Mondo

Perché una Brexit senza accordo sarà negativa per gli asset domestici del Regno Unito

di

brexit

Il commento a cura di Richard Flax, Chief Investment Officer di Moneyfarm

Il Regno Unito ha un nuovo Primo Ministro, Boris Johnson. Il suo mandato è di garantire la Brexit, la sua retorica subito aggressiva e senza compromessi. Anche se il clima di incertezza che ha caratterizzato i giorni di Theresa May pare permanere, le probabilità che si attui una Brexit senza accordo con l’Unione Europea (“no-deal” o “Hard Brexit”) sono sicuramente aumentate al di sopra del 50%.

Data la delicatezza della situazione, pur con il Parlamento in vacanza fino al 3 settembre, il Governo continuerà presumibilmente a negoziare, faccia a faccia o attraverso la stampa, con la Ue e gli altri Stati membri. Johnson ha dichiarato che non intende incontrare i leader europei finché non rivedranno le loro posizioni sul backstop irlandese, ovvero quel meccanismo di emergenza che Theresa May ha concordato con la Ue al fine di evitare l’introduzione di un confine rigido tra le due Irlande (e che prevede in sostanza un trattamento speciale per l’Irlanda del Nord, tale da renderla molto più integrata nella Ue che nel Regno Unito).

GLI SCENARI POLITICI

Il prossimi passi sembrano quindi prefigurarsi come segue:

  1. Il Regno Unito chiede un nuovo accordo
  2. La Ue fa delle concessioni ma mostra tutta la difficoltà della scelta
  3. Il Governo decide di attuare una Brexit senza accordo
  4. I parlamentari contrari a questo tipo di Brexit (la maggioranza in teoria) cercano di fermarlo
  5. Se ci riescono, e questo non è affatto scontato, si va a elezioni o forse verso un altro referendum. In entrambi i casi, si dovrebbe chiedere alla UE un’estensione per farlo. La Ue potrebbe essere d’accordo, ma qualcuno (ad esempio, la Francia) potrebbe preferire dire di non assecondare la richiesta.
  6. In caso di elezioni, i sondaggi dicono che una combinazione di conservatori e sostenitori della Brexit potrebbe avere successo. Quello che non è chiaro dai sondaggi è come si tradurrebbero in seggi queste intenzioni di voto nel sistema uninominale secco che vige nel Regno Unito; sono calcoli che Johnson e il suo braccio destro Dominic Cummings devono fare.
  7. Se questa coalizione ottiene la maggioranza, si procede alla Brexit senza accordo.

Altri scenari sono possibili. Il governo potrebbe dimostrarsi più flessibile e meno unito di quanto appare attualmente. La UE potrebbe fare delle concessioni di fronte agli effetti economici di una Brexit senza accordo. Andare allo scontro frontale con qualcuno che pensa di essere indistruttibile richiede un attento calcolo. Vi sono altre considerazioni. Non è affatto chiaro se il Regno Unito sopravviverà o meno a una Brexit s4enza accordo, e questo crea un’altra serie di complessità sia per la Gran Bretagna che per la UE. Possiamo aspettarci un impegno speciale dai nazionalisti scozzesi per avere un secondo referendum sull’indipendenza in uno scenario senza accordi. Sarebbe interessante vedere come Ruth Davidson, il capo dei conservatori scozzesi, affronterà tale scenario, date le sue idee molto contrarie al no-deal, e molto popolare in Scozia. Poi c’è la questione del dominio diretto in Irlanda, ma le implicazioni finanziarie di questo non sono così immediate.

QUALE IMPATTO SUI MERCATI

Continuiamo a ritenere che una Brexit senza accordo sia negativa per gli asset domestici del Regno Unito e che la recente debolezza della sterlina – che il 30 luglio 2019 ha toccato il minimo da gennaio 2017 – sia un riflesso di tale scenario. Ci si potrebbe anche aspettare che l’euro si indebolisca nei confronti del dollaro. Che le aspettative di crescita nell’UE e nel Regno Unito vengano ridotte, così come è stato dopo il 2016. Che l’inflazione nel Regno Unito probabilmente aumenterà di nuovo, come accaduto dopo il 2016. E che gli asset statunitensi appariranno relativamente più interessanti.

Andando nello specifico, ci si potrebbe aspettare che il FTSE 100, composto da società i cui utili sono maggiormente esposti globalmente, sovraperformi il FTSE 250 più esposto al deprezzamento della sterlina e alla domanda locale. Si potrebbe anche scommettere che in valuta locale l’azionario del Regno Unito sovraperformi l’Eurozona per lo stesso motivo. Il mercato obbligazionario è forse più interessante. Ci si potrebbe aspettare dei rendimenti decrescenti a fronte di una crescita più debole. I bond indicizzati all’inflazione potrebbero beneficiare di un ritorno dell’aumento dei prezzi. Una considerazione importante, ad ogni modo, è che l’accoppiata Johnson-Javid, rispettivamente primo ministro e cancellerie, sembra intenzionata a fissare un livello di spesa più aggressivo del duo May-Hammond. Quindi, si potrebbe vedere un incremento delle emissioni dei Gilts (titoli di debito pubblico britannici) ed un aumento dei rendimenti, a parità di politica monetaria e aspettative macroeconomiche. La nostra scommessa rimane quella che i rendimenti scenderanno – ma forse meno di quanto si sarebbe potuto scommettere senza l’aumento della spesa pubblica.

I PORTAFOGLI DI MONEYFARM

Il nostro team di gestione continua nel suo lavoro di monitoraggio costante, andando a bilanciare i portafogli di volta in volta in base alle nuove informazioni e alle analisi che ne conseguono. Se avessimo la certezza di un no-deal, ridurremo l’esposizione alla sterlina, che ricordiamo attestarsi a livelli contenuti su tutti i profili di rischio (dall’1% al 4%).

INFORMAZIONI SU MONEYFARM

Fondata nel 2012 da Paolo Galvani e Giovanni Daprà, Moneyfarm è una società internazionale di gestione digitale del risparmio specializzata negli investimenti a medio-lungo termine. Con le sedi di Milano, Londra, Cagliari e dal 2018 Francoforte (attraverso l’acquisizione di Vaamo, il primo gestore patrimoniale digitale indipendente in Germania), e con un team di oltre 100 professionisti, Moneyfarm gestisce il patrimonio di circa 40.000 risparmiatori (su una base di oltre 250.000 utenti attivi) a un ritmo di crescita che è sempre stato a doppia cifra anno su anno. Grazie all’utilizzo delle tecnologie digitali Moneyfarm ha sviluppato un modello innovativo che le permette di fornire un servizio di gestione finanziaria di prima qualità, semplice, trasparente e a costi inferiori a quelli offerti dai gestori tradizionali. È regolata dalla Financial Conduct Authority (FCA) e vigilata in Italia da Consob. Ad agosto 2012 è sbarcata sul web con Moneyfarm.com, aprendo la strada alla consulenza indipendente via Internet nel mercato italiano. L’azienda ha come soci principali il gruppo Allianz, i fondi di investimento Cabot Square Capital, United Ventures, Endeavor, la Fondazione di Sardegna ed è oggi una delle aziende innovative più finanziate in Italia e in Europa con un totale di oltre €70 milioni di finanziamenti ottenuti. Per il quarto anno consecutivo Moneyfarm è stata premiata Miglior Servizio di Consulenza Finanziaria Indipendente e per la prima volta Top nella categoria Robo Advisor dall’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza. La società ha recentemente annunciato una partnership con Banca Sella che ha sancito l’ampliamento del servizio anche al segmento B2B.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati