Advertisement skip to Main Content

Cia

Guerra Russia-Ucraina, perché l’intelligence sta declassificando così tante informazioni?

Rendere pubbliche a ritmo serrato così tante informazioni sensibili è un cambiamento significativo per le agenzie di intelligence, tradizionalmente riluttanti a condividere conoscenze top secret. I commenti degli esperti raccolti dal Financial Times

 

La scorsa settimana, in una sala universitaria gremita a Canberra, Jeremy Fleming, il capo dell’agenzia di spionaggio britannica GCHQ, ha condiviso il tipo di informazioni classificate che lasciano a bocca aperta e che il pubblico sente raramente. Così scrive il Financial Times.

Ha detto che i soldati russi in Ucraina si sono rifiutati di eseguire gli ordini, sabotando il loro stesso equipaggiamento e persino abbattendo accidentalmente i loro stessi aerei in segno di un calo del morale. Negli ultimi giorni i funzionari degli Stati Uniti hanno condiviso informazioni che suggeriscono che il presidente russo Vladimir Putin è stato ingannato sulla portata dei fallimenti del suo esercito.

Le recenti valutazioni sono l’ultima svolta in una nuova strategia adottata dai funzionari dell’intelligence occidentale, guidata dalle agenzie statunitensi, per declassificare le informazioni ad un ritmo rapido – una caratteristica sorprendente della risposta della comunità di spie all’invasione dell’Ucraina.

Rendere pubbliche tali informazioni e farlo rapidamente è un cambiamento significativo per le agenzie di intelligence, che sono state tradizionalmente riluttanti a condividere conoscenze sensibili. Il pensiero convenzionale era che la declassificazione delle valutazioni avrebbe rivelato fonti e metodi di raccolta delle informazioni, mettendo potenzialmente in pericolo la vita delle persone oltreoceano reclutate dalla CIA per spiare i loro paesi.

Avril Haines, la direttrice dell’intelligence nazionale, è stata determinante nella decisione degli Stati Uniti di iniziare a declassificare più informazioni in uno sforzo strategico per contrastare le false narrazioni della Russia, secondo tre persone informate sul cambiamento di strategia.

“Si dovrebbe dare credito ad Avril Haines per la decisione di rilasciare informazioni di intelligence”, ha detto un funzionario europeo. “È stato un vero colpo di genio per affrontare la disinformazione”.

Un funzionario statunitense ha affermato che la strategia era stata pianificata e coordinata dal Consiglio di Sicurezza Nazionale e attuata da Haines, dal direttore della CIA Bill Burns e da altri.

Come esperto ex diplomatico, Burns ha trascorso gran parte della sua carriera a usare le informazioni piuttosto che a fornirle. Questo punto di vista, unito alla sua esperienza in Russia, secondo gli ex funzionari, lo rende ideale per supervisionare il cambiamento di strategia.

“È un diplomatico, ma è anche un serio specialista della Russia – sa come pensano”, ha detto Daniel Fried, un ex diplomatico statunitense che ha gestito la politica delle sanzioni russe nell’amministrazione di Barack Obama e ora lavora al Consiglio Atlantico.

Fried ha detto che Haines, Burns e altri alti funzionari dell’amministrazione, tra cui Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale, hanno una lunga storia di fruizione dell’intelligence e possono quindi essere giudiziosi nel decidere come usarla. “Non cadranno preda di tentazioni amatoriali”, ha aggiunto.

Gli Stati Uniti hanno declassificato le informazioni a ritmo serrato da prima dell’invasione, prevedendo che Putin avrebbe invaso l’Ucraina anche se gli alleati erano più scettici. Ma la decisione di rilasciare informazioni dettagliate sui fallimenti della campagna militare della Russia è un’espansione di quello sforzo. Ha lo scopo di contrastare le affermazioni di Mosca che è seriamente interessata ai colloqui di pace e che ha completato con successo la “prima fase” della sua cosiddetta “operazione militare speciale”.

“Avevamo un corpo di informazioni che ci ha permesso di rivelarlo”, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione. “Sottolinea il fatto che i russi hanno portato avanti questa guerra in un modo che ha avuto molto meno successo di quanto originariamente previsto”.

L’intelligence occidentale inquadra il ritiro della Russia da Kiev come una chiara perdita piuttosto che un perno strategico e indebolisce la posizione contrattuale del paese nei colloqui di pace con l’Ucraina che, secondo gli Stati Uniti, Mosca non ha affrontato seriamente.

“Mentre facciamo tutto il possibile per rafforzare la posizione degli ucraini nei negoziati, è utile per le persone avere una migliore comprensione di quali informazioni arrivano a Putin e quali non arrivano a Putin”, ha detto un funzionario statunitense.

Un funzionario occidentale ha detto che la recente spinta degli Stati Uniti e del Regno Unito a rilasciare più informazioni era in parte intesa ad aumentare le possibilità che le élite di Mosca e i cittadini russi ricevessero un quadro più accurato della situazione in Ucraina.

Eugene Rumer, un ex alto funzionario dell’intelligence statunitense sulla Russia, ora al Carnegie Endowment for International Peace, ha detto che le apparenti divisioni tra Putin e i suoi capi militari supportano la valutazione americana degli errori di calcolo del presidente russo dall’inizio della guerra.

“Sottolinea al mondo l’inutilità, la stupidità, la follia dell’approccio di Putin all’Ucraina”, ha detto il funzionario. “Si spera che questo raggiunga anche il pubblico russo e alimenti la narrativa interna russa”.

Le rivelazioni sono un asse di una strategia più ampia che è stata in atto dall’inizio della guerra per declassificare le informazioni sui piani e i movimenti della Russia per raccogliere il sostegno internazionale per l’Ucraina e combattere gli sforzi russi per effettuare operazioni “false flag” e diffondere la disinformazione.

Lo scorso autunno, hanno detto alcuni funzionari statunitensi, il presidente Joe Biden ha dato il via libera alla campagna di informazione pubblica e al declassamento proattivo e alla declassificazione dell’intelligence sulle intenzioni della Russia.

Gli Stati Uniti hanno anche iniziato a condividere le informazioni di intelligence con gli alleati e i partner più ampiamente del solito, con Haines e Burns che hanno viaggiato in Europa nel periodo precedente la guerra per condividere le informazioni oltre i paesi che fanno parte dell’accordo di condivisione dell’intelligence dei segnali “Five Eyes” – Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Nuova Zelanda e Australia.

Le informazioni passano attraverso un processo standard di declassificazione, con più personale e risorse aggiunte alle agenzie di intelligence per accelerare le cose.

Gli Stati Uniti hanno condiviso le informazioni sulla portata del rafforzamento russo al confine con l’Ucraina e la valutazione di Washington che Putin si stava preparando ad attaccare. Questo aiutò a sostenere le sanzioni che seguirono e a persuadere gli alleati scettici come Francia e Germania sulla serietà dell’invasione di Putin.

Tra l’inizio di novembre e la metà di febbraio, l’amministrazione Biden ha condotto più di 300 incontri e chiamate con alleati e partner sulla crisi ucraina, compresi molti che si sono concentrati sulla condivisione dell’intelligence, ha detto un funzionario statunitense. I partecipanti includevano, tra gli altri, il presidente, Sullivan, il segretario di Stato Antony Blinken e il segretario alla difesa Lloyd Austin.

Gli Stati Uniti sono stati incoraggiati dal fatto che la maggior parte delle loro valutazioni delle operazioni russe in Ucraina sono state corrette, in contrasto con i recenti fallimenti dell’intelligence in Afghanistan, dove l’amministrazione si aspettava che l’esercito afgano respingesse i talebani per diversi mesi piuttosto che arrendersi rapidamente. Ha anche aiutato a conquistare gli alleati scettici che ricordano le affermazioni errate secondo cui l’Iraq aveva armi di distruzione di massa.

Altri paesi si sono sbagliati nelle loro valutazioni, tra cui la Francia, dove il capo dell’intelligence militare avrebbe perso il suo lavoro dopo non aver previsto l’invasione della Russia.

Dall’inizio dell’invasione, anche il Regno Unito è diventato più aggressivo nel rilasciare informazioni che in precedenza sarebbero rimaste classificate, in parte perché i funzionari hanno concluso che l’Occidente non era stato abbastanza attivo nel condividere le informazioni quando la Russia ha invaso la Georgia nel 2008 e la Crimea nel 2014, o quando il Cremlino è intervenuto per sostenere il regime di Bashar al-Assad in Siria nel 2015.

“Deve essere fatto perché rende più difficile per la Russia negare ciò che sta facendo, che è stato un problema nel 2008, nel 2014 e in Siria”, ha detto un funzionario occidentale.

Washington continuerà a declassificare e diffondere massicciamente le informazioni di intelligence predittive, così come altre informazioni che ritiene utili, hanno detto i funzionari statunitensi.

Rolf Mowatt-Larssen, un ex ufficiale operativo senior della CIA, ha detto che l’approccio più aperto è un “nuovo paradigma per l’intelligence”.

E un senior fellow al Belfer Center della Harvard Kennedy School, Mowatt-Larssen ha aggiunto: “Mostra che l’intelligence dovrebbe essere attivamente coinvolta nel conflitto per massimizzare la potenza del suo impatto”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top