Innovazione

Walmart inizia a far paura ad Amazon?

di

Walmart

Che cosa sta succedendo fra Amazon e Walmart

 

In un momento in cui le autorità di regolamentazione, i politici e i consumatori si oppongono al fatto che le aziende diventino troppo grandi, puntando il dito soprattutto contro le Big Tech, è cresciuto un colosso sotto i riflettori: Walmart.

WALMART L’AZIENDA CON I MAGGIORI PROFITTI AL MONDO

Walmart, ricorda Axios, “ha avuto il suo turno come azienda ‘cattiva’ già negli anni ’80. Ma ora, mentre le aziende tecnologiche sopportano il peso dell’esame, il gigante della vendita al dettaglio sta accumulando ricchezza guadagnando qualcosa come 514,4 miliardi di dollari di entrate, la maggior parte di qualsiasi azienda sulla Terra, nel 2018”.

NESSUNO PRESTA ATTENZIONE A WALMART COME

“Non credo che nessuno stia prestando attenzione a Walmart”, ha affermato Sally Hubbard, direttore dell’Open Markets Institute ed ex assistente procuratore generale dell’ufficio antitrust di New York, secondo quanto riferisce Axios. “Non è nella mente delle persone perché non è considerata la via del futuro”.

WALMART FA TUTTO QUELLO CHE FA AMAZON

“Ma Walmart in realtà non va da nessuna parte. Si è trasformata in un’azienda del XXI secolo che sta facendo tutto quello che sta facendo Amazon, ed è come Amazon anche in alcune aree high-tech che sono considerate l’erba di casa del gigante tecnologico, come la consegna dei droni e la spedizione nello stesso giorno”, ha evidenziato ancora Axios. Gli investigatori dell’Antitrust “sono sottoposti a una forte pressione politica da parte di legislatori e consumatori affinché facciano qualcosa per le Big Tech, dice Hubbard. Ma “la pressione politica non spinge per indagare su Walmart. I luoghi dove Walmart ha una grande quota di mercato come l’alimentare, non sono luoghi dove vivono gli attivisti politici”.

IN ALCUNE ZONE USA WALMART DETIENE IL 70% DEL MERCATO

“Amazon è una novità nel settore alimentare statunitense, ma Walmart ne possiede già il 13%. In molte parti d’America, il dominio di Walmart è molto più pronunciato. Secondo un recente rapporto dell’Institute for Local Self-Reliance (ILSR), il rivenditore detiene una quota di mercato di oltre il 50% in 203 città e paesi, e di oltre il 70% in 38 di questi luoghi. E molte di queste città sono tra le più in difficoltà economiche della nazione. ‘Nessun altro droghiere nella storia del paese ha mai avuto questo tipo di quota di mercato’, ha detto Stacy Mitchell, co-direttore dell’ILSR, un gruppo di ricerca e advocacy no-profit che si oppone alla concentrazione del potere economico. Quando si tratta di considerare tutte le spese al dettaglio negli Stati Uniti, Walmart ha una quota dell’8,9% e Amazon del 6,4%”.

LA WALMART FINANZIA ANCHE CAMPAGNE CONTRO LE TECHLASH

Insomma, “Jeff Bezos – scrive Axios – è diventato l’archetipo del miliardario americano. Ma se si considerano i proprietari di Walmart, sei membri della famiglia Walton hanno una ricchezza pari al 41% degli americani”. E non solo il colosso Usa sta evitando i riflettori antitrust, ma sta anche aiutando ad alimentare il techlash (una reazione negativa intensa e diffusa suscitata dal potere crescente delle grandi aziende tecnologiche, parola coniata dall’Economist, ndr) contro i suoi concorrenti: “Il Free and Fair Markets Institute, che porta avanti una ‘campagna di base’ per rovesciare Amazon, è finanziato da Walmart, riferisce WSJ. L’azienda Usa fa anche parte della Retail Industry Leaders Association che ha scritto alla Federal Trade Commission e al Dipartimento di Giustizia per esprimere le preoccupazioni che Amazon e Google stiano soffocando la concorrenza, riporta il LA Times”.

PIU’ POTENTE LA PIATTAFORMA AMAZON

Uno dei principali motori delle inchieste antitrust globali contro Amazon è il fatto che opera contemporaneamente come piattaforma di e-commerce e venditore individuale: è in sostanza il centro commerciale, ma ha anche un proprio negozio all’interno del centro commerciale, nella posizione migliore. La piattaforma online di Walmart non è così potente come quella di Amazon. ‘Quando chiediamo ai venditori stanchi di Amazon perché non passano a Walmart.com, dicono che non c’è mercato”, ha evidenziato Hubbard sempre su Axios.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati