skip to Main Content

Cosa vuole fare la Cina con la “borsa dei dati” di Shanghai

Cina Dati

Cosa scrive Le Monde sui piani della Cina per controllare il petrolio del XXI secolo: i dati

Una borsa di dati ha appena aperto a Shanghai, dando alla Cina un vantaggio nel raccogliere l'”oro nero” del XXI secolo, osserva Frédéric Lemaître, il corrispondente da Pechino di Le Monde, nella sua rubrica.

Il 25 novembre, un tipo speciale di borsa valori ha aperto le sue porte a Shanghai. Non commercia in azioni, ma in dati. Operatori di telecomunicazioni, una compagnia aerea, un gigante della vendita al dettaglio online, un fornitore di elettricità, una banca, un’applicazione di geolocalizzazione, ecc. Una ventina di aziende hanno messo i loro dati su questo mercato dal primo giorno. Un centinaio di aziende sono nel giro, tra cui le società di consulenza anglosassoni Deloitte e PricewaterhouseCoopers. Una delle prime transazioni sullo Shanghai Data Exchange (SDE) è stata l’acquisizione dei dati della rete elettrica di Shanghai da parte di una banca pubblica cinese.

Da quando il matematico britannico Clive Humby ha definito i dati il “nuovo oro nero” nel 2006, la battaglia si è scatenata tra i contendenti per il titolo di Rockefeller del 21° secolo. Con un miliardo di utenti internet, la Cina sta cercando di superare gli americani. Nel 2017, il 19° Congresso del Partito Comunista Cinese ha addirittura definito i dati il “quinto fattore di produzione”, dopo il capitale, il lavoro, la terra e la tecnologia.

Il ruolo dell’SDE non è altro che valorizzare e monetizzare questo nuovo fattore. La Cina non è la prima a cercare di strutturare questo mercato. “Ci sono iniziative su piccola scala in Europa e in Corea del Sud in particolare. Non negli Stati Uniti, dove le aziende non passano attraverso un mercato che funge da intermediario neutrale. L’iniziativa cinese è originale per la sua dimensione e la sua ambizione, che è chiaramente quella di prendere l’iniziativa in questo campo”, nota un osservatore francese presente sul posto.

“L’asset strategico della nazione”

Questo SDE è infatti solo una parte del puzzle. Lungi dall’essere una merce, i dati sono considerati un “asset strategico” della nazione. Una legge entrata in vigore il 1° novembre si ispira al regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) applicato nell’Unione europea dal 2018. Permette ai cinesi di avere una copia dei loro dati, di controllare il loro uso, di correggerli se necessario, e di distruggerli se possibile.

Ma la legge rende anche molto più difficile il trasferimento dei dati all’estero. Qualsiasi trasferimento richiede un controllo preventivo, ma anche il consenso delle parti interessate. È qui che si trova il problema. “Il consenso rende i trasferimenti internazionali impraticabili perché, anche se una minoranza di individui si oppone al trasferimento dei loro dati, richiederebbe la creazione di capacità locali di calcolo e di stoccaggio”, ha sostenuto recentemente Nader Henein, un avvocato di Gartner, sulla rivista Fortune.

Il messaggio del partito comunista è chiaro: i dati cinesi devono rimanere in Cina. Le aziende internazionali sono sempre più costrette a separare le loro attività in Cina da quelle nel resto del mondo. Tesla, Apple e altri hanno fatto i conti con questo. “I cinesi sono interessati soprattutto al BtoB, cioè ai dati aziendali che interessano ad altre aziende. Credono che questo sia il loro vantaggio comparativo e che non si debba permettere agli stranieri di impossessarsene. Sia la legge che la creazione della Borsa di Shanghai fanno parte di questa strategia”, spiega un economista europeo a Pechino.

Il 30 novembre, Matt Pottinger, l’ex Mr Asia di Donald Trump, ha lanciato l’allarme sul New York Times: “Xi Jinping (…) sta facendo del partito comunista cinese il più potente broker di dati del mondo. Finora, la Cina sta vincendo [la battaglia dei dati] mentre l’Occidente ha appena iniziato”, ha detto.

In questa battaglia strategica, le aziende, anche quelle cinesi, non hanno davvero voce in capitolo. “Lo stato dovrebbe avere il controllo legale sui dati e il potere di venderli”, ha appena sostenuto Huang Qifan. L’uomo sa di cosa sta parlando. Ex capo dello sviluppo economico di Shanghai, è uno dei fondatori dell’ultramoderno distretto commerciale di Pudong. Dove lo Shanghai Data Exchange ha appena aperto le sue porte.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore