skip to Main Content

Arcuri e Benotti, Draghi e Johnson, Minnitti e Leonardo

Arnese

Cosa farà Minniti in Leonardo? Fatti, nomi, numeri, curiosità e polemiche. I tweet di Michele Arnese, direttore di Start, non solo su Arcuri, Benotti, Draghi, Minniti e Leonardo

 

DRAGHI STILE JOHNSON

DRAGHI MONODOSE

 

CHI SEGUE L’ESEMPIO INGLESE

SOLO UNA DOSE? DIBATTITO

 

HAPPENING VACCINALI IN ISRAELE

I CONSIGLI DI BERTOLASO

 

ARCURI & BENOTTI

 

PORTE GIREVOLI ALLA PROTEZIONE CIVILE

 

DRAGHI SCRUTA ARCURI

 

CONCORDIA A 5 STELLE

 

LA SENTENZA DI CASSESE

 

RINNOVABILI AL VENTO?

 

LA GERMANIA CI FARA’ LA FESTA NELLE FIERE

 

PARLA LA MOGLIE DI ATTANASIO

 

MINNITI IN LEONARDO

+++

ESTRATTO DELL’ARTICOLO DI REPUBBLICA SU MINNITI ALLA FONDAZIONE DI LEONARDO (EX FINMECCANICA):

L’intelligence e la geopolitica sono sempre state il suo campo d’azione prediletto, dentro e fuori le istituzioni. E in nome di queste inclinazioni Marco Minniti dà una nuova svolta alla sua pluridecennale carriera: lascia il parlamento e va a capo di una neonata fondazione di Leonardo, la società controllata per il 30 per cento dal ministero dell’Economia che è l’erede di Finmeccanica.

La creatura affidata a Minniti, che ne sarà presidente, è stata costituita giovedì con una deliberazione del cda di Leonardo (che ha come ad Alessandro Profumo) e un acronimo interessante: si chiama Med-or, sigla che da sola ne determina l’area di competenza, il Mediterraneo allargato fin sotto il Sahara, il Medio e l’estremo oriente.

La nuova avventura dell’ex ministro dell’Interno è dentro una struttura che sarà qualcosa di più di un think-tank: si pone come «mediatore economico, industriale e culturale» fra l’Italia e i Paesi di un’area vastissima. Secondo la relazione approvata dal consiglio di amministrazione di Leonardo, Med-or sarà un «ponte attraverso il quale far circolare idee, programmi e progetti concreti» con l’obiettivo di «trasferire tecnologie tradizionali e innovative» e di favorire «l’alta formazione» negli Stati interessati. Minniti sarà a capo di un board di rappresentanti del mondo dell’industria, dell’università e della ricerca, anche internazionali.

Un tentativo di conciliare mondi produttivi ed accademici «per favorire il dialogo costruttivo tra Paesi, culture e sistemi economici ed enfatizzare il ruolo dell’Italia a livello globale».

Ma «lo sviluppo di programmi strutturali nei settori dell’aerospazio, della difesa e della sicurezza» non potrà che essere raggiunto con un budget ancora da definire ma che sarà consistente: nel progetto è previsto che la fondazione abbia «capacità giuridica, economica e di contenuti culturali che non siano di facciata».

In controluce non è difficile scorgere un ruolo rilevante, per il nuovo soggetto, nelle relazioni internazionali del nostro Paese. Una seconda gamba della politica estera del sistema Italia, osserva qualcuno, e proprio per questo il documento che presenta Med-or sgombra il campo da «sovrapposizioni con il lavoro prezioso delle istituzioni e delle altre organizzazioni internazionali esistenti».

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore