skip to Main Content

Gli Stati Uniti cercano di coinvolgere gli alleati nell’assalto all’industria cinese dei chip. Report Financial Times

Chip Stati Uniti

Alcuni esperti sostengono che la campagna di Washington per il controllo delle esportazioni sarà penalizzata senza la partecipazione di Giappone e Paesi Bassi. L’approfondimento del Financial Times

 

Nelle sue prime dichiarazioni pubbliche dopo che gli Stati Uniti hanno preso di mira l’industria cinese dei chip con severi controlli unilaterali sulle esportazioni, un funzionario del Dipartimento del Commercio ha affermato che l’America spera di trovare un accordo con gli alleati per maggiori controlli “a breve termine”. Scrive il Financial Times.

Parlando al think-tank Center for a new American Security, tre settimane dopo l’introduzione delle misure del 7 ottobre, Alan Estevez, sottosegretario al commercio per l’industria e la sicurezza, ha citato i colloqui con i Paesi Bassi e il Giappone sull’imposizione di restrizioni all’esportazione di strumenti per la produzione di chip in Cina.

L’amministrazione Biden sta cercando di raggiungere un accordo trilaterale con i suoi alleati da oltre un anno, come parte della sua strategia per rendere molto più difficile alla Cina lo sviluppo di semiconduttori avanzati necessari per scopi militari.

Alcuni sono rimasti sorpresi dal fatto che gli Stati Uniti abbiano insistito con i controlli del 7 ottobre prima di raggiungere un accordo trilaterale con Tokyo e l’Aia, che avrebbe completato il loro più ampio sforzo per rallentare l’industria cinese dei chip.

Il mercato degli strumenti per la produzione di chip è dominato da tre aziende statunitensi – Applied Materials, Lam e KLA – oltre a Tokyo Electron in Giappone e ASML nei Paesi Bassi. Estevez ha dichiarato che l’azione unilaterale, che colpirà i gruppi statunitensi, dimostra quanto Washington stia trattando seriamente la questione.

“Eravamo disposti ad agire da soli come anticipo e a dimostrare che eravamo in gioco mentre discutevamo con i nostri alleati”, ha dichiarato.

I tre Paesi non hanno ancora raggiunto un accordo, in parte perché il Giappone e, in particolare, i Paesi Bassi vogliono assicurarsi che le loro aziende non siano svantaggiate.

Alla domanda se gli Stati Uniti avessero dato agli alleati una scadenza per un accordo prima di muoversi unilateralmente, Estevez ha risposto: “Non affrontiamo queste discussioni in modo coercitivo. Sono nostri alleati. Mi piace il sakè e anche la birra olandese”.

Il segretario al Commercio, Gina Raimondo, ha poi detto che i Paesi Bassi e il Giappone “seguiranno il nostro esempio”, ma Bloomberg ha riferito che ha detto all’industria che potrebbero volerci anche nove mesi.

Estevez e Tarun Chhabra, il funzionario della Casa Bianca per la sicurezza nazionale che ha guidato la politica del 7 ottobre, visiteranno i Paesi Bassi questo mese per spingere per un accordo, secondo diverse persone che hanno familiarità con il piano.

All’inizio dell’anno le nazioni erano vicine a un accordo provvisorio che avrebbe vietato le esportazioni di strumenti in grado di produrre chip a 10 nanometri. Ma l’Aia si è dimostrata meno disponibile dopo che gli Stati Uniti hanno sottolineato la necessità di avere un limite inferiore di 14 nm – un chip meno avanzato – che corrisponde in parte ai controlli del 7 ottobre.

Un’altra fonte che conosce bene la questione ha detto che Washington ha sentito maggiore urgenza di fissare la soglia a 14 nm dopo che Semiconductor Manufacturing International Corp, il principale produttore di chip cinese, ha sviluppato un chip a 7 nm. L’imposizione di una soglia di 14 nm renderebbe più difficile per SMIC sviluppare chip più avanzati, in particolare con una resa produttiva economicamente vantaggiosa.

Un’altra persona ha dichiarato che l’Aia si è sentita frustrata a settembre quando Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale, ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero abbandonare l’attuale approccio “a scala mobile”, che prevede di mantenere due generazioni di chip in anticipo rispetto ai rivali e cercare invece di “mantenere un vantaggio il più ampio possibile”. I suoi commenti hanno suggerito che Biden intende adottare un approccio più aggressivo di quanto alcuni alleati si aspettassero.

Il dipartimento del commercio statunitense e il governo olandese non hanno voluto commentare. Il ministro del commercio giapponese, Yasutoshi Nishimura, ha recentemente dichiarato che Tokyo stava discutendo con gli Stati Uniti su come “rispondere in modo appropriato”.

Martijn Rasser, esperto di tecnologia e sicurezza nazionale presso il CNAS, si è detto “ottimista” riguardo a un accordo. “Il Giappone e i Paesi Bassi hanno gli stessi interessi strategici in gioco ed è nel loro interesse a lungo termine coordinarsi con Washington per gestire la sfida della Cina e le specifiche minacce militari in questione”, ha affermato.

Il team di Biden ha avuto successo nel convincere gli alleati europei e asiatici, precedentemente nervosi, ad assumere una posizione più forte nei confronti della Cina. Ma non è chiaro se Tokyo e l’Aia, o altri alleati, saranno disposti a spingersi fino a dove i funzionari statunitensi hanno suggerito che sia possibile.

“A causa dell’audacia e dell’ampiezza di questi nuovi controlli e delle allusioni a obiettivi statunitensi più massimalisti per contenere in modo sostanziale lo sviluppo tecnologico della Cina, questi controlli metteranno alla prova questa teoria”, ha dichiarato Jon Bateman, esperto di tecnologia presso il Carnegie Endowment for International Peace.

Emily Kilcrease, esperta di commercio e sicurezza presso il CNAS, ha concordato sul fatto che non è chiaro se gli alleati degli Stati Uniti saranno d’accordo con il nuovo approccio delineato da Sullivan. “Ci si chiede se i partner o gli alleati implementeranno controlli coerenti con la nuova strategia statunitense di tenere la Cina il più indietro possibile”, ha affermato. “C’è qualcun altro che è d’accordo con questa strategia aggressiva?”.

Masahiko Hosokawa, ex funzionario del ministero del Commercio giapponese, ha dichiarato che gli Stati Uniti, il Giappone e i Paesi dell’UE, compresi i Paesi Bassi, stavano discutendo da mesi un quadro comune prima che gli Stati Uniti cogliessero di sorpresa i loro alleati con una mossa unilaterale. I funzionari statunitensi sottolineano di aver informato gli alleati in anticipo.

“Gli Stati Uniti hanno preso la palla al balzo a causa di circostanze politiche interne e perché i negoziati con l’Europa stavano durando più del previsto”, ha dichiarato Hosokawa, che è anche professore presso la Meisei University.

Hosokawa ha poi aggiunto che Tokyo è allineata con Washington sul quadro più ampio, ma ha avvertito che i vincoli legali giapponesi rendono difficile per Tokyo implementare i controlli senza un consenso internazionale.

Jim O’Brien, funzionario del Dipartimento di Stato, ha recentemente dichiarato al FT che gli Stati Uniti stanno “avviando discussioni approfondite” con il Giappone, la Corea, l’UE, il Canada e il Regno Unito sull’approccio appropriato per affrontare la Cina.

Un’altra questione è se Washington cercherà di convincere gli alleati a imporre altri controlli, come ad esempio replicare il divieto imposto dagli Stati Uniti alle proprie aziende e ai propri cittadini che forniscono servizi ai produttori di chip cinesi.

“I nuovi divieti saranno controproducenti e anche inefficaci, a meno che gli Stati Uniti non riescano a convincere, come minimo, i governi olandese e giapponese a utilizzare le loro autorità ‘catch-all’ per proibire ai loro cittadini e alle loro aziende di fornire gli stessi tipi di servizi e articoli”, ha dichiarato Kevin Wolf, avvocato specializzato in controlli sulle esportazioni presso Akin Gump.

Wolf ha affermato che Tokyo e l’Aia avrebbero l’autorità legale per imporre tali controlli a causa del collegamento che il governo statunitense ha fatto tra i chip avanzati e i programmi cinesi sulle armi di distruzione di massa.

“Tutto ciò che serve è la volontà politica di usarli”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore