.Lifestyle / Tendenze, Lifestyle, Mondo

In Italia ancora poche le startup innovative a vocazione sociale

di

Per loro, due anni fa, il Decreto Sviluppo ha coniato un termine preciso: startup a vocazione sociale. Da allora, tanto è stato fatto per agevolare la nascita e lo sviluppo di questi sogni e avventure d’impresa che, sempre più spesso, sono un vero e proprio sostegno per una società in continuo sviluppo e un welfare alle volte non sempre presente.

Per chi si vuole mettere in gioco unendo nel proprio progetto d’impresa innovazione, imprenditorialità e finalità sociali, le attuali politiche danno la possibilità di attirare investimenti grazie alla detrazioni Irpef del 25% e deduzioni sull’imponibile Ires del 27% a favore di chi investe nel capitale delle startup innovative a vocazione sociale.

Un grande passo. Ma nuove azioni e una diversa sensibilità sono necessarie per dare un ulteriore impulso a questo fenomeno.

Nasce proprio per questo il workshop di Italia Startup e Make a Cube del 12 Maggio: perchè di 1978 startup  innovative, solo 63 sono a vocazione sociale, perché nonostante tanto sia stato già fatto, può essere realizzato ancora molto a livello di riforme e proposte per il governo.

Perché l’innovazione che può scaturire da questi progetti può avere un impatto importante e di valore per il nostro ecosistema e per l’intera società. Perché l’innovazione e l’impresa non conoscono confini di settore o di prodotto. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati