skip to Main Content

Perché il piano climatico di Biden si è impantanato al Congresso. Report Ft

Biden

L’agenda sul clima dell’amministrazione Biden potrebbe non vedere la luce. L’approfondimento del Financial Times

Il presidente Joe Biden torna negli Stati Uniti questa settimana dopo un tour all’estero con un tema ricorrente: la lotta al cambiamento climatico.

Ma torna in una Washington dove il suo stesso partito si sente sempre più preoccupato che l’agenda climatica della sua amministrazione non possa essere portata a termine in casa.

I colloqui bipartisan sulle proposte infrastrutturali di Biden – che consentirebbero di spendere miliardi per strade fatiscenti, ponti e gallerie, così come somme record per l’energia pulita – stanno diminuendo. Mentre i repubblicani e i democratici moderati cercano di ridimensionare il pacchetto, i progressisti avvertono che rifiuteranno il sostegno se le disposizioni sul clima saranno eliminate – scrive il FT.

“Se non c’è il clima, non c’è accordo”, ha detto questa settimana Jeff Merkley, un senatore democratico dell’Oregon. “Quando la nave salpa sulle infrastrutture, le infrastrutture energetiche non possono essere lasciate sul molo”.

I leader del partito democratico stanno ora esplorando un altro percorso per attuare il piano sul clima di Biden. Chuck Schumer, il leader della maggioranza al Senato, mercoledì ha incontrato i suoi membri del comitato di bilancio per trovare modi per finanziare l’elettricità più verde, i veicoli a zero emissioni di carbonio e la produzione e l’agricoltura che mantiene intatti molti obiettivi climatici.

Mentre potenzialmente più fattibile, la strategia potrebbe anche indebolire le politiche climatiche di Biden. La legislazione sarebbe stata inserita nel processo di riconciliazione del bilancio del Senato – una procedura speciale che permette ai Democratici di usare la loro sottile maggioranza ma limita la portata di ciò che può passare.

Biden si è impegnato affinché gli Stati Uniti riducano le emissioni di almeno il 50% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030. Sta puntando all’elettricità senza carbonio entro il 2035 – un obiettivo che significherebbe nessuna elettricità generata dalla combustione di carbone o gas naturale, a meno che le loro emissioni non possano essere catturate.

Queste alte politiche climatiche sono state il fulcro della diplomazia di Biden nel suo primo viaggio internazionale. Ha detto ai leader del G7 in Cornovaglia che il riscaldamento globale è “il problema esistenziale dell’umanità”, e ha contribuito a lanciare un fondo di 2 miliardi di dollari per i paesi che si allontanano dal carbone.

A Washington, tuttavia, è improbabile che i democratici possano approvare un’ambiziosa legislazione sul clima con il sostegno dei repubblicani, data la divisione 50-50 del partito al Senato e le regole che richiedono almeno 60 voti per spostare la maggior parte delle leggi importanti.

“Penso che ci sia motivo di essere preoccupati”, ha detto Dan Lashof, direttore statunitense del World Resources Institute, riferendosi al destino delle proposte sul clima al Congresso.

“È sempre stata una sfida, ottenere investimenti sulla scala necessaria per invertire la rotta sul cambiamento climatico”, ha aggiunto. “Ottenere investimenti molto consistenti in infrastrutture e tecnologie energetiche pulite è fondamentale per raggiungere gli obiettivi di emissione degli Stati Uniti”.

Il processo di riconciliazione proposto da Schumer richiede un voto a maggioranza semplice, ma le regole lo limitano alle misure fiscali e di spesa. Iniziative di vasta portata per ridurre i 6,5 miliardi di tonnellate di emissioni annuali di carbonio degli Stati Uniti sarebbero in pericolo.

L’uso della riconciliazione renderebbe difficile stabilire uno “standard di elettricità pulita”, una parte centrale dei piani di Biden per affrontare le emissioni. Lo standard fisserebbe obiettivi di emissioni sempre più severi per le compagnie elettriche, che sono la fonte di un quarto delle emissioni di gas serra del paese.

“Lo standard di elettricità pulita è una disposizione molto più difficile da promulgare attraverso la riconciliazione e la ragione è abbastanza semplice: è uno standard”, ha detto Paul Bledsoe, consigliere strategico del Progressive Policy Institute. ” Imporre uno standard di elettricità pulita nell’apertura rotonda del processo di riconciliazione sarà molto difficile”.

Un workaround in discussione tra i democratici è quello di pagare incentivi per l’elettricità pulita, raggiungendo alcuni degli obiettivi dello standard elettrico mentre si inserisce all’interno delle linee guida della riconciliazione.

“Coinvolgerebbe il governo federale a diventare un partner nella transizione, aiutando i servizi pubblici che stanno facendo progressi al ritmo e sulla scala necessaria con investimenti finanziari”, ha detto Leah Stokes, un assistente professore di scienze politiche presso l’Università della California, Santa Barbara.

Altre parti dell’agenda climatica di Biden – tra cui l’espansione dei crediti d’imposta per l’energia eolica e solare e lo stoccaggio di energia e la creazione di un credito per le linee di trasmissione di energia – sarebbero più semplici sotto il processo di riconciliazione. Le politiche che non dipendono dalla legislazione, come le regole sulle emissioni dei veicoli, possono essere imposte direttamente dall’amministrazione Biden e sono attese presto.

Ad aggiungere urgenza alla spinta legislativa sono le elezioni di metà mandato nel 2022, quando i democratici rischiano di perdere il controllo del Senato o della Camera dei Rappresentanti.

“Il resto del mondo conosce bene le elezioni di metà mandato e come funziona il Senato degli Stati Uniti, e sono preoccupati che la realizzazione interna delle promesse sul clima sia messa in pericolo dalla politica tossica di questo paese”, ha detto Rachel Kyte, preside della Fletcher School alla Tufts University.

I repubblicani hanno sostenuto che le proposte di infrastrutture dovrebbero concentrarsi maggiormente su strade, ponti e progetti di costruzione e si sono opposti alle disposizioni che sovvenzionerebbero le auto elettriche e sosterrebbero l’energia non fossile.

Nel frattempo, non tutti i senatori democratici sono allineati. Joe Manchin della Virginia Occidentale, uno stato produttore di carbone, è probabile che abbia un’influenza decisiva sulla forma di qualsiasi proposta sul clima, poiché il suo voto sarebbe necessario per far passare leggi bipartisan o di riconciliazione.

Gli esperti di energia riconoscono che raggiungere l’elettricità a zero carbonio entro il 2035 sarebbe scoraggiante anche se uno standard di elettricità pulita dovesse passare, a causa dell’invecchiamento della rete statunitense.

Patrick Luckow, analista di IHS Markit, si aspetta che la domanda di energia aumenti rapidamente nel prossimo decennio, poiché più veicoli e sistemi di riscaldamento domestico funzionano con l’elettricità. “Quando si aggiunge l’energia rinnovabile e ci si sbarazza dei combustibili fossili, c’è anche una crescita della domanda, che rende tutto più difficile”, ha detto.

I democratici dicono che Biden ha bisogno di una vittoria sul clima per ragioni politiche tanto quanto quelle ambientali. “I democratici non possono rischiare il fallimento della politica climatica ed economica di Biden. Paralizzerebbe il presidente”, ha detto Bledsoe.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore