Mondo

Il liberista Einaudi pro Cassa depositi e prestiti

di

cassa depositi e prestiti

Pubblichiamo un estratto del libro “Cassa depositi e prestiti. Storia di un capitale dinamico e paziente. Da 170 anni” (il Mulino) scritto dal giornalista del Sole 24 Ore, Paolo Bricco

 

Il giornalista del Sole 24 Ore Paolo Bricco nel volume da pochi giorni nelle librerie “Cassa depositi e prestiti. Storia di un capitale dinamico e paziente. Da 170 anni” (il Mulino, pp. 248, 16 euro) ripercorre l’operato di questa istituzione strettamente legata alla storia d’Italia, dal 1850 a oggi.

Nel libro vengono narrate le vicende di oltre un secolo e mezzo di storia di Cdp e il suo ruolo nell’evoluzione del Paese: l’unificazione italiana e la nascita del risparmio postale; le grandi trasformazioni economiche di fine Ottocento e l’intervento di Cassa Depositi e Prestiti nei casi di emergenza e di calamità naturali; la modernizzazione industriale dei primi del Novecento e la finanza a supporto degli enti locali; la crisi economica degli anni Trenta e il ruolo di Cassa come socio strategico di istituzioni centrali; le politiche per il Mezzogiorno del secondo dopoguerra e l’impegno di Cdp per la rinascita industriale del Paese; le privatizzazioni e la trasformazione di Cassa Depositi e Prestiti in Società per azioni; il ruolo delle Fondazioni bancarie e l’allargamento del perimetro di attività di Cassa, per arrivare agli anni più recenti con una nuova stagione industriale, il ritorno al territorio e il ruolo di investitore dinamico e paziente assunto da Cassa Depositi e Prestiti.

Tutto questo ha richiesto all’autore un lungo e laborioso lavoro di ricerca storica, condotto nei principali archivi italiani, tra i quali anche l’archivio di Cassa Depositi e Prestiti, che ha aperto il suo patrimonio di carte e documenti in misura considerevole inediti: un elemento fondamentale per la ricostruzione della storia di questa istituzione. 

(Redazione Start Magazine)

**********

ESTRATTO DEL LIBRO

L’Italia è come l’Europa. Esce dalla Prima guerra mondiale a brandelli e povera, piena di paura e di violenza. La politica si attorciglia alla società. La società tende alla destrutturazione dei residuati dell’Ottocento. Ma, intorno ad alcuni elementi di natura ottocentesca, continua a coagularsi. Luigi Einaudi, economista e uomo politico estimatore della destra storica e della Cassa Depositi e Prestiti, evidenzia l’importanza del risparmio postale dei più umili fra gli italiani più umili che Quintino Sella ha fatto emergere.

Nel caos politico e nella frantumazione civile degli anni immediatamente successivi alla Prima guerra mondiale, Einaudi percepisce la Cassa come il soggetto finanziario in grado di fare rifiorire l’artigianato e il piccolo commercio, la società delle officine e dei campi. Il suo modello di sviluppo è alternativo alle tendenze tecnologiche e alle accumulazioni capitalistiche di matrice industriale e finanziaria. È portatore di un’umanità minima e realistica, prudente e pessimistica. È alieno alle fantasie che si fanno fantasmagorie nelle metropoli ed è favorevole ai tempi lenti della natura e della provincia. Sul Corriere della Sera, più volte Einaudi promuove l’assimilazione della Cassa Depositi e Prestiti a una banca, suggerendo che adotti il metodo della definizione di un merito di credito ai potenziali clienti, il vero discrimine fra chi è un intermediario finanziario e chi non lo è. La proposta di Einaudi, per quanto formulata da una voce autorevole, non viene accolta: la Cassa non si trasforma in una dispensatrice di fondi all’imprenditoria più piccola del Paese, in contrapposizione al grande capitalismo e alle grandi banche, oligopoli avversati dal liberalismo radicalmente mite di Einaudi.

Anche negli anni Venti la sua duplice specializzazione tradizionale permane: la finanza locale per le opere infrastrutturali e per la rimodulazione periodica dei passivi di comuni e province e l’opera continua e metodica sul debito pubblico, che assume le forme più diverse. Questa duplice specializzazione è esercitata con una reputazione pubblica evidenziata dallo stesso Einaudi, che scrive sul «Corriere della Sera» il 25 novembre 1921: La più grossa banca del nostro paese, sebbene ignota al pubblico e sebbene priva di uffici propri a contatto del pubblico, che amministra depositi altrui con la massima oculatezza. La Cassa Depositi e Prestiti è la «grandissima» banca della «piccola» gente. I capitalisti grossi non sono riusciti a creare nessuna istituzione così grandiosa come quella che i piccolissimi hanno saputo costruire. Non v’è banca in Italia, i cui amministratori abbiano l’obbligo di procedere guardinghi e prudenti nell’amministrazione dei fondi ad essi affidati come l’hanno quelli della Cassa.

La società italiana, che dall’Ottocento prova a conservare alcuni elementi basilari proiettandosi in un Novecento che sta mutando radicalmente, sperimenta una metamorfosi cruenta e ancora insondabile nelle sue evoluzioni ultime. La Cassa Depositi e Prestiti appare un suo fattore di stabilizzazione. È un perno di natura tecnocratico-borghese. Il suo posizionamento operativo è definito da Einaudi nello stesso articolo del «Corriere della Sera». Il punto è la concessione di prestiti ai comuni. Di questa attività istituzionale, le sinistre massimaliste invocano un utilizzo più ampio e vasto, meno regolamentato e non indirizzato solo agli investimenti nuovi e alle rimodulazioni dei vecchi debiti, ma segnato da un ampliamento dei compiti, fino al salvataggio delle amministrazioni locali in bancarotta. Il casus belli è il grave dissesto finanziario del comune di Milano, guidato dal 1920 al 1922 dal socialista Angelo Filippetti, che oltre a gestire una situazione finanziariamente pesante appoggia in maniera esplicita lo sciopero generale dei dipendenti comunali contro l’esecutivo di Luigi Facta, le cui dimissioni – seguite al rifiuto di Vittorio Emanuele III di firmare il decreto per lo stato di assedio per contrastare la marcia su Roma – porteranno poi al governo per la prima volta, nel 1922, Benito Mussolini. Poco prima che accada tutto questo, nel 1921, sempre il 25 novembre e sempre sul Corriere della Sera, Einaudi scrive: Il proletariato milanese invitato ad uno sciopero generale di protesta contro le tergiversazioni della Cassa Depositi e Prestiti a proposito del mutuo chiesto dalla giunta Filippetti, deve essersi fatto approssimativamente della Cassa Depositi e Prestiti il concetto di un fondo a cui si possa attingere a piacimento e da cui i socialisti e i comunisti sono tenuti lontano dallo spirito di parte e dal privilegio della classe capitalistica.

Il rifiuto da parte della Cassa viene così evidenziato da Einaudi: Che cosa accadrebbe se i depositanti delle casse postali di risparmio immaginassero che i loro depositi sono mutuati a comuni, di color rosso o giallo o bianco, dietro pressioni politiche e minacce di scioperi? Il solo accenno alla possibilità di uno sciopero proletario per premere sulla Cassa Depositi e Prestiti apre orizzonti inesplorati sulla catastrofe finanziaria che sarebbe la conseguenza della applicazione di criteri politici nel maneggio dei fondi di questa banca di Stato. Conserviamo alla Cassa Depositi e Prestiti le sue antiche tradizioni. Non trasportiamola in piazza. Essa è un monumento che gli altri Paesi ci invidiano: monumento granitico di fiducia e di credito, elevato con le virtù della prudenza, del rigore, della oculata e rigida amministrazione.

Dunque, la Cassa Depositi e Prestiti – nella lettura critica favorevole di un osservatore che unisce idealità e pragmatismo come Luigi Einaudi – rimane nell’alveo di una razionalità operativa e istituzionale. Anche se, in quel momento come periodicamente negli altri passaggi storici, subisce spinte e controspinte nell’applicazione dei suoi standard e nell’interpretazione delle sue procedure. I suoi vertici riescono a evitare il più grande rifinanziamento del comune di Milano. E devono anche misurarsi con la richiesta di un contributo al sostegno del reddito dei singoli dipendenti pubblici: C’è un limite a tutto – sottolinea Einaudi esprimendo un giudizio negativo – la Cassa non ha a sua disposizione nessun fondo misterioso e inesauribile. Non li può impiegare per scopi di consumo. Ha fatto malissimo lo Stato ad autorizzare mutui agli Enti Locali per pagamento di caro viveri agli impiegati. Non è questo l’ufficio delle banche? Sinora la Cassa Depositi e Prestiti se ne è tenuta lontana salvoché per modeste somme e con le più ampie garanzie.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati