skip to Main Content

Perché l’editore del Daily Mail ha fatto causa a Google

Google Cookie

Il caso, portato all’attenzione dell’antitrust, si basa sull’assunto che Alphabet utilizzi le classifiche di ricerca in modo penalizzante per gli editori. L’articolo del Wall Street Journal

 

Martedì il proprietario del Daily Mail ha intentato una causa antitrust contro Google di Alphabet Inc., accusando il gigante della tecnologia di manipolare i risultati di ricerca e le vendite dei banner pubblicitari, agendo con modalità tali da danneggiare gli editori online.

La causa, condotta presso il tribunale federale di Manhattan, afferma che Google punisce gli editori nelle classifiche di ricerca se non vendono abbastanza spazio pubblicitario attraverso il marketplace proprietario dell’azienda di Mountain View.

Le preoccupazioni del Daily Mail derivano in parte dalla sua valutazione secondo cui la copertura delle notizie riguardanti la famiglia reale del Regno Unito nel 2021 è stata penalizzata nei risultati di ricerca di Google, ha affermato un portavoce dell’editore.

Mediante una dichiarazione rilasciata da un suo portavoce, Google ha negato le accuse. “Le affermazioni del Daily Mail sono completamente imprecise. L’utilizzo dei nostri strumenti di tecnologia pubblicitaria non ha alcuna incidenza sul posizionamento del sito web di un editore nella Ricerca Google. Più in generale, competiamo in uno spazio tecnologico pubblicitario affollato e competitivo in cui gli editori hanno ed esercitano più opzioni “, afferma la dichiarazione.

I dirigenti dell’editoria si lamentano da tempo del predominio che Google esercita nelle ricerche e nella gestione della pubblicità, ma pochi rendono pubbliche le loro lamentele. A gennaio, la società madre della Charleston Gazette Mail del West Virginia ha avviato una causa antitrust contro Google e Facebook Inc. Lunedì altri editori hanno intentato cause contro queste due società tecnologiche, citando a sostegno un accordo tra loro esistente denominato “Jedi Blue”.

Parallelamente, Google deve affrontare cause antitrust promosse dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e da procuratori generali in diversi stati. L’azienda ha negato di aver abusato del proprio potere di mercato e ha affermato che il mercato della tecnologia pubblicitaria è altamente competitivo.

Il Daily Mail, con sede nel Regno Unito, noto per le notizie su attualità e popculture, gestisce uno dei siti web più letti al mondo, con 75 milioni di visitatori mensili unici negli Stati Uniti, secondo quanto riportato nella causa intentata, che chiede danni di entità non specificata. Si richiede inoltre a Google di interrompere la sua presunta cattiva condotta e di offrire trasparenza rispetto al suo algoritmo di ricerca delle notizie.

Continua il rapporto complicato degli editori con Google. Il motore di ricerca dell’azienda tecnologica è una delle principali fonti di tracciamento web per molti siti e la maggior parte delle aziende del settore utilizza il software di proprietà proprio di Google per vendere spazi pubblicitari. Ma Google allo stesso tempo compete con gli editori anche per i ricavi derivanti dall’advertising online e fornisce i propri tools alle aziende che intendono acquistare annunci pubblicitari sui suoi spazi.

Secondo la società di ricerca eMarketer, l’azienda di Mountain View era detentrice di una quota di quasi il 29% del mercato degli annunci digitali negli Stati Uniti nel 2020.

Nella causa intentata dal proprietario del Daily Mail e dalla sua unità statunitense, Mail Media Inc., l’editore sostiene inoltre che Google abbia utilizzato un algoritmo per collegare il suo motore di ricerca e la piattaforma di vendita di annunci per fare pressione sugli editori, abusando del suo potere di mercato.

Google in seguito ha ottimizzato la sua tecnologia per smussare l’azione di questo algoritmo e ripristinare i normali risultati di ricerca del Daily Mail, secondo quando dichiarato nella causa. Ma, più di recente, ciò che ha contribuito a far scattare un campanello d’allarme nel management del giornale è stata la penalizzazione che l’algoritmo di Google avrebbe attuato nei confronti delle ricerche degli avvenimenti riguardanti la famiglia reale (tra i più importanti cavalli di battaglia del Daily Mail), in particolare verso i risultati di ricerca per parole chiave come “Meghan e Harry”, e “Il principe Filippo”, secondo quanto ha dichiarato il portavoce dell’editore stesso.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore