skip to Main Content

Chi sono i berlusconiani che deludono Berlusconi nella corsa al Quirinale

5 Stelle

Brutte notizie per Berlusconi dalle cronache della corsa al Quirinale. I Graffi di Damato

 

L’ombra del Torrino del Quirinale si allunga sempre di più sulla politica. Non c’è notizia, dichiarazione, retroscena che non si presti ad una lettura quirinalizia, appunto, a favore o contro questa o quella ipotesi di candidatura per la successione di fine gennaio a Sergio Mattarella.

Già, perché siano sempre nel campo delle ipotesi, non essendosi nessuno ancora azzardato -almeno fra i politici in vista e più quirinabili- a proporsi esplicitamente: neppure Silvio Berlusconi. Che pure sovrasta tutti nella fantasia di chi lo vorrebbe al vertice dello Stato e di chi non vorrebbe neppure sentirne parlare, come ha sbrigativamente proposto di fare ieri su una Repubblica pur ormai descalfarizzata il direttore Maurizio Molinari. Il quale ha scritto, nell’editoriale sovrastante quello solito del “fondatore” ormai preso da argomenti prevalentemente filosofici: “La sola ipotesi dell’elezione al Colle dell’ex premier Silvio Berlusconi – figura altamente divisiva per gli scandali che lo hanno avuto protagonista – descrive il rischio di un clamoroso passo indietro tanto sulla stabilità interna che sulla credibilità internazionale”.

Ne sarà rimasto soddisfatto Marco Travaglio, che sul suo Fatto Quotidiano tratta spesso la Repubblica di carta come un giornale ormai semiberlusconiano. E che ancora è ossessionato di giorno dall’idea che Berlusconi ce la possa fare davvero a scalare il Colle – con una gigantesca “campagna acquisiti” di parlamentari inutilmente segnalata dallo stesso Fatto alle Procure della Repubblica – e di notte dall’idea che al Quirinale vada invece Draghi.

Di quest’ultimo al posto di Mattarella sentite quali sono gli effetti più immediati temuti dal giornale di Travaglio con un richiamo di prima pagina sistemato quasi in apertura: “Crisi gestita dai forzisti Brunetta&Casellati”. Brunetta da ministro più anziano diventerebbe presidente del Consiglio, in attesa che il nuovo venga nominato – chissà poi perché – dalla presidente supplente della Repubblica Casellati, appunto. Evidentemente Travaglio teme anche un prolungamento delle elezioni presidenziali tale che Casellati sostituisca Mattarella scaduto il 2 febbraio e anche il capo dello Stato successivamente eletto per fare lei le consultazioni e nominare un nuovo presidente del Consiglio, magari confermando l’amico di partito già insediatosi a Palazzo Chigi per ragioni di anzianità.

Proprio a Brunetta il Corriere della Sera ha chiesto in un titolo di prima pagina, con una intervista di Monica Guerzoni, se Draghi potrà andare al Quirinale, dove peraltro non lo vuole Berlusconi. “Devono dirlo i partiti”, ha risposto il ministro forzista aggiungendo come elemento di valutazione o previsione rafforzativo di questa candidatura che non ci sarebbe pericolo alcuno di elezioni anticipate. Che i parlamentari naturalmente temono come i tacchini la vigilia di Natale.

Immagino la delusione, a dir poco, di Berlusconi nel leggere il “suo” Brunetta che di fatto spalleggia Draghi al Quirinale come i suoi amici del Foglio con due titoli sovrastanti gli articoli del direttore Claudio Cerasa e del fondatore Giuliano Ferrara. Non vi dico poi che cosa avrà procurato a Berlusconi la notizia dell’incontro di Giorgia Meloni con l’attuale vice presidente della regione Lombardia Letizia Moratti, subito proiettato da Repubblica sulla corsa al Quirinale: una botta per il Cavaliere forse peggiore dell’invito del pur amico e deputato Vittorio Sgarbi, formulatogli da uno dei suoi canali televisivi, a sponsorizzare Draghi, anziché inchiodarlo a Palazzo Chigi come su una croce, aspettandosene poi la gratitudine con una meritatissima nomina a senatore a vita. Come fece Giuseppe Saragat -ricordo- con Giovanni Leone dopo l’elezione a presidente della Repubblica, nel 1964, in una gara dalla quale lo stesso Leone, candidato dalla Dc, si era ritirato volontariamente. Ma Leone, eletto sette anni dopo, nel 1964 aveva 56 anni, contro gli 85 di Berlusconi oggi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore