Innovazione

Tutte le pene virali di Airbnb, Uber, Bird e Lyft

di

UBER

Il punto dell’Economist sulle tribolazioni di Airbnb, Uber, Bird e Lyft a cura della crisi da coronovirus

 

La Grande Recessione sulla scia della crisi finanziaria del 2007-09 ha fatto molto per creare l’impulso ideologico a utilizzare la tecnologia per costruire un’economia in cui il consumo sia più sociale, frugale e sostenibile, scrive The Economist.

Invece di possedere le cose, le persone dovrebbero condividere l’accesso ad esse utilizzando applicazioni e altri servizi online. L’utilizzo di servizi peer-to-peer per condividere e barattare cose, da libri e CD a strumenti elettrici e automobili, non è mai decollato.

La maggior parte di queste aziende non ha generato abbastanza denaro per mantenersi. Ma hanno spianato la strada a un’altra economia di condivisione che cerca di fare soldi creando mercati online per far incontrare domanda e offerta.

Airbnb, Uber e Bird erano i figli  della nuova economia della condivisione. Insieme, i maggiori fornitori mondiali di affitti per vacanze, taxi e scooter elettronici, hanno raccolto rispettivamente oltre 30 miliardi di dollari di finanziamenti e le loro valutazioni hanno raggiunto il loro picco massimo di oltre 100 miliardi di dollari.  Eppure, ancora prima che il virus colpisse, le stelle dell’economia della condivisione avevano iniziato a perdere il loro splendore.

Fare soldi si è rivelato più difficile del previsto. Le corse di Uber richiedevano pesanti sovvenzioni. Mantenere una flotta di scooter elettronici si è rivelato più costoso di quanto Bird avesse immaginato. A filo con il capitale di rischio, queste aziende si sono spostate anche in altri mercati.

Uber ha cercato di sviluppare auto autonome e di consegnare cibo. Airbnb ha preso in considerazione la produzione di programmi televisivi e la gestione di hotel. L’attenzione alla redditività con l’enfasi sulla riduzione dei costi era già nell’aria quando la pandemia ha quasi arrestato le attività.

Airbnb ha dovuto affrontare 1 milione di cancellazioni e 1 miliardo di dollari di rimborsi. Il numero di corse Uber è crollato di ben l’80% in aprile rispetto a un anno fa. Bird a fine marzo licenziando oltre 400 dipendenti, un terzo della sua forza lavoro.

Airbnb all’inizio di maggio ha licenziato 1.900 dipendenti, un quarto della sua forza lavoro. Anche Uber ha licenziato un quarto del personale, circa 6.700 lavoratori.

Lyft, il suo principale rivale in America, ha effettuato tagli solo leggermente meno selvaggi. Le aziende hanno anche usato la crisi come un’opportunità per “tornare alle origini”, secondo le parole di Brian Chesky, il capo di Airbnb.

La grande domanda è se essere un’azienda più pulita e più snella sarà sufficiente per queste aziende per riprendersi quando i lockdown saranno revocati o se l'”economia dell’isolamento” cambierà le abitudini in modo tale che la condivisione sia spinta ai margini.

La proprietà è destinata a tornare in auge? Tutte e tre le aziende si aspettano una ripresa della domanda, ma in luoghi diversi e per motivi diversi. Mr. Chesky prevede che invece di fare brevi viaggi nelle grandi città del mondo, la gente rimarrà più a lungo più vicina a casa. La durata media del soggiorno in un Airbnb è quasi raddoppiata, fino a una settimana.

La quota di prenotazioni nazionali è più che raddoppiata, a oltre l’80%, e rimane a meno di 200 miglia (320 km) da casa, che prima rappresentava il 33% delle prenotazioni, ora genera il 56%. Il signor Chesky si aspetta anche di trarre beneficio se il lavoro da casa rimane diffuso, permettendo alle persone di trasferirsi per un po’ di tempo. “Molte persone dicono: ‘Beh, in questo caso, forse non ho bisogno di vivere in città in questo momento'”.

Uber e Bird si aspettano un passaggio dal trasporto pubblico alle auto e agli scooter. Ci sono già alcune prove di questo. Le corse sugli scooter di Bird sono ora in media il 50% più lunghe rispetto a prima della pandemia.

Uber ha anche intenzione di inglobare la concorrenza. Nonostante sia uscito dalle e-bike ha investito in Lime, il più grande rivale di Bird per gli e-scooter. Vuole anche acquistare Grubhub per incrementare un’attività di consegna di cibo già esistente che spera possa prosperare. Anche le piccole imprese di economia condivisa sono sorprendentemente ottimiste.

In luoghi che hanno già eliminato alcune restrizioni , come la Germania, l’attività si è rapidamente ripresa, riferisce Nicolas Brusson, che gestisce BlaBlaCar, che offre il peer-to-peer ride-sharing a lunga distanza in 22 paesi.

(Estratto dalla rassegna stampa internazionale a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati