skip to Main Content

Perché il Congresso Usa picchia sui ceo di Facebook, Google e Twitter

Antitrust Facebook

I Ceo di Facebook, Google e Twitter citati in giudizio davanti al Congresso degli Stati Uniti per il loro ruolo nella disinformazione. L’articolo di Le Monde

La quarta apparizione – scrive Le Monde – in un anno per Mark Zuckerberg, la terza per Sundar Pichai e Jack Dorsey: i CEO hanno risposto, giovedì, alle domande degli eletti americani.

La quarta apparizione in un anno per Mark Zuckerberg, la terza per Sundar Pichai e Jack Dorsey: gli amministratori delegati di Facebook, Google e Twitter hanno risposto alle domande del Congresso degli Stati Uniti giovedì 25 marzo – questa volta della commissione per l’energia e il commercio della Camera dei rappresentanti. Era un esercizio di routine, dato che i giganti della tecnologia si sono abituati a subire le ire dei parlamentari, ma il contesto è cambiato: i democratici ora controllano le leve del potere a Washington.

L’attacco a Capitol Hill il 6 gennaio da parte dei sostenitori di Donald Trump ha rafforzato il senso di urgenza di regolamentare le piattaforme, dove si diffondono odio e disinformazione. “Il tempo dell’autoregolamentazione è finito”, ha detto Frank Pallone, il presidente della commissione. “È arrivato il momento di agire per rendervi responsabili.”

I tre CEO, parlando in videoconferenza, sono stati interrogati sul ruolo giocato dai social network nella diffusione dello slogan “Stop the steal” (“Fermate il furto”), che ha messo in dubbio la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali, e sugli incidenti del 6 gennaio. “La vostra piattaforma ha qualche responsabilità?”, ha chiesto il democratico della Pennsylvania Mike Doyle, chiedendo una risposta “sì o no”.

“SI TRATTA DI UNA QUESTIONE COMPLESSA”

“La nostra responsabilità è quella di costruire sistemi che…”, ha iniziato Mark Zuckerberg. Il rappresentante lo ha interrotto bruscamente. “Hai una responsabilità, sì o no?” “Zuck” ha ripreso: “La nostra responsabilità è quella di assicurarci di costruire sistemi che funzionino”. Mike Doyle non ha insistito sulla questione; è passato a Sundar Pichai: “Sentiamo ancora un profondo senso di responsabilità”, ha risposto il CEO di Alphabet (la società madre di Google), interrogato sul ruolo della sua filiale YouTube. “Ma abbiamo lavorato molto durante queste elezioni.” Era un sì? Il signor Pichai ha scosso la testa. “È una questione complessa.”

Solo Jack Dorsey ha ammesso che, “sì”, Twitter aveva qualche responsabilità. “Ma bisogna anche considerare un ecosistema più ampio. Non sono solo le piattaforme tecnologiche utilizzate.” Il rappresentante repubblicano dell’Ohio, Bill Johnson, non è riuscito a far ammettere ai tenori della Silicon Valley quello che, dopo diversi anni di audizioni, sembra chiaro agli eletti: le reti sociali si stanno arricchendo creando un fenomeno di dipendenza.

“State legando gli utenti alle vostre piattaforme e realizzando un profitto sfruttando il loro tempo”, ha detto, facendo un paragone con le pratiche dell’industria del tabacco negli anni ’80. “Sappiamo tutti molto bene che questo è ciò che accade”, ha detto il suo collega democratico della California, Jerry McNerney. “Si fanno profitti con la disinformazione su Covid e i vaccini, con la disinformazione sulle elezioni, con le teorie cospirative di QAnon. È sbalorditivo che continuiate a negarlo.”

L’udienza, che è durata più di cinque ore, non ha fornito molte indicazioni su come il Congresso intende legiferare, compresa la riforma della Sezione 230, la sezione del Communications Decency Act che permette alle piattaforme di sfuggire alla persecuzione per i contenuti che pubblicano – ma anche, come ha ricordato Mark Zuckerberg, di rimuovere i contenuti che ritengono discutibili, anche se sono protetti dal Free Speech Act. Sundar Pichai e Jack Dorsey hanno detto di aver accolto l’idea di una regolamentazione per evitare che diventino “arbitri della verità”, senza prendere alcun impegno.

“PENSATE DI ESSERE INTOCCABILI, AL DI SOPRA DELLA LEGGE”

Mark Zuckerberg, che da tempo ha preso l’iniziativa, ha dettagliato le sue proposte: le piattaforme continueranno a beneficiare dell’immunità finché saranno efficienti nella lotta contro i contenuti illegali. Jack Dorsey è stato il più aperto su ciò che gli anti-Big Tech credono sia il cuore del problema: il funzionamento degli algoritmi, programmati per aumentare il tempo trascorso sulle piattaforme.

Egli ritiene che la legislazione che avrebbe “il maggior impatto” sarebbe quella di aumentare il controllo che gli utenti possono avere su come funzionano questi algoritmi. Un’idea a cui Mark Zuckerberg ha detto di essere contrario, ma che è favorita da alcuni funzionari eletti. La democratica Anna Eshoo, dalla California, è dietro una proposta di legge (“Protecting Americans from Dangerous Algorithms Act”) che permetterebbe alle piattaforme di essere citate in giudizio se i loro algoritmi amplificano contenuti che portano alla “violenza nel mondo reale”.

Riforma dell’antitrust, maggiori protezioni per i bambini (Mark Zuckerberg ha confermato che sta preparando un progetto Instagram Kids per quelli sotto i 13 anni): circa 20 atti legislativi sono all’esame di Capitol Hill. La vera discussione si sta svolgendo nelle riunioni dei gruppi di esperti dove i lobbisti di Big Tech sono sovrarappresentati, piuttosto che durante le audizioni, dove i funzionari eletti non sono riluttanti a farsi avanti.

Jack Dorsey non ha nascosto la sua frustrazione per essere consultato solo in modo binario. Seduto in quella che sembrava essere la sua cucina, con la barba lunga e la testa rasata, di fronte a quello che è stato immediatamente individuato come un “orologio di bitcoin”, ha postato uno pseudo-sondaggio istantaneo su Twitter, invitando gli utenti a intervenire: “sì o no?” Alla fine dell’udienza, 75.000 persone avevano dato la loro opinione (il 65% delle quali erano per il sì, anche se non andava bene… qualsiasi domanda). “Pensate di essere intoccabili, al di sopra della legge”, ha inveito il repubblicano David McKinley. I funzionari eletti possono essere orgogliosi del fatto che sono comunque riusciti a ottenere una risposta diretta. I tre amministratori delegati sono stati vaccinati? Sundar Pichai, 48 anni, ha detto sì (la prima dose); Jack Dorsey, 44 anni, e Mark Zuckerberg, 36 anni, no.

 

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore