skip to Main Content

Google Flights mostrerà l’impatto ambientale dei nostri viaggi

Google Voli

Che cosa è e a che cosa servirà Google Flights

 

Per aiutare gli utenti a trovare opzioni di viaggio più sostenibili, Google ha lanciato una funzione che mostra una stima delle emissioni di carbonio per quasi ogni volo nei suoi risultati di ricerca. Ora, al momento del confronto e della scelta del volo, i viaggiatori, insieme al prezzo e alla durata, saranno in grado di valutare anche l’impatto ambientale.

James Byers, senior product manager di Google Flights, ha detto che le stime delle emissioni sono basate su una combinazione di fattori, come la distanza di un viaggio, il numero di scali, la quantità e la classe dei posti a bordo, il tipo di aereo e i dati dell’Agenzia Europea dell’Ambiente – scrive il Washington Post.

Questa novità che si applica anche alle ricerche di hotel di Google, potrebbe essere preziosa nella lotta contro il cambiamento climatico, suggerisce Katharine Hayhoe, direttrice del Climate Center alla Texas Tech University.

“Sono una grande fan della conoscenza, e penso che semplicemente rendere le persone consapevoli della quantità di carbonio che i loro viaggi stanno producendo sarà davvero prezioso”, ha detto Hayhoe, autrice di Saving Us: A Climate Scientist’s Case for Hope and Healing in a Divided World.

In un modo simile, per Hayhoe questo avviene con il conteggio delle calorie o delle bollette elettriche che mostrano il consumo di un cliente rispetto a quello dei suoi vicini. Se le persone possono vedere quanto stanno consumando questo può spingerle a cambiare il loro comportamento. E la trasparenza potrebbe motivare anche le compagnie aeree.

“Permetterà alle compagnie che stanno facendo la cosa giusta – che stanno implementando tecnologie sperimentali come i biocarburanti o gli aerei elettrici – di evidenziare i benefici in un modo che tutti saranno in grado di vedere immediatamente”, ha detto Hayhoe.

Milan Klöwer, dottorando di informatica climatica all’Università di Oxford, che lavora anche ad altri progetti di ricerca sul contributo dell’aviazione al riscaldamento globale, concorda sul fatto che la condivisione dei dati sulle emissioni al pubblico è importante per creare concorrenza tra le compagnie aeree al fine di migliorare le pratiche ambientali.

“Tuttavia, l’uso di una tale valutazione come scelta per i clienti ha sicuramente anche un forte aspetto di greenwashing, perché sposta la responsabilità dalla società/industria verso gli individui”, ha detto Klöwer a The Post in una e-mail. Ha aggiunto: “In questo senso, è fantastico che un cliente abbia la scelta tra un volo con 161 kg di emissioni di CO2 o 191 kg di emissioni di CO2, ma questo non rende esplicito che una compagnia aerea sceglie se vuole investire di più in efficienza/riduzione delle emissioni di carbonio o no”.

Byers, product manager, ha detto che Google ha ottenuto una grande risposta dal settore delle compagnie aeree, che sembra rispettare il segnale che lo strumento invia.

“Vediamo le emissioni, mettiamo il consumatore nella condizione di fare una scelta migliore, e diciamo alle compagnie aeree che questo problema conta”, ha detto Byers. “Conta insieme ai carburanti sostenibili per l’aviazione, alle attrezzature moderne, alle buone pratiche operative. Ma è un altro segnale per loro, e crediamo che lo apprezzeranno”.

“I clienti stanno facendo della sostenibilità una priorità quando si tratta di viaggiare, e anche noi”, ha detto Jill Blickstein, amministratore delegato di American Airlines per l’ambiente, il sociale e la governance, in una dichiarazione.

Byers ha detto che l’iniziativa sulle emissioni di volo è iniziata qualche anno fa come un progetto collaterale tra i dipendenti. Ma da allora Google ha creato un team per concentrarsi esclusivamente sulla sostenibilità dei viaggi, parte della sua più grande spinta a dare agli utenti strumenti per prendere decisioni più eco-friendly, dalla prenotazione di viaggi allo shopping online.

E ora che ha elaborato un modello per calcolare le emissioni dei viaggi aerei Google vuole farne un uso più ampio. Come nuovo partner nella coalizione Travalyst – l’iniziativa di viaggio sostenibile del principe Harry di Gran Bretagna, con partner fondatori come Booking.com, Tripadvisor e Visa – l’azienda lo condividerà liberamente.

“Noi, con Travalyst, aiuteremo a sviluppare questo modello in versione standardizzata per calcolare le emissioni di tutto il settore”, ha detto Byers. “Crediamo che sia fondamentale che il modello che costruiamo sia un modello aperto dove l’industria e i nostri viaggiatori capiscano tutto ciò che vi ruota intorno. E speriamo e cercheremo di adottarlo il più ampiamente possibile in tutto il settore”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore