skip to Main Content
ads

Da Facebook ad Amazon: cosa dobbiamo aspetterci nell’ambito tech nel 2018

Prophesee

Social network e politica, la promessa ancora insoddisfatta della realtà aumentata, giochi pay-to-play: cosa potrebbe cambiare nell’anno a venire

 

Le aspettative tech per questo 2018 nell’ambito della tecnologia sono numerose e ambiziose. Intelligenza artificiale, internet of things, realtà aumentata, fintech cambieranno le nostre abitudini. Quali le novità che dobbiamo attenderci per questo 2018?

 

Echo e Home inizieranno a parlare

tecnologiaEcho e Home,  i due dispositivi per la smart home, rispettivamente di Amazon e Google,  hanno  da sempre un problema: comunicare agli utenti cosa possono fare, quali sono le funzioni, cosa cambia con i a rapidi e continui aggiornamenti di software.

Amazon e Google sperimentano costantemente nuovi modi per aggirare questo problema, ma finora sono stati timidi. Amazon invia un’email settimanale, mentre Google include alcuni suggerimenti nella sua app. Il 2018 li vedrà probabilmente più audaci, soprattutto perchè sono chiamati a difendersi da potenti rivali come Apple, che debutterà sul mercato con un device AI  più accattivante.

Non stupiamoci quindi se Google Home o Amazon Echo iniziano a rispondere, piuttosto che eseguire semplicemente i comandi: potrebbero chiedere un po’ più di informazioni contestuali, per svolgere meglio il ruolo che gli si assegna o potrebbero suggerire qualcosa cui non avremmo nemmeno pensato di chiedere loro, in base ai modelli di utilizzo (e, nel caso di Google, conoscenza quasi onnisciente dei tuoi movimenti e delle abitudini dell’utente) del device.

Le conversazioni effettive saranno probabilmente rare per gli assistenti vocali, anche per evitare di essere invadenti, ma con entrambe le piattaforme aperte anche agli sviluppatori di terze parti, possiamo aspettarci di vedere un’evoluzione grazie ai chatbot con cui organizzazioni come la BBC sono già alle prese.

Facebook e il grave problema delle fake news 

Nel 2018 non si prevede alcun buon risultato per Facebook e la società sembra saperlo. È bloccata tra due imperativi in ​​competizione ed è difficile vedere come possa tracciare un percorso nuovo immerso tra Scilla e Cariddi.

Da un lato, l’azienda deve dimostrare in modo definitivo che è riuscita a proteggere gli Stati Uniti da ulteriori interferenze russe. Questa è una preoccupazione quasi esistenziale per Facebook, al punto che l’indagine sulle azioni dell’Agenzia di Ricerca Internet sul sito è sfociata nella peggiore rassegna stampa che abbia mai avuto e ha già reso il 2017 un inferno per l’azienda.

Quel bisogno di difese va oltre la questione con la Russia. Facebook ha ancora un problema con “fake news” e i suoi sforzi per ostacolare la diffusione di hoaxes, bad reporting e deliberata propaganda non hanno funzionato. La questione è andata così male che Facebook sta sperimentando semplicemente una spopolarizzazione delle notizie, permettendo la creazione di un feed di news in sei paesi in tutto il mondo che rimuove le news in una colonna secondaria, il “feed di esplorazione”.

Commercialmente Facebook ha ancora bisogno di mostrare che può essere uno strumento fondamentale per le elezioni. Si rivolge a funzionari e candidati eletti in tutto il mondo, persino a una pagina delle elezioni speciali, guidandoli attraverso il processo di acquisto della pubblicità, ottimizzandola per il coinvolgimento organico e ottenendo un feedback degli elettori “onesto, in tempo reale”.

Nel tentativo di evitare la disinformazione, ha già iniziato a promettere nuove restrizioni sugli annunci politici. Ma esse non saranno sufficienti per impedire una campagna né potrebbero agire senza cambiare completamente la natura di Facebook.

Nuovi sistemi AI

tecnologiaI giochi sono terreno fertile per addestrare intelligenze artificiali avanzate. A ovvia differenza del mondo reale, possono essere eseguiti in avanzamento rapido, resettati all’istante e operati in grandi numeri contemporaneamente. È così che un sistema come DeepZind’s AlphaZero è stato in grado in poche ore di imparare a giocare a scacchi, Go e Shogi a uno standard migliore di quello mondiale: “giocando” un numero inconcepibile di partite contro se stesso, migliorando sempre, fino a quando ha avuto più esperienza in ogni gioco rispetto a tutti i grandi maestri del mondo messi insieme.

Il prossimo passo per molti praticanti di IA è quello di passare dal tavolo ai videogiochi. È possibile utilizzare giochi più avanzati, non per migliorare la scienza di base sulla creazione di una rete neurale forte, ma per sfruttare gli stessi elementi di simulazione che li rendono divertenti per il giocatore tipo: la gestione di un’auto sulla strada in Grand Theft Auto, ad esempio, o il motore fisico che fa volare i corpi in modo realistico in un gioco sparatutto in prima persona.

Le auto a guida autonoma sono state addestrate per oltre un anno sul gioco di guida mondiale Grand Theft Auto, imparando a etichettare diversi oggetti in una scena e guidare un’auto secondo le regole della strada. Ma i recenti rilasci di software da parte delle principali società di software di gioco come Unity e OpenAI sembrano probabilmente accelerare questa tendenza. Staremo a vedere.

Bitcoin si bloccherà?

Fare previsioni sulle criptovalute è quasi impossibile. La prima volta che il Guardian ha notato che Bitcoin era in una bolla era giugno 2011, quando la valuta valeva appena un massimo di $30, mentre attualmente vale circa $13.000. E poiché questa bolla speculativa non è solo bitcoin, ma coinvolge una serie di investimenti in una serie di criptovalute, tra cui ethereum, monero e una serie di bitcoin, un incidente potrebbe succedere ed essere innescato da uno qualsiasi di circa 20 mercati. I rumors parlano di scoppio della bolla nel 2018.

Quindi la domanda non è se la bolla scoppierà, ma cosa verrà dopo. 

La realtà aumentata

Questa tecnologia ha ricevuto una grande spinta con il rilascio di iOS 11 a settembre 2017, consente agli sviluppatori di sovrapporre oggetti virtuali al mondo reale: si può utilizzare il telefono puntandolo al cielo notturno e vedere le costellazioni sul suo schermo o farlo ondeggiare mentre si gioca a Pokémon Go e guardare Pikachu saltare come se fosse davvero nel parco.

Al momento la tecnologia sta fluttuando nel territorio della novità e sembra che sarà difficile capire quale sia l’utilizzo ottimale. Per fortuna, a differenza della realtà virtuale, la tecnologia sorella, AR non richiede alcun hardware speciale da utilizzare – solo un telefono relativamente nuovo con l’ultimo sistema operativo – il che significa che non ha bisogno di convincere la gente a spendere decine o centinaia di euro in nuovo equipaggiamento.

L’AR ha solo bisogno di qualcosa di divertente o abbastanza utile da far ricordare alla gente cosa sia, almeno finché non arrivi un mezzo di impiego veramente buono. Ci sono molti sviluppatori che cercano di riempire quello spazio, ma quelli con il miglior potenziale occupano spazi di attività che le persone sono già felici di fare fisicamente. Ciò significa no alle timeline di Twitter di AR e sì ai giochi da tavolo in AR.

Ci sono già alcuni esperimenti che indicano la strada, dal gioco di guerra da tavolo alimentato da AR The Machines alla variante di scacchi ispirata a Star Wars di HoloGrid, Monster Battle. Nessuno l’ha abbastanza inchiodato, ma tutti ne dimostrano il potenziale. Immagina di poter sedere a un tavolo reale con una tavola reale e giocare a un gioco virtuale con amici e persone care in tutto il mondo. Forse nel 2018 tutto questo potrà succedere e magari non si dovrà ricorrere necessariamente al ritorno in famiglia fisicamente, se si vive a distanza, per la consueta tombolata natalizia.

 

Giovanni Malaspina

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore