.Lifestyle / Tendenze, Lifestyle, Mondo

Home banking, banda larga, educazione. Come cresce l’innovazione in Italia

di

 

L’evento è stato un’occasione per ribadire quanti italiani (IL 91%) vedano nell’innovazione il motore del rilancio del nostro Paese ma quanto poco si fidino ancora nell’home banking, nonostante nell’ultimo anno sia stato usato più frequentemente dello sportello fisico (si è passati da 9,4% a 22,6% su base settimanale).

Il 90,7% delle persone intervistate controlla il conto online con cadenza mensile mentre il 58,3% effettua bonifici almeno una volta al mese e circa il 60% pensa che nei prossimi 10 anni la consulenza finanziaria sarà prevalentemente online.

Secondo Stefano da Empoli, Presidente di I-Com, “nonostante condizioni di contesto spesso sfavorevoli, i fatti dimostrano che l’Italia è un Paese che può e sa essere più innovativo di quanto si pensi.  Lo conferma la crescita a due cifre nell’ultimo biennio di alcuni servizi digitali, come il mobile banking e l’e-commerce” ma “barriere tecnologiche, strutturali e culturali non ci consentono, tuttavia, di tenere il passo rispetto al resto dell’Europa”.

Ed è proprio il confronto con gli altri Paesi dell’Unione Europea a evidenziare le nostre lacune. In Italia la digitalizzazione nella Pubblica Amministrazione aiuta il cittadino solo nel 21% dei casi, laddove la media europea è del 41% e in Danimarca e Olanda questa percentuale sale rispettivamente all’85 e al 79%. La banda larga è presente nel 68% delle famiglie italiane ma nell’87% di quelle francesi, britanniche e olandesi.

Non siamo però lontani dalla media europea (76%) e nel 2013 si è registrato un aumento del 13% di case connesse alla broadband. Per quanto riguarda l’e-commerce, però, c’è stato un significativo passo avanti con un aumento dal 6% del 2012 al 13,7% del 2013 dei servizi finanziari, assicurativi e finanziari ma anche dell’acquisto di libri e riviste (dal 25,1% al 34,3%). 

“Mi fa particolarmente piacere scoprire che l’Italia crede in maniera così spiccata all’innovazione e al suo potere di migliorare la vita quotidiana delle persone”, ha commenta Don Koch, Country Manager di ING Bank Italia.

“ING è presente in Italia dal 1979 – ha spiegato Koch – con le attività dedicate ai corporate client e dal 2001 come pionieri del digital banking; in questo arco temporale crediamo di avere dato un contributo importante allo sviluppo di progetti innovativi nel Paese. Alcuni esempi tra i più significativi: il sostegno a importanti progetti di energie rinnovabili, lo sviluppo del direct banking in Italia e, più recentemente, l’impegno a premiare giovani start-up tecnologiche”.  

E infine una promessa: “abbiamo progetti ambiziosi per l’Italia con l’obiettivo di raddoppiare i nostri asset al 2020, allargare la nostra offerta anche al segmento delle PMI nei prossimi 2 anni e sostenere almeno altre 50 start-up nei prossimi 5 anni”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati