skip to Main Content

Perché non dovresti usare gli emoji nei messaggi di lavoro. Report Wsj

Emoji

Gli emoji che scegli dicono molto di più di quello che pensi. Uno studio ha mostrato, in particolare, come cambia la loro percezione tra donne e uomini. Tutti i dettagli

 

La faccia che pensa. La faccina che rotea gli occhi. L’emoji “nerd” con gli occhiali. Queste immagini cartoon del volto umano sono diventate la stenografia di emozioni complesse che sempre più spesso gettiamo nelle comunicazioni digitali per una serie di ragioni che vanno dal risparmio di tempo alla diffusione della tensione, fino alla mancanza di parole per descrivere letteralmente come ci sentiamo. Ma sono appropriate per gli scambi legati al lavoro?

Spesso no – e specialmente per le donne, che probabilmente interpretano gli emoji negativi, neutri e ambigui più negativamente degli uomini, secondo un recente studio, riportato dal WSJ.

Lara Jones, professoressa associata di psicologia alla Wayne State University di Detroit, dice che l’uso di emoji facciali nei testi che ha ricevuto sul suo telefono l’ha portata a pensare a come uomini e donne elaborano gli emoji in modo diverso. La “propensione alla negatività emotiva” postula che le persone sono più sensibili alle emozioni facciali negative che a quelle positive, e alcuni studi hanno dimostrato che le donne hanno una propensione alla negatività emotiva maggiore degli uomini.

In uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Computers in Human Behavior, la dottoressa Jones e tre colleghi hanno cercato di determinare la misura in cui il genere ha influenzato l’interpretazione degli emoji facciali di una persona. Hanno reclutato 299 studenti tra i 17 e i 35 anni in una grande università del Midwest e li hanno portati in un laboratorio, dove sono stati mostrati 70 popolari emoji facciali Apple in ordine casuale che trasmettono una serie di emozioni – positive, negative, neutre o ambigue. Ai partecipanti è stato chiesto quanto positivamente o negativamente hanno percepito le immagini.

Lo studio ha confermato che le donne tendono a percepire gli emoji facciali come più negativi delle loro controparti maschili. “Un grande esempio è l’emoji del pensiero”, dice la dottoressa Jones. “Gli uomini lo vedono come leggermente positivo, le donne come leggermente negativo”. Altri che hanno suscitato la stessa differenza nelle risposte hanno incluso gli emoji di una faccia sorridente con le corna e di una faccia sorpresa con le sopracciglia sollevate. Un dettaglio da notare: per la faccia sorpresa, le sopracciglia hanno fatto la differenza. Non c’è stata alcuna differenza di genere nelle reazioni alla faccia sorpresa senza sopracciglia.

Diversi altri emoji sono stati percepiti un po’ negativamente dagli uomini e più negativamente dalle donne, tra cui una faccia neutra, con una linea orizzontale per la bocca, una faccia con gli occhi rotanti e una faccia preoccupata.

C’erano quattro emoji che gli uomini trovavano positivi e le donne più positivi: una faccia sorridente, una faccia sorridente con occhi sorridenti, una faccia con occhiali e una faccia che assapora il cibo. Ma non c’erano emoji che le donne trovavano ambigui o negativi che gli uomini trovassero più negativi.

Gli uomini nello studio, in media, hanno riferito di usare emoji facciali sul lavoro circa il 30% del tempo, mentre le donne in media il 24%. La dottoressa Jones ipotizza che questa differenza nell’uso degli emoji può essere in parte perché gli uomini sono più propensi delle donne a usare gli smartphone per scopi pratici, come fare una domanda a un collega, mentre le donne in genere usano i loro smartphone più per scopi sociali, come mettersi in contatto con amici e familiari. Così un uomo che getta un emoji in un testo con un collega è solo utilità casuale, mentre una donna potrebbe vedere tale uso come inappropriato per il posto di lavoro.

Jones suggerisce di astenersi dall’uso di emoji quando si scrivono messaggi con i superiori, specialmente quando si è nuovi in un lavoro. Pensa anche che i mittenti dovrebbero prendere in considerazione il sesso del destinatario prima di inserire qualsiasi emoji in un testo. “Si potrebbe anche considerare la formalità del posto di lavoro”, dice la professoressa. “In effetti, penso che probabilmente dovrei smettere di usare gli emoji anche con i miei studenti”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore