Innovazione

Ecco chi vince e chi perde con l’intesa fra Sky e Mediaset

di

sky fibra

Chi ha vinto e chi ha perso con l’accordo storico fra Sky e Mediaset? Come cambierà il mercato tv in Italia? E la partita in corso per il controllo di Tim come si inquadra in questi scenari? Sono alcune domande che si pongono addetti ai lavori e non dopo l’intesa a sorpresa fra i due duellanti Sky e Mediaset (qui l’approfondimento di Start Magazine con i dettagli e gli effetti dell’accordo siglato fra i due gruppi).

A essere di sicuro attapirata è la società cino-spagnola Mediapro. Tanto che Mediapro ha fatto riferimento anche all’intesa a sorpresa tra gli operatori televisivi per rinviare la pubblicazione dei pacchetti con i quali dovrebbe rivendere i diritti sulla serie di calcio del prossimo triennio. La scelta degli spagnoli è quella di mettere in stand by la pubblicazione dei pacchetti, inizialmente attesa entro martedì 3 aprile.

Mediapro deve riuscire a incassare almeno 1,05 miliardi di euro per andare in pareggio: se prima poteva sperare in un’intesa con Mediaset, Tim e Perform per mettere all’angolo Sky, adesso sarà costretta a scendere a patti con la piattaforma satellitare. Insomma, l’atteggiamento baldanzoso tenuto finora dovrà necessariamente cambiare.

Anche per Vivendi non è una buona notizia l’accordo Sky-Mediaset, secondo alcuni osservatori. Specie se si considera la prospettiva di una vittoria del fondo americano Elliott in Tim per scalzare Vivendi.

Il focus nella partita è Premium, che non chiude, ma contenuti e attività operative si avviano verso Sky, in modo che ognuno faccia il proprio lavoro: la pay tv o la televisione generalista. Un business, quest’ultimo, che porta ancora ricavi e utili, con produzioni autonome interessanti sia per il web sia per chi vuole costruire un gruppo media che comprenda Francia, Italia e Spagna. Una sorta di Netflix del Mediterraneo, come agognato da Vivendi di Vincent Bolloré. Ecco perché per alcuni l’antico progetto di accordo vero, anche a livello societario che comprenda le capogruppo, tra il Biscione e i francesi resta ancora valido nei presupposti. Gli avvocati continuano a parlarsi, ma il tempo passa: entro il 18 aprile Vivendi deve affidare a un blind trust quasi il 20% di Mediaset per adempiere alle decisioni dell’Agcom. E se Vivendi sarà più libera da Tim, a prescindere di come andranno le cose con Elliott, un’intesa di compromesso e riparatrice con Mediaset è più facile, secondo alcune fonti. Mentre per altri osservatori l’accordo Sky-Mediaset segna una prospettiva chiara per Premium.

Chi di sicuro vince sono i due gruppi neo alleati. L’intesa tra Sky e Mediaset per lo scambio di piattaforme e l’avvio della cessione di parte delle attività di Premium rafforza infatti entrambi i gruppi.

Vince Mediaset, dunque: per il gruppo guidato da Pier Silvio Berlusconi si tratta di una svolta che produrrà risultati notevoli. “La cifra non è stata resa nota ma si parla di decine di milioni di euro l’anno di maggiori ricavi — qualcuno parla addirittura di 80-100 milioni l’anno per i prossimi 3-5 anni — tra affitto della banda sul multiplex del digitale terrestre (Dtt) gestiti dalla controllata Mediaset, Ei Towers, e maggiori ricavi pubblicitari derivanti dalla più ampia audience che i canali generalisti Canale 5, Italia 1 e Rete4 avranno riaffacciandosi sul satellite dopo un’assenza durata quasi tre anni”, ha scritto Fabrizio Massaro del Corsera.

Ma vince anche e soprattutto Sky. Per Marco Mele, esperto di media, “con l’intesa, Sky può puntare a raggiungere finalmente la soglia dei cinque milioni di abbonati e crescere ulteriormente”, ha scritto sul suo blog: “La visione industriale dei vertici di Sky, che ha avuto diverse tappe, dall’hd al mysky, dalla chiavetta per il terrestre al nuovo decoder skyq – sui contenuti si pensi a skyarte – trova ora conferma nell’essere riusciti a diventare la vera pay tv unica nazionale, avendo raggiunto un’intesa con quello che appare come il suo concorrente più pericoloso, Netflix, i cui contenuti dal 2019 saranno disponibili su skyq”. Conclusione di Mele: “Nella competizione sulla pay tv c’è, per ora, un solo vincitore: Sky”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati