skip to Main Content

È iniziata la guerra mondiale dei microchip? Report Ft

Semiconduttori

Le recenti restrizioni degli Stati Uniti all’export di semiconduttori in Cina sono state accolte da Pechino come una dichiarazione di guerra economica. Ecco a cosa dobbiamo prepararci. L’approfondimento del Financial Times

I recenti divieti all’esportazione di semiconduttori imposti dal Presidente Joe Biden alla Cina sono stati ampiamente interpretati come una dichiarazione di guerra economica dell’America nei confronti del Paese. In realtà, Washington sta semplicemente reagendo a Pechino, e per di più in ritardo. Scrive il Financial Times.

Vale la pena ricordare che la Cina ha di fatto aperto la strada al disaccoppiamento formale della catena di fornitura con il programma Made in China 2025. Questo è stato annunciato sette anni fa (prima della presidenza Trump) e ha esplicitato il desiderio del Paese di liberarsi della tecnologia occidentale – in particolare dei chip – entro i prossimi anni.

Il partito comunista ha rapidamente ritirato la frase Made in China dopo alcune reazioni da parte dell’Occidente, ma le politiche sono proseguite in larga misura. Più di recente, una nuova enfasi da parte di Pechino sulla strategia di fusione militare-civile ha aggiunto benzina al fuoco, con obiettivi di sviluppo economico e militare, in particolare per quanto riguarda la tecnologia, sempre più strettamente allineati.

È difficile credere che chiunque abbia trascorso del tempo in Cina negli ultimi anni abbia potuto pensare che le cose sarebbero andate diversamente. Come gli Stati Uniti, il Paese ha un complesso industriale militare con forti radici nello sviluppo tecnologico. È anche un grande mercato monolingue con spazio per crescere e far entrare altri Paesi nella sua orbita economica regionale, proprio come fece l’America nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale.

Il sistema cinese può piacere o non piacere, ma non si può negare che abbia funzionato bene per la Cina. Anzi, ha funzionato così bene che i principali beneficiari della globalizzazione nell’ultimo mezzo secolo circa sono stati la Cina e le grandi multinazionali.

La cosa sorprendente è che alcune persone ai vertici di queste aziende, così come nei circoli politici, pensano ancora che gli Stati Uniti debbano continuare a fingere che il disaccoppiamento tecnologico non sia un fatto compiuto. Pensateci. In un’epoca in cui è quasi impossibile separare gli usi militari da quelli civili dei chip di fascia alta, continuate a spedire questi prodotti al vostro principale avversario strategico?

Molte delle lamentele sull’aggressività di Washington e la continua riluttanza a confrontarsi con la realtà del nuovo paradigma commerciale provengono dall’Europa. Posso capirlo. Sia il Regno Unito che l’UE sono letteralmente bloccati tra le due superpotenze. Non sorprende che vogliano rimandare il più a lungo possibile la scelta tra le due, almeno per quanto riguarda l’ecosistema tecnologico da scegliere.

Ma la maggior parte degli americani (e la maggior parte dei cinesi, se è per questo) tende a preferire i discorsi semplici ai colpi di mano diplomatici. Le aziende e il personale statunitensi del settore dei chip stanno abbandonando la Cina. Ma molti amministratori delegati di marchi americani rivolti ai consumatori che utilizzano i chip stanno iniziando a chiedere ai politici fino a che punto si spingerà il disaccoppiamento e quanto rapidamente. Cosa potranno vendere esattamente le aziende statunitensi in Cina?

La risposta dipenderà dalla porosità delle nuove regole e dal numero di esenzioni concesse. Dipenderà anche dalla prossima mossa della Cina, che potrebbe limitare alcune esportazioni di minerali di terre rare, di cui controlla la maggior parte. Questi sono utilizzati nell’industria della difesa e nei veicoli elettrici.

Le forze armate statunitensi potrebbero farcela, visto che da tempo fanno scorte, e anche alleati come il Canada e l’Australia stanno iniziando a estrarre una maggiore quantità di questi materiali. Il colpo per la nascente industria dei veicoli elettrici, che l’amministrazione Biden sta cercando di incoraggiare, sarebbe più duro, poiché sarebbero i secondi in classifica per le forniture.

Inoltre, secondo Christopher Gopal, esperto di supply chain che insegna alla University of Southern California, i cinesi potrebbero limitare l’esportazione di chip di fascia bassa prodotti nel Paese, utilizzati sia nelle automobili tradizionali che nei veicoli elettrici. Anche con il calendario più accelerato, gli Stati Uniti impiegherebbero, secondo le sue stime, almeno due anni per produrli o acquisirli in massa dagli alleati. Ciò significherebbe che “le auto aumenterebbero di prezzo e diminuirebbero di funzionalità”. La Cina potrebbe anche tagliare le esportazioni di vari componenti elettronici, contribuendo all’inflazione di un’ampia gamma di beni.

In conclusione? I Paesi e le aziende hanno bisogno di ridondanza negli approvvigionamenti. Un passo ovvio sarebbe quello di aumentare la produzione di chip e componenti di fascia bassa in paesi amici come l’India e alcune parti dell’Europa orientale. I dirigenti dovranno anche riconsiderare l’idea che le scorte siano un male, il che rappresenta un grande cambiamento rispetto alla gestione della catena di approvvigionamento just-in-time di diversi decenni fa.

Il costo per unità non sarà più l’unico parametro per qualsiasi decisione di acquisto oculata, sia essa pubblica o privata. Ora c’è un calcolo del rischio che deve incorporare il costo di scorte più elevate, la quantità di tempo e di capitale circolante che occorrerà per costituire tali scorte e il prezzo della distribuzione e del rifornimento di beni cruciali attraverso nuove configurazioni della supply chain.

I responsabili politici devono continuare a perfezionare gli elenchi delle catene di approvvigionamento più critiche, includendo non solo i chip, ma anche gli alimenti, gli antibiotici e altri prodotti farmaceutici fondamentali, l’energia, i DPI e l’abbigliamento di base. Direi che il Dipartimento del Commercio dovrebbe assumere la guida di questa raccolta di informazioni. È inquietante pensare a tutto questo? Sì. Ma l’unica cosa peggiore della cecità intenzionale è non essere preparati alla realtà.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore