skip to Main Content

Che cosa si dice in Francia del nuovo governo tedesco

Germania

Come sarà il nuovo governo in Germania secondo il quotidiano francese Le Monde

 

I liberali ottengono l’ambito portafoglio delle Finanze, i Verdi il ministero dell’Economia, dell’Energia e del Clima, così come l’Ambiente e l’Agricoltura, mentre il partito dei socialdemocratici (Spd) si prende Difesa, Interni e Salute.

Il cambiamento nel segno della continuità: la definizione viene in mente quando si descrive l’attuale transizione alla guida della Germania. Mercoledì 24 novembre – scrive Le Monde – è stata una perfetta illustrazione di tutto ciò.

In mattinata, Angela Merkel (Cdu) ha presieduto la sua ultima riunione di gabinetto. Per l’occasione, il suo vice-cancelliere, Olaf Scholz (Spd), le ha consegnato un mazzo di fiori e l’ha ringraziata calorosamente per i suoi 16 anni di “impegno instancabile” alla guida del paese.

Nel pomeriggio Scholz ha tenuto una conferenza stampa per presentare il “contratto di coalizione” che servirà da tabella di marcia per il governo che guiderà quando sarà eletto cancelliere dal Bundestag, probabilmente nella settimana del 6 dicembre.

Il “contratto di coalizione” di 177 pagine si intitola “Osare di più”. Questo è un cenno allo slogan di Willy Brandt (Spd) che, nel 1969, fu eletto cancelliere con la seguente promessa: “Osare essere più democratici”. Mezzo secolo dopo, anche Olaf Scholz ha reso il suo mandato audace, arrivando a promettere, con insolita enfasi, “la più importante modernizzazione dell’industria tedesca da più di un secolo”.

A ben guardare, tuttavia, il governo che guiderà con i Verdi e il Partito Liberale Democratico (Fdp) – una prima volta in Germania – non dovrebbe compiere nessuna rottura fondamentale con le politiche di Angela Merkel. Tranne forse a livello sociale con la decisione di legalizzare la cannabis, che sarà venduta “in negozi autorizzati” per “controllarne la qualità, impedire la distribuzione di sostanze contaminate e proteggere la salute pubblica”.

Il simbolo di questa continuità è il ministero delle Finanze. I Verdi, sostenitori di una revisione del “freno del debito”, un principio sancito nella Costituzione dal 2009 e che vieta allo Stato federale di contrarre debiti superiori allo 0,35% del prodotto interno lordo, sognavano di ottenere questo portafoglio. Alla fine, sarà affidato ai liberali, difensori di una rigorosa ortodossia di bilancio. Sotto la guida del loro presidente, Christian Lindner, che dovrebbe passare alla carica occupata dal 2018 da Scholz, la Germania prevede di tornare al pareggio dei conti pubblici entro il 2023, dopo essere stata liberata dal “freno del debito” per tre anni a causa della pandemia.

Salario minimo a 12 euro

Anche se sono riusciti a impedire l’introduzione di una tassa sulla ricchezza, richiesta dai socialdemocratici e dagli ecologisti, i liberali hanno dovuto fare delle concessioni. In primo luogo, sulle questioni sociali: come promesso da Scholz durante la sua campagna, il salario minimo salirà a 12 euro lordi all’ora (rispetto ai 9,60 euro attuali) dal prossimo anno.

Sull’economia, poi: mentre la Fdp riavrà il portafoglio dei trasporti, ottenendo di passaggio la non introduzione di un limite di velocità di 130 km/h sulle autostrade, i Verdi hanno invece ottenuto un grande ministero come quello dell’Economia, l’Energia e il Clima, oltre a quelli per l’Ambiente e l’Agricoltura.

In questo senso, il prossimo governo tedesco è particolarmente ambizioso. Prevede di sbarazzarsi “idealmente” del carbone entro il 2030, otto anni prima del previsto. Vuole anche che le energie rinnovabili rappresentino l’80% della produzione di elettricità entro il 2030, rispetto al 45% di oggi. Infine, l'”accordo di coalizione”, che prevede che il 2% del territorio tedesco sia riservato all’energia eolica, cioè il doppio di oggi.

I Verdi, che sono arrivati secondi alle elezioni legislative del 26 settembre con il 14,8% dei voti (contro il 25,7% dell’Spd e l’11,5% dell’Fdp), si erano lamentati nelle ultime due settimane che le loro richieste non erano sufficientemente prese in considerazione dagli altri. Avevano anche minacciato di far durare i negoziati più a lungo del previsto per raggiungere un compromesso accettabile per loro. Alla fine hanno rispettato il calendario annunciato da Scholz a metà ottobre.

Oltre al futuro grande ministero dell’Economia, dell’Energia e del Clima, che dovrebbe andare al loro co-presidente, Robert Habeck, al quale viene promesso anche il titolo simbolico di vice-cancelliere, i Verdi hanno ottenuto gli Affari esteri (ambito dalla loro ex candidata alla cancelleria, Annalena Baerbock), la Famiglia, la Cultura nonché il “diritto di proporre” il nome del prossimo commissario europeo scelto dalla Germania.

Silenzio sulla crisi sanitaria

L’Spd, da parte sua, cederà il ministero della Giustizia all’Fdp, ma riprenderà tre grandi portafogli detenuti dai conservatori (Cdu-Csu) nella grande coalizione uscente di Merkel: Difesa, Interni e Sanità. Dei tre, quest’ultimo è senza dubbio il più sensibile oggi, mentre la Germania sta affrontando un’epidemia di Covid senza precedenti e molti rimproverano a Scholz di essere rimasto troppo in silenzio sulla questione nelle ultime settimane.

Ansioso di rispondere ai suoi detrattori, il futuro cancelliere ha reagito mercoledì dedicando i primi minuti della sua conferenza stampa alla crisi sanitaria. “La situazione è grave”, ha detto, promettendo di istituire sia una “unità di crisi” responsabile del coordinamento delle decisioni quotidiane prese dallo stato federale e dai Länder, sia un “consiglio di esperti” direttamente collegato alla cancelleria, tra cui virologi, epidemiologi, sociologi e psicologi.

Promettendo anche di sbloccare 1 miliardo di euro a favore dei lavoratori della sanità, i cui sindacati hanno annunciato diverse azioni di sciopero negli ultimi giorni, Scholz si è anche espresso, per la prima volta, a favore della vaccinazione obbligatoria “negli stabilimenti dove ci sono gruppi particolarmente vulnerabili”. Tuttavia, non si è spinto a parlare di una possibile vaccinazione obbligatoria per tutta la popolazione. Anche se diversi leader dei Länder, come il verde Winfried Kretschmann (Baden-Württemberg), il conservatore Markus Söder (Baviera) e il socialdemocratico Michael Buller (Berlino), a capo di regioni i cui ospedali sono al limite della saturazione, cominciano a chiedere questa misura.

Diviso tra gli ecologisti, favorevoli a restrizioni più drastiche, e i liberali, contrari all’introduzione di nuovi vincoli, Scholz aveva finora evitato di avventurarsi sul terreno politicamente scivoloso della crisi sanitaria per non compromettere la costituzione della sua coalizione “tricolore”. Ora che la coalizione è in funzione, deve dare l’impressione di essere pronto a prendere in mano il paese. Questo era infatti il suo obiettivo principale durante la sua conferenza stampa di mercoledì.

Un obiettivo che il suo futuro vice-cancelliere Habeck, in piedi accanto a lui durante la presentazione del “contratto di coalizione”, ha riassunto in una frase: “In un momento in cui c’è così tanta ansia, paura e incertezza, è importante inviare un segnale – sotto forma di un documento – di coraggio e fiducia. È questo il documento che vi presentiamo oggi.”

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore