skip to Main Content

Nasams, Aspide e Iris-T, tutti i sistemi di difesa aerea dell’Ucraina. Report Economist

Nasams

L’esigenza di Kiev di disporre di maggiori e migliori sistemi di difesa aerea arriva mentre la Russia ha intensificato i bombardamenti aerei sulle infrastrutture critiche ucraine per compensare lo stallo della campagna di terra, scrive l’Economist

L’Ucraina ha ricevuto i suoi primi sistemi di difesa aerea Nasams dagli Stati Uniti e le unità Aspide dalla Spagna, mentre la Russia continua a colpire con missili e droni le infrastrutture elettriche che hanno provocato blackout a livello nazionale. “I sistemi di difesa aerea Nasams e Aspide sono arrivati in Ucraina!” ha dichiarato lunedì in un tweet Oleksiy Reznikov, ministro della Difesa ucraino. “Queste armi rafforzeranno in modo significativo l’esercito ucraino e renderanno i nostri cieli più sicuri”. E ha aggiunto: “Continueremo ad abbattere gli obiettivi nemici che ci attaccano. Grazie ai nostri partner: Norvegia, Spagna e Stati Uniti”.

I Nasam sono un sistema di difesa missilistica terra-aria a corto-medio raggio sviluppato congiuntamente dalla norvegese Kongsberg e dalla statunitense Raytheon. Il sistema Aspide prodotto dall’Italia è stato fornito a Kiev dalla Spagna. L’arrivo di questi sistemi avviene settimane dopo che l’Ucraina ha ricevuto dalla Germania i sistemi missilistici di difesa aerea Iris-T, il primo kit così sofisticato fornito a Kiev dopo l’invasione su larga scala della Russia, avvenuta più di otto mesi fa.

L’Ucraina ha da tempo richiesto moderni sistemi di difesa aerea standard della Nato per proteggere le sue infrastrutture civili, mentre le sue truppe si oppongono alle forze russe che occupano più del 15% del suo territorio nelle regioni costiere orientali e meridionali. Gli Stati Uniti stanno lavorando con i loro alleati per localizzare il maggior numero possibile di sistemi e munizioni. “Si sta lavorando per capire quanto possa essere prodotto e quanto velocemente, non solo per i sistemi statunitensi, ma anche per altri sistemi”, ha dichiarato un funzionario della difesa statunitense.

L’esigenza di Kiev di disporre di maggiori e migliori sistemi di difesa aerea arriva mentre la Russia ha intensificato i bombardamenti aerei sulle infrastrutture critiche ucraine per compensare lo stallo della campagna di terra.

Mosca sta utilizzando missili a guida precisa e sciami di droni kamikaze Shahed 136, forniti dall’Iran, che possono trasportare una testata di 40 kg. Sebbene l’Ucraina abbia distrutto la maggior parte dei droni e dei missili in arrivo, nell’ultimo mese ne sono arrivati abbastanza da mettere fuori uso più di un terzo della capacità di produzione di energia elettrica del Paese. Circa 4,5 milioni di ucraini sono senza corrente, ha dichiarato il Presidente Volodymyr Zelenskyy nel suo discorso notturno di domenica.

Gli analisti hanno avvertito che senza una migliore difesa aerea, migliaia di ucraini potrebbero congelare quest’inverno. “Con i blackout che stanno già interessando gran parte del Paese e il clima già freddo, è difficile sopravvalutare l’urgenza di questi requisiti”, hanno affermato gli esperti militari Justin Bronk, Jack Watling e Nick Reynolds in un rapporto pubblicato lunedì dal Royal United Services Institute. Secondo gli esperti, l’Occidente deve fornire a Kiev un maggior numero di missili terra-aria Manpad a spalla e di cannoni antiaerei a guida radar, come il Gepard tedesco, per abbattere i droni iraniani. L’Ucraina ha anche bisogno di jet da combattimento occidentali, come i Saab Gripens svedesi, per consolidare le sue conquiste territoriali, ha aggiunto il rapporto.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore