Advertisement skip to Main Content

Meta Ue

Perché Meta finisce sotto indagine nell’Ue. Report Nyt

Le piattaforme del gigante tecnologico americano, Facebook e Instagram, possono “sfruttare le debolezze e l’inesperienza dei minori”, ha dichiarato la Commissione europea. Ecco cosa scrive il New York Times. Il 16 maggio le autorità di regolamentazione dell’Ue hanno aperto un’indagine sul gigante tecnologico americano Meta per gli effetti di potenziale dipendenza che Instagram e Facebook…

Il 16 maggio le autorità di regolamentazione dell’Ue hanno aperto un’indagine sul gigante tecnologico americano Meta per gli effetti di potenziale dipendenza che Instagram e Facebook hanno sui bambini, un’azione con implicazioni di vasta portata perché va al cuore della progettazione dei prodotti dell’azienda, scrive il New York Times.

L’INDAGINE DELLA COMMISSIONE UE SU META

I prodotti Meta possono “sfruttare le debolezze e l’inesperienza dei minori” per creare dipendenze comportamentali che minacciano il loro benessere mentale, ha dichiarato in un comunicato la Commissione europea, il ramo esecutivo del blocco di 27 membri. Le autorità di regolamentazione dell’Unione Europea potrebbero imporre a Meta multe fino al 6% del suo fatturato globale, che l’anno scorso è stato di 135 miliardi di dollari, oltre a imporre altre modifiche ai prodotti.

SOCIAL E MINORI, I PROBLEMI DI META

Le indagini fanno parte di un crescente sforzo da parte dei governi di tutto il mondo per controllare servizi come Instagram e TikTok per proteggere i minori. Meta ha affrontato per anni critiche sul fatto che i suoi prodotti e gli algoritmi di raccomandazione sono stati messi a punto per attirare i bambini. A ottobre, tre dozzine di Stati americani hanno citato in giudizio Meta per aver utilizzato “caratteristiche del prodotto psicologicamente manipolative” per attirare i bambini, in violazione delle leggi sulla protezione dei consumatori.

POSSIBILE VIOLAZIONE DEL DIGITAL SERVICES ACT

Le autorità di regolamentazione dell’Unione europea hanno dichiarato di essere in contatto con le controparti statunitensi in merito alle indagini annunciate giovedì. Le autorità di regolamentazione hanno dichiarato che Meta potrebbe violare il Digital Services Act, una legge approvata nel 2022 che richiede ai grandi servizi online di controllare in modo più aggressivo le loro piattaforme alla ricerca di contenuti illeciti e di adottare politiche per ridurre i rischi per i bambini. Le persone di età inferiore ai 13 anni non dovrebbero essere in grado di registrarsi per un account, ma gli investigatori dell’Unione Europea hanno detto che avrebbero esaminato gli strumenti di verifica dell’età dell’azienda come parte della loro indagine.

LA POSIZIONE DEL COMMISSARIO BRETON

“Ora indagheremo a fondo sui potenziali effetti di dipendenza e di ‘rabbit hole’ delle piattaforme, sull’efficacia dei loro strumenti di verifica dell’età e sul livello di privacy garantito ai minori nel funzionamento dei sistemi di raccomandazione”, ha dichiarato in un comunicato Thierry Breton, commissario per i mercati interni dell’Unione Europea, che sta supervisionando le indagini. “Non stiamo risparmiando alcuno sforzo per proteggere i nostri bambini”.

LA DIFESA DEL COLOSSO DI MARK ZUCKERBERG

Meta ha dichiarato che i suoi servizi di social media sono sicuri per i giovani, sottolineando le funzioni che consentono a genitori e figli di impostare limiti di tempo per l’utilizzo di Instagram o Facebook. Gli adolescenti hanno anche impostazioni di default più restrittive per quanto riguarda i contenuti e le raccomandazioni. Agli inserzionisti è vietato mostrare annunci mirati agli utenti minorenni in base alla loro attività sulle app di Meta.
“Vogliamo che i giovani abbiano esperienze online sicure e adatte alla loro età e abbiamo dedicato un decennio allo sviluppo di oltre 50 strumenti e politiche per la loro protezione”, ha dichiarato Meta in un comunicato. “Questa è una sfida che l’intero settore sta affrontando e non vediamo l’ora di condividere i dettagli del nostro lavoro con la Commissione europea”.

LE CONSEGUENZE DELL’INDAGINE DI BRUXELLES

I funzionari dell’Unione europea non hanno fornito una tempistica sulla durata dell’indagine. Ma l’apertura di un’indagine formale giovedì conferisce alle autorità di regolamentazione un’ampia autorità per raccogliere prove da Meta, tra cui l’invio di richieste legali di informazioni, colloqui con i dirigenti delle società e ispezioni negli uffici aziendali. Le indagini su Instagram e Facebook saranno condotte separatamente.

ANCHE TIKTOK E X NEL MIRINO

Da quando è entrato in vigore il Digital Services Act, le autorità di regolamentazione dell’Unione europea hanno preso di mira diverse aziende. Il mese scorso, TikTok ha sospeso una versione della sua applicazione nell’Unione Europea dopo che le autorità hanno sollevato dubbi su una funzione “coinvolgente” che consente agli utenti di guadagnare premi come carte regalo per guardare video, apprezzare contenuti e seguire determinati creatori.

Meta sta affrontando un’altra indagine relativa alla pubblicità politica, mentre X, il sito di social media di proprietà di Elon Musk, sta affrontando un’indagine relativa alla moderazione dei contenuti, alla gestione dei rischi e alla trasparenza della pubblicità.

 

Back To Top