skip to Main Content

Ibm sbandiera un nuovo chip di calcolo quantistico

Ibm Quantistico

Secondo Ibm il suo nuovo chip quantistico Eagle non può essere simulato dai classici supercomputer

 

Ibm accelera verso il vantaggio quantistico.

Lunedì il colosso informatico statunitense ha dichiarato di aver progettato un nuovo chip di calcolo quantistico che consentirà ai sistemi quantistici di iniziare a superare i computer classici in alcune attività entro i prossimi due anni.

A differenza del computer “ordinario”, un computer quantistico non memorizza informazioni sotto forma di bit, che possono assumere solo due stati, ovvero 0 e 1. Si avvale invece di bit quantistici, o qubit in breve, particelle subatomiche che possono esprimere una moltitudine di diversi stati. A differenza dei bit convenzionali, che assumono solo il valore 0 o 1, un qubit può incorporare qualsiasi combinazione dei suoi due stati.

Ibm ha affermato che il suo chip di calcolo “Eagle” è da 127 qubit.

Come sottolinea Axios, “l’informatica quantistica potrebbe aiutare ad affrontare problemi troppo impegnativi anche per i supercomputer più potenti di oggi”. Come capire come realizzare batterie migliori o catturare le emissioni di carbonio.

Google e Ibm sono considerati pionieri nel mondo dei computer quantistici. Insieme alla Fraunhofer-Gesellschaft, Ibm gestisce il più grande computer quantistico europeo, Q System One, che si trova a Ehningen vicino a Stoccarda. Ma il colosso del motore di ricerca ha fatto notizia nel 2019 con la prova della cosiddetta Quantum Supremacy.

Ora Ibm recupera e tenta di arrivare prima di Big G all’uso commerciale.

“Crediamo che saremo in grado di raggiungere una dimostrazione di vantaggio quantistico — qualcosa che può avere un valore pratico — entro i prossimi due anni”, ha detto Dario Gil, vicepresidente di Ibm e capo della divisione ricerca.

Tutti i dettagli.

IBM PRESENTA IL CHIP QUANTISTICO EAGLE

Lunedì, Ibm ha presentato Eagle, un processore quantistico da 127 qubit. La società afferma che è il primo di questi processori che non può essere simulato da un classico supercomputer.

Mentre il nuovissimo chip M1 Max di Apple  ha 57 miliardi di transistor – un approssimativo proxy per i bit – Ibm afferma che il suo nuovo chip Eagle è il primo ad avere più di 100 qubit.

“IMPOSSIBILE SIMULARLO”

“È impossibile simularlo su qualcos’altro”, ha detto il ceo di Ibm Arvind Krishna ad “Axios su HBO” riguardo al processore Eagle. “Questo implica che è più potente di qualsiasi altra cosa”.

LE DIFFICOLTÀ

Tuttavia, i qubit sono estremamente difficili da costruire e richiedono enormi frigoriferi criogenici per funzionare correttamente, sottolinea Reuters.

Ma Ibm ha affermato che le nuove tecniche apprese nella costruzione del chip, prodotto nelle sue strutture nello stato di New York, alla fine produrranno più qubit se combinate con altri progressi nei sistemi di refrigerazione e controllo del computer quantistico. La società ha detto lunedì che prevede un chip “Osprey” nel 2022 con 433 qubit e un chip “Condor” da 1.121 qubit.

A quel punto, la società afferma che sarà vicino a quello che viene chiamato “vantaggio quantistico”, il punto in cui i computer quantistici possono battere i computer classici.

L’OTTIMISMO IBM

Infine, secondo Gil non significa che i computer quantistici supereranno quelli tradizionali tutti in una volta. Piuttosto, ciò che Ibm immagina è un mondo in cui alcune parti di un’applicazione di elaborazione vengono eseguite su chip tradizionali e alcune parti vengono eseguite su chip quantistici, a seconda di ciò che funziona meglio per ciascuna attività.

Se molti ritengono che potrebbe volerci un decennio per stabilire un ruolo significativo, il numero uno di Ibm è stato ottimista sul fatto che l’informatica quantistica possa ritagliarsi un posto importante nel mondo dell’informatica in pochi anni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore