skip to Main Content

Tutti i piani di Engineering con Cybertech

Engineering Be

Engineering sale al 100% di Cybertech, uno dei principali player europei nella cybersecurity. Fatti, numeri e scenari sulle mire del gruppo guidato da Ibarra

 

Engineering punta allo sviluppo di un nuovo polo di eccellenza in cybersecurity con Cybertech.

Il gruppo Engineering ha completato l’acquisizione di Cybertech, primo operatore su scala nazionale e tra i principali player europei nella cybersecurity, salendo al 100% del capitale.

Attraverso Cybertech, “Engineering continuerà a investire nella cybersecurity offrendo le migliori tecnologie, piattaforme e competenze per prevenire, respingere, gestire e contenere gli attacchi in un contesto di mercato internazionale in cui i rischi e le violazioni dei sistemi sono in crescita esponenziale” fa sapere la società in una nota.

Dal 2019 Engineering detiene il 51% della società romana. Con l’acquisizione del rimanente 49%, la multinazionale italiana intende rafforzare lo sviluppo dell’offerta di cybersecurity per i clienti, in un momento di domanda crescente da parte del mercato. Il rapporto Clusit 2020 sulla sicurezza informatica ha registrato infatti che nell’anno della pandemia il record negativo di attacchi informatici. Ovvero 1871 gli attacchi gravi di dominio pubblico rilevati nel 2020.

Tutti i dettagli, anche sul bilancio della società acquisita.

COS’È CYBERTECH

Fondata in Italia nel 2007 con il nome di OmnitechIT, poi diventata Cybertech nel 2019, ha sede in piazzale dell’Agricoltura a Roma.

La società, come riferisce la nota di Engineering, si posiziona su tutti i segmenti della sicurezza cyber, con competenze in particolare su Architecture Analysis, Identity and Access Management e Application Security, con progetti che permettono di governare le identità digitali, bloccare gli attacchi cyber con Security Operations Centre guidati dall’Intelligenza Artificiale, difendere dati, reti e infrastrutture, garantendo uno spazio digitale sicuro per dipendenti, clienti e partner.

OFFERTA PRO BONO PER GLI OSPEDALI

Proprio l’alta incidenza di attacchi informatici nell’anno della pandemia ha fatto registrare anche un’impennata di attacchi cyber rivolti al mondo della sanità, dagli ospedali ai Ministeri della Salute, fino a cliniche universitarie e realtà di ricerca.

In particolare, Cybertech nell’emergenza ha messo a disposizione delle realtà ospedaliere servizi pro bono in grado di individuare l’estensione della superficie informatica esposta ad attacchi e il suo supporto in caso di compromissione accertata. I primi progetti sono stati quelli con l’Ospedale Lazzaro Spallanzani – già oggetto di attacco a inizio aprile (dove al momento è stata espletata una prima attività di analisi che ha consentito la misurazione dello stato di sicurezza dei sistemi in uso presso INMI L. Spallanzani) – e l’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma.

La società romana ha reso disponibile gratuitamente il suo Incident Response Team e le sue Control Room per proteggere i dati e garantire il ripristino tempestivo dei sistemi e dell’operatività.

I DIPENDENTI

Cybertech conta su oltre 200 dipendenti. Ovvero specialisti distribuiti in Italia, Norvegia, Svezia, Germania, Svizzera, Serbia e Spagna, che lavorano alla protezione da minacce cyber a oltre 20 petabyte di dati, intercettando ogni giorno piu’ di 120 miliardi di vulnerabilita’ note;

I SOCI

Con un capitale sociale di 10mila euro, l’azienda ora controllata al 100 % da Engineering D.HUB spa. Il presidente del cda è Maximo Ibarra (ceo del gruppo Engineering).

NUOVA GOVERNANCE

Nuovo ceo alla guida di Cybertech sarà Fabio Momola, Coo del Gruppo Engineering e anche ceo della controllata Engineering D.HUB a cui fanno capo le attività Cloud del Gruppo. Momola succederà al fondatore e ceo Roberto Mignemi.

I NUMERI DEL 2020

La società romana ha registrato nel 2020 un fatturato di 19.609.418 euro, in leggera salita rispetto ai 19.140.686 euro del 2019.  I costi della produzione si attestano a 9.615.762 euro.

La società vanta un totale di immobilizzazioni materiali dal valore di 112.093 euro, ed un totale debiti di 20.963.536 euro.

BILANCIO IN PERDITA

Negli ultimi due anni la società ha chiuso in perdita il bilancio. Nel 2019 il rosso in bilancio ammontava a 1.309.873 euro, nel 2020 la perdita si attesta a 1.088.964 euro.

In particolare, come si legge nella relazione di bilancio 2020, la perdita dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019 riduceva di oltre un terzo il capitolo, portando lo stesso al di sotto del minimo legale.

Proprio per questo il cda ha deliberato di azzerare il capitale sociale originario (di un milione) per la copertura delle perdite, portandolo all’attuale 10mila euro.

LA STRATEGIA DI ENGINEERING

Nei piani di Engineering Cybertech rafforzerà le competenze strategiche di Engineering in Identity and Access Management e Security Operation Center, avrà la possibilità di concentrarsi sull’Advisory e i Managed Services.

“Siamo una Digital Transformation Company con grandi ambizioni, impegnati ad avviare una nuova fase nella storia di Engineering che passa anche dall’investimento in piattaforme strategiche per i nostri clienti. La Tech Excellence è il nostro focus e vediamo chiaramente nella sicurezza informatica un elemento chiave. Con questa operazione consolidiamo le basi per la nuova fase di crescita”, commenta Maximo Ibarra, ceo del Gruppo Engineering.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore