skip to Main Content

Perché gli azionisti di Facebook spintonano Zuckerberg sulla governance

Facebook Governance

Meta, la società di Facebook, è sotto pressione degli azionisti per migliorare la governance generale. L’articolo del Wall Street Journal

Facebook sta affrontando più richieste da parte degli azionisti per affrontare i danni sulle sue piattaforme e la governance generale come la società, ora conosciuta come Meta risponde alla pressione dei legislatori e altri.

Gli azionisti, tra cui il New York State Common Retirement Fund e l’Illinois State Treasurer, sono tra un gruppo di investitori che hanno presentato collettivamente otto proposte degli azionisti da prendere in considerazione alla riunione annuale della società – scrive il WSJ.

Le risoluzioni includono richieste di supervisione del consiglio di amministrazione sugli sforzi per ridurre i contenuti dannosi, una valutazione del rischio degli sforzi metaverso della società e una revisione del comitato di controllo e di rischio della società di social media, secondo l’Investor Alliance for Human Rights, un’iniziativa del gruppo di investitori basato sulla fede Interfaith Center on Corporate Responsibility.

I membri dello stesso gruppo l’anno scorso hanno presentato sei proposte che sono state sconfitte dagli azionisti alla riunione annuale della società, tra cui una richiesta di un presidente del consiglio indipendente.
Meta ha una struttura di azioni a doppia classe, che concede il potere di supervisione a certi possessori. Il presidente e CEO Mark Zuckerberg può esercitare il controllo delle azioni di supervisione che rappresentano circa il 58% del voto, secondo la delega.

“Facebook è disposto a permettere un certo livello di discorsi di odio, disinformazione politica e retorica divisiva in modo da poter fare più soldi”, ha detto il tesoriere statale dell’Illinois Michael Frerichs. “Questo è esattamente il motivo per cui la struttura di governance del consiglio deve cambiare”.

Il portavoce di Meta, Ryan Moore, ha detto che la società apprezza le opinioni dei suoi investitori e si impegna regolarmente con loro. “Comprendiamo la responsabilità che deriva dal gestire una piattaforma globale in cui dobbiamo affrontare alcune delle questioni più complesse che hanno un impatto sulla società e su internet in generale”, ha detto in una dichiarazione. “Abbiamo ogni incentivo commerciale e morale per cercare di dare al massimo numero di persone un’esperienza il più possibile positiva su Facebook”.

Le proposte degli azionisti arrivano in un momento di accresciuta critica della società di social media dopo le rivelazioni all’inizio di quest’anno nella serie Facebook Files del Wall Street Journal che ha mostrato che la società sapeva che le sue piattaforme avevano difetti che hanno causato danni ad alcuni dei suoi utenti e non è riuscita a risolverli.

Il signor Zuckerberg ha detto che le critiche dipingono un quadro falso della società che ha co-fondato.

Meta ha affrontato una serie di audizioni e indagini sulle accuse di danni causati dai suoi servizi. Il capo di Instagram, che è anche di proprietà di Meta, ha testimoniato al Congresso la scorsa settimana, scontrandosi con i legislatori sull’impatto dell’app di photo-sharing sui giovani utenti. A metà novembre, una coalizione bipartisan di procuratori generali dello stato ha detto che sta indagando su come Instagram attrae e colpisce i giovani.

Un portavoce di Meta ha detto che l’indagine era basata su un malinteso di questioni che riguardano anche altre piattaforme di social media.

Gli azionisti sono attesi a fare ulteriormente il loro caso alla riunione annuale degli azionisti di Meta, che di solito si svolge nel mese di maggio. In inverno, le aziende spesso si incontrano privatamente con i grandi azionisti che fanno il loro caso per i cambiamenti. Alcuni azionisti presentano proposte senza parlare prima con l’azienda.

Dopo la pubblicazione dei file di Facebook, più di 50 investitori che fanno parte dell’Investor Alliance for Human Rights hanno discusso su cosa dovrebbero fare per affrontare le scoperte che le piattaforme di Facebook causano danni, ha detto Anita Dorett, direttore dell’iniziativa degli investitori, che rappresenta più di 6.000 miliardi di dollari di asset in gestione.

Alcuni investitori hanno detto che con la carrellata di documenti e dati interni di Facebook c’era una nuova opportunità di spingere per una maggiore trasparenza e cambiamenti strutturali. Almeno una mezza dozzina di investitori del gruppo hanno contattato Facebook per esprimere preoccupazioni e chiedere maggiori informazioni, ha detto la signora Dorett. Ha aggiunto che le nuove e ulteriori proposte presentate dal gruppo quest’anno si concentrano sui danni causati da Facebook, date le nuove informazioni dei documenti interni.

Il signor Moore di Meta ha detto che l’azienda ha speso più di 5 miliardi di dollari nel 2021 per la sicurezza e ha 40.000 persone che lavorano su questi temi. Ha aggiunto che Meta ha investito in nuovi modi per trovare e rimuovere i discorsi d’odio, tagliando la quantità di discorsi d’odio che la gente vede su Facebook da più della metà nell’ultimo anno.

La scadenza per le proposte degli azionisti era il 10 dicembre.

“Quando le azioni stanno salendo, nessuno vuole lamentarsi dei problemi di governance di Meta Platforms, ma i rischi sono sempre lì”, ha detto Julie Goodridge, amministratore delegato di NorthStar Asset Management Inc. che insieme al New York State Common Retirement Fund ha presentato una proposta che chiede che ogni azione abbia un voto uguale. “Le recenti rivelazioni dovute al whistleblower Frances Haugen hanno riaffermato ciò che già sapevamo: che nessuno può tenere Zuckerberg responsabile se non lui stesso. Questa struttura non è buona per l’azienda o per la nostra società”.

Il signor Moore ha detto che la società ha forti misure di corporate governance in atto, indicando il suo direttore principale indipendente e l’impegno regolare con gli investitori.

As You Sow, un’organizzazione senza scopo di lucro, ha presentato una proposta degli azionisti che chiede una maggiore supervisione del consiglio di amministrazione sugli sforzi per ridurre i contenuti dannosi generati dagli utenti. “Gli azionisti devono capire perché queste soluzioni tecnologiche continuano a non proteggere la società civile”, ha detto Andrew Behar, CEO di As You Sow.

Moore ha detto che l’amplificazione di contenuti falsi, divisivi, odiosi e incitanti è dannosa per la comunità di Meta, e l’azienda condivide i suoi progressi attraverso rapporti di trasparenza. Il comitato di controllo e di rischio di Meta, per esempio, riceve rapporti dalla direzione su questioni come la sicurezza, i diritti umani e i diritti civili.

La società di investimenti Arjuna Capital ha presentato una proposta chiedendo che il consiglio di amministrazione commissioni un rapporto per valutare i possibili danni del progetto metaverso della società. “Gli stessi problemi con cui Facebook sta facendo i conti – discriminazione, violazioni dei diritti umani e civili, incitamento alla violenza e violazioni della privacy – saranno solo aumentati nel metaverso”, ha detto Natasha Lamb, managing partner di Arjuna Capital.

Il signor Moore ha sottolineato le dichiarazioni precedenti di Zuckerberg e di altri dirigenti sulla costruzione del metaverso in modo responsabile e la sicurezza delle persone nella realtà virtuale.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore