Innovazione

Leonardo-Finmeccanica, come vanno elicotteri, elettronica, aeronautica e spazio?

di

Tutti i dettagli – settore per settore – sull’andamento del gruppo Leonardo (ex Finmeccanica) nei primi nove mesi del 2019

Elicotteri? Ricavi e redditività in crescita rispetto allo stesso periodo del 2018.

Elettronica? Buona performance sia dal punto di vista commerciale che economico.

Aeronautica? Ordini in crescita.

Spazio? “L’andamento del periodo risente del peggioramento della performance del segmento manifatturiero, che ha registrato minori volumi di attività, in particolare per satelliti di telecomunicazioni, e maggiori costi su programmi di sviluppo relativi a piattaforme satellitari di nuova generazione”.

Questa la sintesi della relazione sui primi 9 nove mesi dell’anno del gruppo Leonardo (ex Finmeccanica) come emerge dalla relazione trimestrale pubblicata giorni fa dal colosso della difesa e dell’aerospazio presieduto da Gianni De Gennaro e guidato dall’amministratore delegato, Alessandro Profumo.

Ecco i dettagli – settore per settore – così come si legge nella relazione del gruppo Leonardo (ex Finmeccanica).

ELICOTTERI

L’andamento dei primi nove mesi del 2019 conferma l’efficacia del percorso intrapreso lo scorso anno mostrando una solida performance, con ricavi e redditività in crescita rispetto allo stesso periodo del 2018. Positivo anche l’andamento commerciale, seppur con volumi di ordini inferiori rispetto al periodo a confronto che aveva beneficiato della registrazione del contratto NH90 Qatar per circa € 3 mld.

Tra i principali Ordini del periodo si segnalano i contratti relativi alla fornitura di 23 elicotteri tattici NH90 al Ministero della Difesa spagnolo e la fornitura di n. 4 elicotteri AW101 navali multiruolo al Ministero della Difesa polacco, oltre agli ordini relativi ad attività di Customer Support and Training.

Ricavi in crescita rispetto a settembre 2018 per effetto delle maggiori attività su programmi governativi e sul Customer Support and Training che hanno più che compensato le minori consegne di elicotteri per clienti civili (a settembre 2019 sono stati consegnati complessivamente 91 nuovi elicotteri rispetto ai 113 dello stesso periodo del 2018).

EBITA in crescita rispetto a settembre 2018 per effetto dei maggiori ricavi e del miglioramento della redditività, per effetto del favorevole mix di attività svolte su programmi in ambito governativo e Customer Support and Training nonché della revisione dei termini del pension scheme UK.

ELETTRONICA PER LA DIFESA E SICUREZZA

I primi nove mesi del 2019 sono stati caratterizzati da una buona performance sia dal punto di vista commerciale che economico, con Ordini, Ricavi ed EBITA in crescita rispetto al precedente esercizio. Ordini in crescita rispetto a settembre 2018 per effetto dei maggiori ordini acquisiti sia in ambito Elettronica per la Difesa e Sicurezza Europa che in Leonardo DRS.

Tra le principali acquisizioni del periodo si segnalano per Leonardo DRS l’ordine per i comandi di missione dell’Esercito statunitense per la produzione dei sistemi informatici di nuova generazione, denominati Mounted Family of Computer Systems (MFoCS) II, per la Divisione Elettronica l’ordine export per la fornitura di un sistema di combattimento navale e, nel Regno Unito, gli ordini in ambito Airborne Systems per le attività di sviluppo di sistemi avionici radar a scansione elettronica e sistemi di comunicazione.

Per il business Automation, si segnalano gli ordini per il rinnovo di sistemi di smistamento bagagli rispettivamente per l’aeroporto internazionale di Ginevra e per quello di Atene.

Ricavi in crescita rispetto al 2018 principalmente per le maggiori attività di Leonardo DRS ed in ambito Airborne Systems, oltre che per l’effetto positivo del cambio USD/€.

EBITA in aumento rispetto ai primi nove mesi del 2018 per effetto dei maggiori volumi. Il ROS si conferma su buoni livelli, pur risentendo di un mix di ricavi ancora caratterizzato da attività “passanti” e da programmi in fase di sviluppo o acquisiti in contesti particolarmente competitivi, fondamentali per il posizionamento su clienti chiave e per il raggiungimento degli obiettivi dei prossimi anni.

AERONAUTICA

Nel corso dei primi nove mesi del 2019 sono stati acquisiti ordini per un ammontare di € 2,0 mld, di cui il 75% relativi alla Divisione Velivoli. Dal punto di vista produttivo sono state effettuate 123 consegne di sezioni di fusoliera e 62 consegne di stabilizzatori per il programma B787 (105 fusoliere e 63 stabilizzatori nei primi nove mesi del 2018), e 51 consegne di fusoliere per il programma ATR (64 nei primi nove mesi del 2018).

Relativamente ai programmi militari sono stati consegnati alla Forza Aerea di un Paese africano 2 velivoli C27J ed alla società Lockheed Martin 28 ali per il programma F-35 (20 nei primi 9 mesi del 2018), nell’ambito del quale è stato completato il primo velivolo destinato alla Forza Aerea dell’Olanda.

Ordini in crescita rispetto ai primi nove mesi del 2018 per effetto dei maggiori ordini relativi alla Divisione Velivoli sui programmi EFA, F-35 e per i velivoli da addestramento M345 e M346. Tra le principali acquisizioni del periodo si segnalano: per la Divisione Velivoli l’ordine per la fornitura all’Aeronautica Militare italiana di ulteriori 13 velivoli M345 e relativo supporto logistico per 5 anni, il primo ordine per la vendita 6 velivoli M346 nella nuova versione FT/FA ad un cliente estero, gli ordini dal Consorzio Eurofighter per servizi di ingegneria e supporto alla flotta dei velivoli EFA, dalla Lockheed Martin per il programma F-35 e da altri clienti per attività di supporto logistico per velivoli C27J, ATR Maritime Patrol e addestratori; per la Divisione Aerostrutture gli ordini per la fornitura di 50 sezioni di fusoliera B787, di 37 fusoliere ATR e quelli per le produzioni sui programmi B767, A321 e A220.

Ricavi in crescita rispetto ai primi nove mesi del 2018 per i maggiori volumi di attività sul programma EFA-Kuwait nella Divisione Velivoli e per l’incremento dei rate produttivi dei programmi B787 e A220 nella Divisione Aerostrutture.

EBITA in linea con il risultato al 30 settembre 2018. I miglioramenti della Divisione Velivoli, che conferma ottimi livelli di redditività, e della Divisione Aerostrutture, la cui performance comincia a beneficiare delle azioni di efficientamento dei processi industriali, hanno compensato il minor risultato del Consorzio GIE-ATR, penalizzato dalle minori consegne effettuate nel periodo e dal diverso mix.

SPAZIO

L’andamento del periodo risente del peggioramento della performance del segmento manifatturiero, che ha registrato minori volumi di attività, in particolare per satelliti di telecomunicazioni, e maggiori costi su programmi di sviluppo relativi a piattaforme satellitari di nuova generazione. Tale peggioramento è stato solo in parte attenuato dalla componente servizi che, al contrario, evidenzia ricavi in crescita e un risultato netto in deciso miglioramento rispetto ai primi nove mesi del 2018, penalizzato dagli oneri ex lege 92/2012 (cd legge Fornero) sulle attività italiane.

OPERAZIONI INDUSTRIALI

In data 31 gennaio 2019, essendosi verificate tutte le condizioni previste, tra cui le autorizzazioni Golden Power e Antritust, Leonardo ha sottoscritto il closing dell’operazione di acquisto del 98,54% di Vitrociset. In data 2 agosto 2019 Leonardo ha ceduto ad Emera S.r.L. l’intera partecipazione detenuta in Eurotech SpA, pari all’11,08% del capitale sociale (3.936.461 azioni), al prezzo di € 4,58 per azione per un corrispettivo complessivo pari a circa € 18 mil. Il perfezionamento dell’operazione è avvenuto il 5 agosto 2019.

OPERAZIONI FINANZIARIE

Nel corso dei primi nove mesi del 2019 il gruppo non ha finalizzato nuove operazioni sul mercato dei capitali. Nel mese di maggio 2019 Leonardo ha utilizzato per € 300 mil il finanziamento sottoscritto nel 2018 con la Banca Europea degli Investimenti (BEI) per sostenere i progetti di investimento previsti nel piano industriale del Gruppo. Nel mese di maggio, inoltre, il Gruppo ha anche rinnovato per ulteriori 12 mesi il proprio programma EMTN (Euro Medium Term Notes), lasciando invariato l’importo massimo disponibile di € 4 mld. Nel corso del periodo, a valere su detto programma, non sono state poste in essere emissioni obbligazionarie sull’euromercato.

Nel mese di maggio Moody’s ha incrementato il baseline credit assessment (BCA) di Leonardo da Ba2 a Ba1 – sulla base del miglioramento dimostrato in termini di redditività e generazione di cassa – mantenendo invariati sia il rating (Ba1) sia l’outlook (stable). Alla data di presentazione del presente documento la situazione dei credit rating di Leonardo risulta essere la seguente, confrontata con la situazione antecedente l’ultima variazione:

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Alessandra Genco, dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154-bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

I Risultati approvati in data odierna dal Consiglio di Amministrazione vengono messi a disposizione del pubblico presso la sede sociale, presso Borsa Italiana S.p.A., sul sito internet della Società (www.leonardocompany.com, sezione Investitori/Risultati e Relazioni), nonchè sul sito internet del meccanismo di stoccaggio autorizzato eMarket Storage (www.emarketstorage.com).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati