e accuse di corruzione, scrive il Financial Times.

Uno studio pubblicato martedì mostra che la Cina ha concesso prestiti di salvataggio per 104 miliardi di dollari ai Paesi in via di sviluppo tra il 2019 e la fine del 2021. La cifra per questi anni è quasi pari ai prestiti di salvataggio concessi dal Paese nei due decenni precedenti.

Lo studio condotto dai ricercatori di AidData, della Banca Mondiale, della Harvard Kennedy School e dell’Istituto di Kiel per l’economia mondiale è il primo tentativo conosciuto di rilevare il totale dei prestiti di salvataggio cinesi su base globale.

LA CINA E LE OPERAZIONI DI SALVATAGGIO

Tra il 2000 e la fine del 2021, la Cina ha intrapreso 128 operazioni di salvataggio in 22 Paesi debitori per un totale di 240 miliardi di dollari.

L’emergere della Cina come influente “prestatore di ultima istanza” pone sfide critiche alle istituzioni guidate dall’Occidente, come il FMI, che hanno cercato di salvaguardare la stabilità finanziaria globale dalla fine della seconda guerra mondiale.

“L’architettura finanziaria globale sta diventando meno coerente, meno istituzionalizzata e meno trasparente”, ha dichiarato Brad Parks, direttore esecutivo di AidData presso il College of William and Mary negli Stati Uniti. “Pechino ha creato un nuovo sistema globale per i prestiti di salvataggio transfrontalieri, ma lo ha fatto in modo opaco e non coordinato”.

I PAESI IN VIA DI SVILUPPO NON RIESCONO A RIPAGARE I DEBITI

L’aumento dei tassi di interesse globali e il forte apprezzamento del dollaro hanno sollevato preoccupazioni sulla capacità dei Paesi in via di sviluppo di rimborsare i propri creditori. Diversi paesi sovrani si sono trovati in difficoltà e la mancanza di coordinamento tra i creditori è stata accusata di aver prolungato alcune crisi.

La scorsa settimana, il presidente dello Sri Lanka Ranil Wickremesinghe ha invitato la Cina e gli altri creditori a raggiungere rapidamente un compromesso sulla ristrutturazione del debito, dopo che il FMI ha approvato un programma di prestito quadriennale da 3 miliardi di dollari per il suo Paese.

La Cina ha rifiutato di partecipare ai programmi multilaterali di risoluzione del debito, pur essendo membro del FMI. Il Ghana, il Pakistan e altri debitori in difficoltà che devono ingenti somme alla Cina stanno osservando attentamente l’esempio dello Sri Lanka.

“L’approccio strettamente bilaterale della Cina ha reso più difficile coordinare le attività di tutti i principali prestatori di emergenza”, ha dichiarato Parks.

Molti dei 22 Paesi a cui la Cina ha concesso prestiti di salvataggio – tra cui Argentina, Bielorussia, Ecuador, Egitto, Laos, Mongolia, Pakistan, Suriname, Sri Lanka, Turchia, Ucraina e Venezuela – sono anche beneficiari del sostegno del FMI.

DIFFERENZE DI APPROCCIO TRA CINA E FMI

Tuttavia, ci sono grandi differenze tra i programmi del FMI e i salvataggi cinesi. Una è che il denaro cinese non è a buon mercato. “Un tipico prestito di salvataggio del FMI comporta un tasso di interesse del 2%”, si legge nello studio. “Il tasso di interesse medio legato a un prestito di salvataggio cinese è del 5%”.

Pechino, inoltre, non offre salvataggi a tutti i mutuatari della Belt and Road in difficoltà. I grandi beneficiari dei finanziamenti della Belt and Road, che rappresentano un rischio di bilancio significativo per le banche cinesi, hanno maggiori probabilità di ricevere aiuti di emergenza.

“Pechino sta cercando di salvare le proprie banche. Ecco perché è entrata nel rischioso business dei prestiti internazionali per il salvataggio”, ha dichiarato Carmen Reinhart, docente della Harvard Kennedy School ed ex capo economista del Gruppo della Banca Mondiale.

La Cina concede prestiti in due forme. La prima è una “linea di swap” che prevede l’erogazione di yuan da parte della Banca Popolare Cinese, la banca centrale, in cambio di valuta nazionale. In questo modo sono stati erogati circa 170 miliardi di dollari. Il secondo è il sostegno diretto alla bilancia dei pagamenti, con 70 miliardi di dollari promessi, per lo più da banche cinesi di proprietà statale.

LE CARENZE DELLA BELT AND ROAD INITIATIVE

La Belt and Road Initiative è il più grande programma di infrastrutture transnazionali mai realizzato al mondo. L’American Enterprise Institute, un think tank con sede a Washington, ha stimato in 838 miliardi di dollari il valore dei progetti infrastrutturali a guida cinese e di altre transazioni classificate come “Belt and Road” tra il 2013 e la fine del 2021.

La bonanza dei salvataggi rivela le carenze nella progettazione di uno schema descritto dal leader cinese Xi Jinping come “il progetto del secolo”. Secondo Christoph Trebesch dell’Istituto di Kiel, uno dei problemi è che i finanziatori cinesi “sono entrati in molti Paesi che si sono rivelati avere problemi particolarmente gravi”.

Secondo lo studio, altre carenze derivano dalla scarsità di studi di fattibilità e da una generale mancanza di trasparenza.

Diversi progetti sono diventati un esempio di come non intraprendere un prestito allo sviluppo. Una famigerata “strada verso il nulla” da 1 miliardo di dollari in Montenegro rimane incompiuta e perseguitata da accuse di corruzione, ritardi nella costruzione e problemi ambientali.

Gli “elefanti bianchi” come il porto di Hambantota e la Lotus Tower dello Sri Lanka sono considerati sintomi della crisi del debito del Paese, mentre sono state trovate più di 7.000 crepe in una diga ecuadoregna costruita da appaltatori cinesi vicino a un vulcano attivo.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top