skip to Main Content

Che cosa cambierà per gli americani con il piano fiscale di Biden

Biden Finanza Verde Politica Fiscale

Buona fortuna ai Repubblicani se il piano di Biden per le famiglie diventa legge, scrive il New York Times

Conservatori state attenti: se gli elementi principali del Piano familiare americano di Joe Biden diventano legge, sarà molto difficile abrogarli. Perché? Perché offriranno a milioni di persone dei benefici enormi, davvero rivoluzionari – scrive Paul Krugman sul NYT.

Voglio dire, immaginate di provare a togliere l’assistenza all’infanzia a prezzi accessibili, il pre-K universale e il congedo pagato per i nuovi genitori una volta che sono diventati parte del tessuto della nostra società. Affrontereste un contraccolpo ben peggiore di quello che ha seguito i tentativi repubblicani di eliminare la protezione per la copertura delle condizioni sanitarie preesistenti nel 2017. E quel contraccolpo ha rapidamente dato ai democratici il controllo della Camera e ha posto le basi per il loro attuale controllo del Senato e anche della Casa Bianca.

Quindi qual è la contro argomentazione repubblicana? Beh, gran parte del partito sembra disinteressato a discutere di politica, preferendo scagliarsi contro piani immaginari per vietare la carne rossa o dare agli immigrati il libro per bambini di Kamala Harris.

La risposta ufficiale del G.O.P. al discorso di Biden di mercoledì, da parte del senatore Tim Scott, sembrava con scarsa energia; Scott si sta ancora lamentando del “governo” e denunciando Biden per aver speso soldi su cose diverse da strade e ponti. La cosa più vicina a un vero argomento è stata l’affermazione che Biden sta proponendo “i più grandi aumenti di tasse ammazza-lavoro in una generazione” – presumibilmente un riferimento all’aumento delle tasse di Bill Clinton nel 1993.

In effetti, Biden intende pagare le sue proposte con tasse più alte sulle società e sugli individui ad alto reddito, compreso un piano scellerato per dare all’Internal Revenue Service abbastanza risorse per reprimere gli imbrogli fiscali dei ricchi.

È importante, quindi, rendersi conto che il piano della famiglia, se attuato, sarebbe un grande creatore di posti di lavoro. Cioè, aumenterebbe il numero di americani – le donne in particolare – nel lavoro retribuito in modo sostanziale, probabilmente di diversi milioni.

Per capire perché, la prima cosa che dovete sapere è che mentre i repubblicani sostengono sempre che aumentare le tasse sui ricchi distruggerà i posti di lavoro, non hanno mai avuto ragione. La controreplica di Scott a Biden sembrava suggerire che l’aumento delle tasse di Clinton del 1993 ha ucciso i posti di lavoro; in realtà, gli Stati Uniti hanno aggiunto 23 milioni di posti di lavoro sotto gli occhi di Clinton. La gente sembra anche dimenticare che Barack Obama ha presieduto ad un significativo aumento delle tasse di fascia alta all’inizio del suo secondo mandato; l’economia ha continuato ad aggiungere posti di lavoro rapidamente, al ritmo di circa 2,5 milioni all’anno.

Oh, e l’occupazione in California è esplosa dopo che Jerry Brown ha aumentato le tasse sui ricchi nel 2012, sfidando le dichiarazioni dei conservatori che lo stato stava commettendo un suicidio economico.

È anche istruttivo confrontare gli Stati Uniti con altri paesi avanzati, quasi tutti i quali hanno tasse più alte e benefici sociali più generosi di noi. Pagano un prezzo per queste politiche sotto forma di riduzione dell’occupazione?

Molti americani, sospetto, sarebbero sorpresi di apprendere che la verità è che molti paesi ad alta tassazione e con alti benefici hanno un discreto successo nel creare posti di lavoro. Prendiamo il caso della Francia: Gli adulti tra i 25 e i 54 anni, gli anni migliori per lavorare, hanno più probabilità di essere occupati in Francia che in America, soprattutto perché le donne francesi hanno un tasso di lavoro retribuito più alto delle loro controparti americane. I paesi nordici hanno un vantaggio occupazionale ancora maggiore tra le donne.
Come può l’occupazione essere così alta in paesi con molte tasse “ammazza-lavoro”? La risposta è che le tasse non uccidono visibilmente i posti di lavoro – ma la mancanza di assistenza all’infanzia sì. I genitori in molti paesi ricchi sono in grado di prendere un lavoro retribuito perché hanno accesso a un’assistenza all’infanzia sicura ed economica; negli Stati Uniti tale assistenza è proibitivamente costosa per molti, se riescono a ottenerla del tutto. E la ragione è che il nostro governo non spende quasi nulla per l’assistenza all’infanzia e gli asili; le nostre spese come percentuale del PIL ci mettono un po’ al di sotto di Cipro e della Romania.

L’American Family Plan cambierebbe completamente questo quadro, fornendo una scuola materna gratuita per tutti i bambini di 3 e 4 anni e limitando i costi della cura dei bambini a non più del 7% del reddito per i genitori a reddito medio-basso. Se questo aumentasse l’occupazione delle donne americane di prima età ai livelli francesi, aggiungerebbe circa 1,8 milioni di posti di lavoro; se andassimo ai livelli danesi, aggiungeremmo tre milioni di posti di lavoro.

Giusto per essere chiari, rendere possibile a più donne di fare un lavoro retribuito non è il punto principale di questo piano – e non c’è niente di sbagliato nel fatto che i genitori scelgano di stare a casa e prendersi cura dei loro figli. Invece, si tratta principalmente di migliorare l’ambiente in cui i bambini crescono, in parte come una questione di giustizia sociale, in parte in modo che alla fine diventino adulti più sani e produttivi.

Ma una maggiore occupazione – i posti di lavoro generalmente si espandono per soddisfare la forza lavoro disponibile – sarebbe un significativo e più immediato beneficio collaterale. E offrirebbe anche una parziale compensazione fiscale al costo diretto dell’assistenza all’infanzia, sia perché i nuovi americani che lavorano pagherebbero le tasse, sia perché avrebbero meno probabilità di aver bisogno del supporto di programmi di sicurezza come i buoni pasto. No, i piani di spesa di Biden non si pagheranno da soli. Ma costeranno ai contribuenti meno di quanto i numeri del titolo potrebbero suggerire.

E se questi piani miglioreranno la vita di milioni di americani, a qualcuno, oltre agli ideologi professionisti, importerà se sono “un grande governo”?

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore